CONVEGNO A BOLCA

Sostenibilità e ambiente
Serit in prima linea

12/07/2020 09:45

Sostenibilità, prevenzione, protezione ambientale. Sono questi i temi affrontati nel convegno promosso da Serit ed ospitato sabato pomeriggio nella sala del Museo dei Fossili di Bolca, col patrocinio del Comune di Vestenanuova ed il sostegno di Coldiretti, preceduto dallo sparo dei tradizionali trombini. Numerosi i sindaci, amministratori comunali e rappresentanti di associazioni che hanno portato la loro esperienza per quanto riguarda le azioni intraprese riguardo l’educazione alla sostenibilità. Argomento questo, ha ricordato in apertura del suo intervento il presidente di Serit Massimo Mariotti, che da pochi giorni è diventato materia scolastica, a partire da settembre, con voti, valutazioni ed esami nel corso dell’anno. Si punta così a modificare il modo di fare scuola rendendo le nuove generazioni protagoniste di un cambiamento necessario ed urgente.

"Come Serit - ha ricordato Mariotti- abbiamo già imboccato questa strada rapportandoci con il mondo della scuola dando vita ad una serie di progetti e di incontri, più che mai convinti che occorre partire dall’educazione dei ragazzi se vogliamo eliminare alla fonte la produzione di rifiuti. Citando come esempio la mostra di presepi realizzati con materiale riciclato la cui ultima edizione, ospitata a Bardolino lo scorso Natale, ha ottenuto un successo di partecipazione enorme con circa 400 classi che hanno aderito al concorso. L’altra iniziativa, più recente, riguarda invece la trasmissione televisiva ospitata da Telenuovo, Recupera con gusto, che ha quale obbiettivo principale quello di sensibilizzare i cittadini a non sprecare il cibo".

Gianluigi Mazzi, presidente del Consiglio di Bacino Verona Nord che raggruppa una sessantina di Comuni veronesi in cui la raccolta differenziata viene svolta da Serit, si è soffermato in particolare sull’ecosistema montano, affascinante e delicato al contempo, e sulle strategie programmate per incrementare la percentuale di raccolta differenziata. Anticipando per l’occasione che l’avvio del porta a porta avrà inizio in Lessinia entro fine anno. Mazzi ha evidenziato che occorre una strategia politica che non affronti solo l’immediato ma la questione rifiuto nel suo complesso, ricorrendo anche e tecnologie che magari non riscontrano il favore di tutti, quali i termovalorizzatori o gli inceneritori, poiché altrimenti tra qualche anno non si saprà più dove conferire le immondizie.

Ospite d’eccezione del convegno di Bolca il direttore generale delle Funivie di Madonna di Campiglio, Bruno Felicetti.” La mia è una voce un po' fuori dal coro- ha premesso- poiché quando si parla di sostenibilità ambientale è difficile parlare di funivie. Ma ospitare ogni anno qualcosa come 2 milioni e 800mila persone ci obbliga chiaramente ad individuare soluzioni per ridurre l’impatto sul territorio, consapevoli che l’Unesco ha riconosciuto l’attuale paesaggio, impianti di risalita compresi, adatto al contesto”. Un punto fondamentale, ha sottolineato Felicetti, poiché non è possibile pensare di tornare indietro di due o trecento anni. Ma sicuramente occorre dialogare con le comunità locali e l’ente Parco Adamello, per trovare un punto di equilibrio su un territorio che ospita 60 impianti e 150 km di piste.

Alla fine del convegno si è tenuto il concerto lirico con il soprano Mariarita Schenato e la pianista Maria Beatrice Boscaro.


 
Nessun commento per questo articolo.