ANCHE A VERONA

Lotta ai tumori,
Lilt coinvolge le scuole

13/07/2020 09:45

"Non andare…in fumo" e "Me-la mangio" sono gli slogan adottati dalla la LILT, Lega Italiana per la lotta contro i Tumori di Verona per fare prevenzione tra i giovani studenti delle medie inferiori su condotte comportamentali e alimentari dannose per la salute. Con il patrocinio dell'Usl provinciale, dell'Ufficio Scolastico provinciale e del Comune di Verona, la partecipazione di Melinda e della cartolibreria Giustacchini, la Lilt che ha come missione la prevenzione oncologica, ha lanciato due concorsi tra le scuole di Verona, Sant’Anna D’Alfaedo e San Martino Buon Albergo. Si tratta dei Comuni in cui la Lilt è presente.

“La LILT, forte di protocolli d’intesa con i Ministeri della Salute e della Pubblica Istruzione, entra da tempo nelle scuole con progetti mirati alla prevenzione a supporto dell’attività di educazione alla salute” spiega Maria Dal Mas, vicepresidente della Lilt Verona e presidente della Commissione giudicatrice dei due concorsi la cui valutazione e premiazione è stata rimandata causa Covid19.

La Commissione si è riunita per valutare gli elaborati, disegni, canzoni e video proposti dagli studenti delle seconde e terze classi delle scuole interessate. A valutare gli elaborati, dei ragazzi che saranno esposti e premiati all’inizio dell’anno scolastico sono state Silvana Iglio, responsabile del progetto e membro del direttivo Lilt Verona, Maria dal mas vice presidente nel direttivo Lilt, Modestino Pezzella, chirurgo senologo dell’Ospedale di Negrar, Enrico Cadura, grafico, Eliana Amato, biologa nutrizionalista e Roberta Isoli, funzionario dell’Ufficio Scolastico Provinciale.

“Abbiamo messo assieme più professionalità, - spiega Silvana Iglio - per individuare gli elaborati più efficaci nel trasmettere i due messaggi di corretto comportamento alla popolazione giovanile, in modo da poterli sfruttare per successive campagne di comunicazione. L’obiettivo è rendere più recettive le future generazioni adulte nei confronti di stili di vita sani. Un ragazzo su cinque tra 13 e 15 anni fuma le sigarette tradizionali, il 18% quelle elettroniche. Sono alcuni dati italiani raccolti dal sistema di Sorveglianza Global Youth Tobacco Survey (Gyts), un’indagine globale (che coinvolge 180 Paesi e si svolge ogni 4 anni) sull’uso del tabacco fra i giovani, promosso dall’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms”.

Allo stesso modo è cruciale l’adozione di abitudini alimentari corrette per combattere il cancro. “Abbiamo privilegiato i messaggi che sollecitano i coetanei e gli adulti ad evitare l’assunzione di cibo ad alto contenuto di zuccheri e di grassi non buoni, responsabile di varie patologie ed obesità. L’obesità giovanile predispone a rischi per la salute ed espone i giovani ad essere vittime del bullismo.


 
Nessun commento per questo articolo.