AL TEATRO ROMANO

Fuga a tre voci con
Boni e Cescon

12/09/2020 10:15
Grandi nomi sul palco del Romano, dopo l’apertura con Ugo Pagliai e Paola Gassman, sabato 12 settembre, arrivano Alessio Boni e Michela Cescon, in scena con Fuga a tre voci. Un lavoro in cui Marco Tullio Giordana, acclamato regista e scrittore, racconta l’appassionante carteggio fra la poetessa Ingeborg Bachmann e il musicista tedesco Hans Werner Henz. Ad accompagnare gli attori, le musiche di Giacomo Palazzesi.

Prosegue la sezione prosa dell’Estate Teatrale Veronese, rassegna organizzata dal Comune di Verona.
La programmazione legata al TEATRO si suddivide in due sezioni, FESTIVAL SHAKESPEARIANO, nucleo centrale del cartellone, con progetti inediti nei contenuti, centrati sulla riscrittura drammaturgica e, ovviamente, adeguati nei formati al post Covid. E CLASSICHE PAROLE, dedicato ai temi della comunicazione a distanza.

Lo spettacolo racconta della relazione tra Hans Werner Henze e Ingeborg Bachmann. Quando si incontrano, ventiseienni, è l'autunno del 1952, ed entrambi stanno tentando di emergere nella scena artistica del dopoguerra, in una Germania ancora in macerie. Il compositore riconosce subito nella giovane scrittrice un'anima affine e una compagna di ricerca poetica. Inizia una collaborazione feconda e un’amicizia che si protrae per oltre due decenni, caratterizzata dall'entusiasmo, da una continua ebbrezza di vita, di lavoro e, presto, anche dalla disillusione e dall’infelicità. In una complessa partitura a due voci – nella quale se ne inserisce una terza costituita dalla musica di Henze - sfilano momenti di gioia e grande affetto e ogni collaborazione o scambio intellettuale fra i due lascia tracce ben più profonde di quanto il tono spesso svagato lasci supporre.

 
Nessun commento per questo articolo.