PARLA IL VIROLOGO IN PENSIONE

Palù: Nessun lockdown
basta con le isterie

24/10/2020 11:50

"C'è tanto allarmismo. È indubbio che siamo di fronte a una seconda ondata, ma la circolazione del virus non si è mai arrestata, anche se a luglio i casi sembravano azzerati, complice la bella stagione, l'aria aperta, i raggi ultravioletti che uccidono il virus. Poi c'è stato il ritorno dalle vacanze, la riapertura di tante attività e, soprattutto, il rientro a scuola". Così il virologo in pensione Giorgio Palù, intervistato da 'Il Corriere della Sera'.

"Parliamo di 'casi' - aggiunge - intendendo le persone positive al tampone. Fra questi, il 95% non ha sintomi e quindi non si può definire malato". Inoltre "è certo che queste persone sono state 'contagiate' ma non è detto che siano 'contagiose'. Potrebbero, se avessero una carica virale alta, ma al momento, con i test a disposizione, non è possibile stabilirlo in tempi utili per evitare i contagi".

Secondo Palù, in definitiva, "ci si dovrebbe attivare nel caso si individuino dei cluster". Rispetto ai bollettini quotidiani, "quello che veramente conta è sapere quante persone arrivano in terapia intensiva. In ogni caso questo virus ha una letalità relativamente bassa, può uccidere, ma non è la peste". L'attuale impennata per l'esperto è attribuibile "certamente alla riapertura delle scuole. Il problema non è la scuola in sé, ma sono i trasporti pubblici su cui otto milioni di studenti hanno cominciato a circolare. Tenere aperte le scuole è, però, indispensabile".

Lockdown? "Sono contrario come cittadino perché sarebbe un suicidio per la nostra economia; come scienziato perché penalizzerebbe l'educazione dei giovani, e come medico perché vorrebbe dire che malati, affetti da altre patologie, specialmente tumori, non avrebbero accesso alle cure. Tutto questo a fronte di una malattia, la Covid-19, che, tutto sommato ha una bassa letalità. Dobbiamo porre un freno a questa isteria".


 
Nessun commento per questo articolo.