DOPO LA CIRCOLARE

Passeggiano coi bimbi
Minacciati sui social

01/04/2020 15:42

"Ieri quando è uscita la circolare del Viminale ero felicissima, oggi volevo portare fuori mia figlia, ma dopo aver visto quello che scrive la gente sui social ho quasi il terrore di farlo, davvero devo avere paura di portare mia figlia 10 minuti a sgranchirsi le gambe?": se lo domanda Federica, 38 anni, mamma di Bianca, 10, ma l'interrogativo rimbalza tra tutti i genitori che ieri hanno gioito alla prospettiva di poter finalmente concedere non un'ora, ma qualche minuto d'aria ai loro piccoli, chiusi in casa da più di un mese. Questa mattina infatti si sono trovati a fare i conti con il livore di cui sono pieni i social, e con il parere negativo della regione Lombardia, il cui assessore Giulio Gallera si augura che "i cittadini ignorino questa folle, insensata e irresponsabile circolare". Ed eccola, come prima con i runner, la contrapposizione tra chi urla dai balconi contro chi mette il naso fuori di casa e chi reclama il diritto a fare un minimo di attività fisica, per sé e per i propri figli. "Non siamo ancora usciti a passeggiare e già ci danno degli ignoranti" dice un'altra mamma, mostrando gli oltre 1000 commenti sotto il post di Lombardia Notizie, più o meno tutti di questo tono: "Da oggi assisteremo a orde di bambini e genitori liberi di scorrazzare in giro, vanificando tutti i sacrifici fatti fino a ora!". Se in molti chiedono alla Regione di emettere un'ordinanza per vanificare la circolare del Viminale, da parte loro i genitori spiegano che "qui nessuno ha intenzione di creare assembramenti, si tratta solo di permettere ai bambini di vedere il cielo, non tutti hanno 150 metri quadri di casa e 2 balconi". Per molti, i genitori che vogliono uscire con i figli sono "quelli che ieri andavano a correre e che non sanno stare senza aperitivo con gli amici, ma non sono capaci di gestirseli a casa se non mollandoli di fronte a uno schermo". In difesa di mamme e papà arrivano i nonni come Marisa: "Trovo alienante - scrive - sia quanto preteso dai nostri bambini che certi giudizi e commenti che leggo. Voglio solo pensare che siano scritti da chi non vede un bimbo da secoli o non ne abbia mai visto uno". In giro "c'è una rabbia e una presunzione di assumersi il ruolo di giudice allucinante" dice Claudia, mamma di due bambini di 10 e 4 anni. E a vedere ciò che circola nei social c'è da crederci. "Sono separata e l'altro giorno - racconta una 45enne, mamma di due figli di 10 e 7 anni - ho accompagnato i bambini dal padre, ci siamo fermati pochi minuti nello spazio verde sotto casa, non recintato, e in un attimo diverse persone si sono affacciate urlandoci insulti di ogni tipo dai balconi, i bambini si sono spaventati, soprattutto quando sono partite le minacce di chiamare la polizia, che poi è pure arrivata. Che dire? Poveri poliziotti, erano più imbarazzati di noi, ci hanno chiesto gentilmente di andare a casa per quieto vivere, ma si vedeva quanto fossero dispiaciuti. Poi la sera ho scoperto che le stesse persone che ci hanno urlato contro ci hanno ripreso e buttato in pasto sui social, senza nessun rispetto nemmeno per i bambini, che si vedono benissimo. Quando ho letto i commenti sotto il video sono andata a farmi una doccia, per poter piangere senza che i bambini se ne accorgessero. Uscirò ancora con loro? Sì, perché una passeggiata li aiuta a essere un poco più sereni, ma ho tante amiche che hanno deciso di non farlo per paura". (Gioia Giudici per Ansa)


 
Nessun commento per questo articolo.