FRATELLI D'ITALIA

Polato incontra giovani
di Confagricoltura Verona

16/09/2020 12:45

Lo definirei un confronto tra innovatori. Quello di oggi con i giovani agricoltori è stato un confronto molto bello, intenso, partecipato. L'agricoltura, come tutta l'economia, sta mutando e le nuove leve sanno cogliere con vivacità, intelligenza ed entusiasmo i cambiamenti. Un po' come sto cercando di fare io con la politica veronese, lanciando una proposta innovativa in Fratelli d'Italia, un progetto che guarda al futuro, al territorio, anche oltre le elezioni Regionali”.

Queste le parole di Daniele Polato, assessore del Comune di Verona e candidato di Fratelli d'Italia alle Regionali, dopo l'incontro di oggi con i giovani di Confagricoltura Verona e il loro presidente Pier Giovanni Ferrarese.

Polato e i giovani di Confagricoltura si sono confrontati sulle politiche agricole regionali, quelle già esistenti da salvaguardare (si veda il ruolo di Avepa nel sostegno alle PMI, e la politica di riduzione di consumo di suolo non urbanizzato) e quelle da attuare (piano faunistico che tuteli il bestiame contro gli attacchi di animali selvatici, e una strategia comune sui nuovi sistemi di irrigazione). Uno sguardo poi alla tutela e alla valorizzazione dei prodotti e delle eccellenze del territorio veronese. Al riguardo si è parlato di viticoltura e olivicoltura, cerealicoltura e bieticoltura. Si è poi sottolineata l'esigenza che la Regione solleciti lo Stato a varare finalmente un sistema che certifichi la qualità dei prodotti sotto il profilo del benessere animale nella zootecnica, in modo da sostenere le tipologie di allevamento che adottano elevati standard ambientali e di benessere per gli animali.

Pier Giovanni Ferrarese al termine dell'incontro con Polato ha dichiarato: “Come giovani agricoltori e come giovani della Confagricoltura abbiamo trovato positivo e costruttivo il confronto con Daniele Polato. È importante che la politica si confronti con gli attori e gli stakeholder del nostro settore, in particolare con noi giovani che siamo consapevoli dei mutamenti in atto nella filiera e nel mercato agroalimentare. È cambiato il mercato internazionale, la competizione, la tecnologia, è migliorata la sensibilità ambientale e quella del consumatore-cittadino. Il mio ruolo di presidente dei giovani di Confagricoltura Verona non è fare politica, ma creare relazioni politiche per favorire gli interessi legittimi dei Soci che ho il dovere di rappresentare. In occasione di questa tornata elettorale, pochissimi candidati hanno parlato di giovani, pochissimi hanno ricordato i giovani. Daniele ha ritenuto di incontrarci e conoscerlo è stato un piacere. Abbiamo conosciuto un candidato con un programma che va ben oltre l’obiettivo delle Regionali. Lo ringrazio per averci ascoltato e aver accolto le tematiche che abbiamo sottoposto alla sua attenzione. Occorre guardare al futuro, non al passato”.


 
Nessun commento per questo articolo.