ELEZIONI REGIONALI

Sbrollini: Non si deve
votare nelle scuole

13/07/2020 11:05

"So che lei è cosciente di cosa abbia comportato per i bambini perdere la relazione sociale con i compagni di classe e i programmi didattici completi da marzo a settembre. Parliamo di 6 mesi di mancata crescita sociale a danno dei ragazzi e parliamo di 6 mesi di difficilissimi equilibri per i genitori nel cercare di rendere compatibili la formazione dei figli e il lavoro. Sarebbe uno schiaffo al mondo della scuola riaprire il 14 settembre e dopo 4 giorni chiudere per ospitare i seggi elettorali per almeno 5 giorni tra sanificazioni, operazioni di preparazione, elezioni e scrutini. Sono certa che a Lei, ministro, basterebbe firmare un atto che per la prima volta sposti le operazioni di voto per il referendum, per le elezioni regionali e per le amministrative in luoghi pubblici diversi dalle scuole, assegnando ai Comuni e alle Regioni l'obbligo di selezionare e rendere disponibili gli spazi pubblici in grado di garantire per vicinanza territoriale e sicurezza la sostituzione delle scuole". Così la candidata alla presidenza del Veneto, Daniela Sbrollini, in un passaggio della lettera inviata questa mattina alla ministra dell'Interno Luciana Lamorgese.


 
Nessun commento per questo articolo.