CORONAVIRUS

Zaia: "Voglio
diffondere tranquillità"

26/02/2020 15:00
"Voglio diffondere tranquillità, nel senso che siamo davanti a un virus simil-influenzale che dà gli effetti dell'influenza sull'80% delle persone contagiate, che guariscono automaticamente da sole, c'è una bassa mortalità". Lo ha detto ai giornalisti il presidente del veneto, Luca Zaia, commentando gli ultimi dati sui contagi da Coronavirus in regione. "Oggi - ha proseguito Zaia - siamo nelle condizioni di dire che l'unica nostra preoccupazione è di non avere tanti contagi, perché se avessimo anziani debilitati da mettere in terapia intensiva, a un certo punto finirebbero i posti".

LA RICHIESTA A CONTE

"Immagino che in giornata ci sarà un nuovo collegamento con il premier Conte, le richieste sono sotto il profilo degli interventi straordinari per l'economia" affermato il presidente del Veneto facendo il punto dell'emergenza Coronavirus in regione. "Chi ha visto Venezia - ha proseguito - chi sa che il Veneto vive di industria turistica, sa che non può permettersi questo screditamento globale che avviene tramite i media internazionali. La verità è che non c'è psicosi, che non ci sono pericoli ma che dobbiamo prende atto che c'è un virus influenzale che va contingentato perché contagioso, ma la cui letalità è bassa", ha concluso.

IRA SU IMMAGINE ITALIA

"L'immagine che dell'Italia sta venendo fuori dall'Europa è vergognosa, ma è vergognoso anche che le istituzioni europee avvallino queste cose" tuona Zaia commentando gli ultimi dati sul contagio da Coronavirus in regione.

"Mi ha appena telefonato un inglese - ha proseguito Zaia - dicendo che a Londra si diffondono notizie quasi da appestati sulle regioni del Nord. Questo è scandaloso, e ancora più scandaloso è che l'Europa avvii addirittura le messe in quarantena dei cittadini che lavorano dentro il Parlamento europeo, o i rappresentanti che vengono dalle regioni del Nord. Forse non si sono resi conto che gli unici che fanno i controlli siamo noi. Che comincino a farli anche loro", ha concluso.

 
Nessun commento per questo articolo.