PAOLO VALERIO

Al Teatro Nuovo torna
il tennista solitario

29/06/2020 09:15

Per quanto i tre mesi di teatro web siano andati bene con circa duecento video proposti nell’ambito di Coming Soon, il Teatro Stabile di Verona sentiva fortissimo il desiderio di riaprire la propria sala il 15 giugno. E riappropriarsi così della fisicità del fare teatro, sul palcoscenico in pendenza di una sala del 1846, patrimonio cittadino con una storia culturale di quasi due secoli. Nel rispetto delle normative sulle distanze, sessanta persone per sera hanno visto lo spettacolo. Per poi cimentarsi a turno, nella seconda parte, col muro trasparente palleggiando sul palcoscenico dirimpetto a una sala ottocentesca illuminata: un’esperienza irripetibile che ha coinvolto tennisti professionisti e spettatori che non avevano mai preso in mano una racchetta.

A dir poco sorpreso il pubblico che ha assistito alla performance del protagonista Paolo Valerio che tutti conoscevano come attore e regista, ma non come tennista: per la FIT un 3.4 che ai tempi dell’università e del Piccolo di Milano conseguì anche il brevetto di istruttore. Mai utilizzato, avendo scelto altre strade nella vita. A sorprendere il pubblico è il connubio di attore e di tennista richiesto dallo spettacolo. Uno sforzo psicofisico non indifferente quello di recitare e contemporaneamente palleggiare: quasi mille palleggi nell’arco di un’ora, uno ogni tre secondi, senza potersi permettere il lusso di sbagliarne uno. Un andare verso lo sfinimento estremo in stile Non si uccidono così neanche i cavalli? di Sydney Pollack (dal romanzo di Horace McCoy) che ha reso obbligatoria, per il protagonista, l’assunzione di integratori salini.

Lo spettacolo, una novità del Teatro Stabile di Verona - Centro di Produzione Teatrale è a cura di Monica Codena, Marco Ongaro e Paolo Valerio. Di Antonio Panzuto la scena, di Marco Spagnolli le luci, di Nicola Fasoli la fonica. Dopo Verona, Il muro trasparente andrà in scena nei mesi prossimi in diverse città italiane. Intanto, a grande richiesta (per quanto tre delle nove rappresentazioni siano state trasmesse anche in diretta Facebook) sono in programma due recite straordinarie, il 1° e il 2 luglio alle 21.


 
Nessun commento per questo articolo.