INTERVENTO AGS

Nuovo sfioratore
di piena a Lazise

22/11/2020 17:15

A Lazise, nei pressi di piazzale Marra, Azienda Gardesana Servizi ha dato il via a un importante intervento di manutenzione straordinaria della rete fognaria. Il cantiere, allestito in via Prà del Principe, prevede la realizzazione di una nuova vasca di gestione e di trattamento delle acque di sovraflusso fognario di piena. L’impianto sarà dotato di sistema automatico di grigliatura fine delle acque.

“Si tratta di un intervento molto importante – sottolinea il presidente di AGS Angelo Cresco – perché propedeutico e funzionale ai prossimi e più importanti lavori di riqualificazione dell’intero collettore fognario del lago di Garda. In questo caso, viene realizzato un sistema di trattamento delle acque completamente automatizzato. La posa in opera del nuovo sfioratore, condivisa con il Comune di Lazise, ha un grande valore dal punto di vista ambientale perché permette una miglior tutela del delicato sistema costiero e delle acque del Garda”.

I lavori, che si concluderanno a inizio 2021, prevedono un investimento da parte di AGS pari a 150mila euro. Il progetto prevede che, una volta intercettate le tubazioni fognarie del collettore esistente, venga interrata una nuova camera prefabbricata in calcestruzzo armato, all’interno della quale sarà installato un impianto di trattamento avanzato delle acque di sfioro, mediante grigliatura fine.

“Il nuovo impianto – spiega Carlo Alberto Voi direttore generale di AGS – consentirà di controllare costantemente il trattamento delle acque di sfioro. Il sistema, infatti, è dotato di telecontrollo: attraverso sensori di ultima generazione, costantemente collegati alla sede di AGS, c’è la possibilità di monitorare in ogni momento il suo corretto funzionamento. Una volta ultimati i lavori, tutte le opere realizzate saranno interrate al di sotto della sede stradale. A bordo strada rimarrà solo un piccolo armadio in cui alloggiare il quadro elettrico”.

Durante l’esecuzione dei lavori, il transito dei veicoli lungo via Prà del Principe non è consentito. È sempre garantito, invece, il passaggio a pedoni e ciclisti tra l’area del parcheggio di piazzale Marra e la passeggiata a lago diretta verso Pacengo.


 
Nessun commento per questo articolo.