L'APPELLO DI BRAMBILLA

Visoni contagiati?
"Chiudere in Veneto"

22/05/2020 19:58

La deputata di Forza Italia Michela Vittoria Brambilla, dopo il primo caso probabile di trasmissione della Covid-19 dall'animale all'uomo in un allevamento di visioni in Olanda, ha chiesto in un'interrogazione ai ministri delle Politiche agricole e della Salute "se non ritengano opportuno chiudere le 13 strutture italiane tra Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Abruzzo, dove sono ancora allevati visoni, o quantomeno avviare approfonditi accertamenti e promuovere una legislazione che vieti l'allevamento e il commercio di animali per la produzione di pellicce".

"Mentre vari stati europei - ha spiegato Brambilla - tra cui la stessa Olanda, il Regno Unito, l'Austria, la Slovenia, la Croazia, la Bosnia ed Erzegovina, alcune regioni del Belgio e la Germania, hanno con diverse scadenze temporali legiferato per vietare o limitare l'allevamento di animali "da pelliccia", in Italia la legge consente di allevare oltre 200.000 visoni ogni anno nelle ultime strutture attive, dove questi animali, selvatici e territoriali, vivono ammassati in pessime condizioni igieniche, continuamente a contatto tra loro e con gli operatori dello stabilimento".

"Si tratta - argomenta la deputata - di condizioni assai simili a quelle dei famigerati "wet market" dell'Estremo Oriente, da cui, secondo i più recenti studi, sarebbe partita la diffusione della pandemia di Covid-19.

Nel caso olandese le autorità sanitarie hanno rilevato la presenza del virus anche nell'aria e sul terreno all'interno degli stabilimenti". All'inizio della legislatura, Brambilla ha ripresentato una proposta di legge che vieta allevamento e commercio di animali da pelliccia.


 
Nessun commento per questo articolo.