EMERGENZA CORONAVIRUS

Teatri chiusi? Corsi di
recitazione online

21/03/2020 17:49
Nel teatro c’è silenzio. Ma il teatro vive. Nel silenzio di questo momento “tacciono” alcuni corsi di recitazione della Scuola di Teatro del Nuovo. Altri corsi continuano invece regolarmente “parlando” on line: la Master Class tenuta da Elisabetta Tescari, Rita Colantonio e Marcella Galbusera e i tre corsi di scrittura creativa curati da Marco Ongaro.

Da due settimane, il martedì e il giovedì, i venti allievi della Master Class si danno appuntamento on line. Anziché il classico spettacolo finale, sarà un video a mettere assieme i loro lavori.

Ovviamente monologhi che, date le circostanze, affronteranno temi tra cui l’amore, l’amicizia, la paura, la speranza, la responsabilità e l’orgoglio nazionale. Nelle tre ore di video-lezione settimanali ognuno dei partecipanti, a turno, si cimenta con il proprio possibile monologo e si confronta con gli altri. Per aggiungere così, di settimana in settimana, un tassello al proprio lavoro.

Per quanto riguarda la scrittura creativa, lunedì sera, 16 marzo, tutti e dodici gli iscritti al secondo livello hanno partecipato al primo collettivo appuntamento web. Tra loro due medici che si sono regalati un breve momento di pausa da un lavoro massacrante che li vede da parecchi giorni in prima linea. Insieme hanno discusso il tema del libro che uscirà dal loro lavoro e che sarà pubblicato a fine anno da Bonaccorso Editore: un romanzo collettivo il cui tema non potrà non tener conto del frangente che si sta vivendo. I contributi narrativi dei partecipanti sono già in questa direzione: c’è ora da trovare le corrette chiavi di scrittura per dare unitarietà all’opera.

Mercoledì 18, sempre di sera, è stata la volta del primo livello. Quattordici i partecipanti. Punto di partenza il saggio Che cos'è la letteratura? di Jean-Paul Sartre del 1945. Oltre al ruolo sociale che le dà Sartre, è emersa – complici questi giorni tragici – la forza salvifica, solidale, che le conferisce Roland Barthes.

Stasera, giovedì 19 marzo, anche il corso di Scrittura Teatrale è on line. Quattordici i partecipanti che stanno trasponendo per il palcoscenico Il pendolo di Foucault di Umberto Eco. La natura enciclopedica del testo originale, infarcito ironicamente di esoterismo e tendente a smascherare la prosaicità del mistero, sta offrendo molti spunti, anche divertenti, nel riscriverne brani da recitare, battibecchi, dialoghi, astrusi e spiritosi rituali occulti.

Al momento si sta lavorando per cercare di tenere on line anche i corsi di teatro per i più giovani, corsi momentaneamente sospesi. I programmi vanno dunque avanti.

Nell’attesa che il teatro riprenda la sua programmazione, sui social del Teatro Nuovo il messaggio di non demordere, di andare avanti è affidato al cinema. In particolare a celebri frasi di speranza che molti film ci hanno regalato: da “domani è un altro giorno” di Rossella O’Hara a “dopo l’alluvione, risorgerà il sole” di don Camillo, a “nessun uomo è un fallito se ha degli amici” che chiude La vita è meravigliosa. In arrivo Vittorio De Sica, Steven Spielberg e altri. E mentre oggi (21 marzo) è stata ricordata la Giornata mondiale della Poesia perché il teatro è anche la casa della poesia, altre due iniziative sono in programma nei prossimi giorni: la serie di video Attori celebri fuori del palcoscenico e – in occasione del Dantedì del 25 marzo – una speciale versione web di Silent Dante, spettacolo itinerante nei luoghi danteschi di Verona. Lo spettacolo, dopo il debutto dello scorso 16 settembre, era stato ripreso in novembre, gennaio e febbraio per essere poi interrotto a causa della chiusura dei teatri.
 
Nessun commento per questo articolo.