IL CONCORSO VERONESE

Buona la prima per
Believe Film Festival

13/12/2020 10:31

«Non smettete di andare al cinema». Questo l’invito che venerdì sera il Direttore Artistico della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, Alberto Barbera, ha rivolto a tutti i ragazzi e agli spettatori collegati in diretta per la terza edizione del Believe Film Festival. Un evento eccezionale, che ha sfidato le difficoltà di questo periodo reinventandosi, per lanciare un messaggio di speranza ai ragazzi e al mondo del cinema.

Il concorso veronese di cortometraggi per giovani dai 14 ai 24 anni, organizzato dal team Believe, per l’occasione, si è infatti trasferito online e ha modificato il proprio format, chiedendo ai 12 partecipanti, provenienti da tutta Italia, di realizzare uno spot di 40 secondi sul tema “Oltre la crisi la creatività. I giovani tra rete e relazioni salvano il cinema”.

La serata, gestita interamente dai ragazzi dello staff dell’Associazione Believe in ottemperanza ai protocolli di sicurezza anti-Covid e con gli ospiti e i concorrenti collegati da remoto, si è aperta con un intervento dell’assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Verona, Francesca Briani, che ha fatto un plauso ai partecipanti e agli organizzatori del festival per aver creduto nel progetto nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria. A seguire è stata la volta della “Iena” Ismaele La Vardera, che ha portato ai ragazzi la propria esperienza come giornalista, ma anche come protagonista del docufilm “Il sindaco – Italian politics for Dummies”. Il terzo intervento è stato del Direttore Artistico della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, Alberto Barbera, che ha parlato del momento di difficoltà che sta vivendo il cinema, ma anche di come questo periodo abbia aperto le porte a nuove opportunità, rappresentate dalle piattaforme di streaming “on demand”, che porteranno a una richiesta sempre più grande di contenuti.

Dopo l’intervento di Barbera la serata è proseguita con la visione del cortometraggio “Il Capolavoro” del giovane regista piemontese Stefano Moscone, distribuito da Premiere Film e Prodotto da NewGen Entertainment, al termine del quale Moscone ha raccontato come è iniziata la sua passione per il cinema e per la regia. A chiudere gli interventi è stato poi il Direttore Artistico della Florence Movie Academy, Lorenzo Cioni, che ha svelato ai ragazzi i segreti per realizzare uno “spot” di successo.

Difficile la scelta della giuria, composta dagli ospiti della serata, che ha infine assegnato il premio a Francesco Arcese e al suo spot “Il cinema è morto?”. A portare a casa il premio dello staff Believe, invece, è stato “Project for the future” di Niccolò Salvato. Vince, invece, il premio del pubblico, che ha votato nel corso dell’evento il suo spot preferito sull’App BePLAY e sul profilo Instagram del Festival, lo spot di Livia Ferraguzzi: “Shadows”. Due le menzioni speciali della giuria per “L’idea creativa”: la prima è andata sempre a “Shadows”, di Livia Ferraguzzi, mentre la seconda è andata a “Infinito” di Pietro Savonitto.

I vincitori hanno ottenuto: una borsa di studio per la Florence Movie Academy, un workshop organizzato da Florence Movie Academy e strumenti tecnici.


 
Nessun commento per questo articolo.