ENRICO LETTA A VERONA

L'ex Premier da Allegri:
Veneto investa su giovani

18/09/2020 17:15

«Il Veneto che verrà deve investire nella ricerca e nell’alta formazione dei giovani. Se n’è si è parlato anche ieri sera ad Altavilla Vicentina insieme ad Enrico Letta. È un tema non più rinviabile». Così Giandomenico Allegri, candidato consigliere regionale Pd. Ha partecipato, Allegri, all’incontro di ieri con Enrico Letta, nel Vicentino, a sostegno della candidatura di Giacomo Possamai.

Già presidente del Consiglio, da anni impegnato nella formazione dei giovani a livello europeo, oggi dirigente della Paris School of International Affairs di Sciences Po a Parigi e presidente dell’Istituto Jacques Delors, Letta ha parlato di prospettive per i giovani veneti e di una Regione «gestita senza una visione d’ampio respiro».

Letta è intervenuto anche sul Mes e sul come usare i soldi in arrivo dall’Europa ribadendo la proposta dei centri di telemedicina: «Il nostro Paese è fatto di zone remote e lontane dai centri principali. A San Ginesio, piccolo Comune nelle Marche, c’è l’esperienza di un centro di telemedicina costruito con l’intervento di privati e che funziona. Con 1.000 centri di telemedicina in 1.000 Comuni caratterizzati da popolazione anziana e distanti oltre un’ora dall’ospedale più vicino, si aiuterebbe la sanità e si farebbero lavorare tante startup digitali».

Tornando al capitolo generale della ricerca, Allegri ha rimarcato, ad esempio, come «è di alcuni giorni fa l’ennesimo allarme delle associazioni di categoria circa la moria dei kiwi che non si arresta. Da lì la richiesta d’iniziative sinergiche tra Stato e Regioni e tra istituti scientifici sul fronte della ricerca. Io da tempo ribadisco la necessità stringente di un centro sperimentale di agricoltura in provincia di Verona: un’iniziativa del genere diventerebbe una delle tante occasioni per coinvolgere giovani laureati nell’ambito di un Veneto che ogni anno perde 12mila nuove leve attratte dal mercato del lavoro extra-Regione».

Nel suo saluto Allegri ha ricordato: «Conosco Letta dai tempi della mia segreteria provinciale nel Pd, abbiamo collaborato in passato, il suo passaggio in Veneto è importante per ribadire quanta strada ci sia da fare sul piano dell’alta formazione dei giovani». Così dal canto suo Letta: «Nelle liste regionali del Pd contano molto le persone, conosco Allegri come persona seria e perbene che ama la politica e vi si impegna con tutto il cuore: per lui mi sento di garantire».


 
Nessun commento per questo articolo.