"NON SA LEGGERE LE SENTENZE"

Giovani della Lega
contro il writer "Cibo"

31/07/2020 15:45

"Evidentemente Pier Paolo Spinazzè, meglio conosciuto come 'Cibo', non sa neanche leggere una sentenza ed esulta pur essendo stato condannato nel procedimento civile: il giudice lo ha infatti obbligato, in sede civile, a cancellare post e murales in cui venga indebitamente e falsamente accostato il Movimento Giovani Padani al fascismo". Lo spiega Alberto Todeschini, coordinatore del gruppo dei giovani della Lega che, in sede civile, aveva chiesto al giudice di far rimuovere i post in cui l'artista associava al movimento riferimenti a fascismo e nazismo.

"Il Movimento Giovani Padani ha sempre preso le distanze da movimenti antisemiti nonché dall’intera corrente di pensiero fascista. Il nostro movimento viene diffamato da questi accostamenti", scriveva nel ricorso Todeschini.

"Stupisce che oggi 'Cibo' si dichiari vincitore in un procedimento in cui il giudice ha disposto la "cancellazione immediata" di quanto aveva scritto: o Cibo non sa leggere le sentenze o vive in un altro mondo. Oppure, più semplicemente, non ha perso, anche questa volta, il vizio di diffondere fake news contro chi non la pensa come lui. Ne prendiamo atto, nel frattempo si affretti a rimuovere le cialtronerie di cui è autore. Questa stessa precisazione si è resa necessaria dopo l'uscita di informazioni non vere attorno all'esito del procedimento, chiaramente sollecitate dallo stesso Cibo".


 
Nessun commento per questo articolo.