L'ULTIMA CONFERENZA STAMPA

Zaia: Non prendete la
situazione sottogamba

30/06/2020 13:30
Calano a 10 casi in Veneto i ricoveri in terapia intensiva per Coronavirus, ma aumentano i positivi (19.286, +8), gli isolamenti (746, +35) e i ricoveri (+5, per un totale di 192, di cui 21 positivi).

Un trend che preoccupa il presidente del Veneto Luca Zaia, il quale afferma, nell’ultima conferenza a Marghera che termina dopo 4 mesi ininterrotti: "gli indicatori per me non sono buoni: anche un fatto isolato non ci deve stare, in una condizione ottimale. Io sono preoccupato e considero questi numeri un warning, un invito a non prendere la situazione sottogamba".

"Stiamo entrando - osserva - in una fase-limbo, in cui ognuno deciderà, con il suo comportamento, se si andrà avanti o indietro. Nessuno di noi ha alibi: se tutti ci comportiamo in maniera corretta - conclude -, il virus non torna. Ma ci sono cittadini che stanno aiutando il virus con comportamenti scorretti".

Il bollettino aggiorna anche il numero dei morti totali dall'inizio dell'epidemia, 2.012, e dei dimessi, che salgono a 3.583.

Ecco i dettagli dei nuovi casi:

- coppia di Selvazzano (PD) di 80-65 anni, lui ricoverato in Malattie Infettive ma paucisintomatico

- signora di 90 anni in casa di riposo San Pio X di Cordignano (TV) (la casa di ripsoso in questione risulta un focolaio attivo con altri 3 ancora positivi)

- madre e figlio nigeriani residenti a Vicenza di 24 anni e 3 mesi

- un ricoverato di 39 anni di Padova a Malattie Infettive ma paucisintomatico

- signore di provincia di Bergamo di 72 anni (tampone eseguito in ambito ospedaliero: requestor: Borgo Trento, cardiologia)

 
Nessun commento per questo articolo.