L'OMICIDIO DI VERONETTA

Uccise padre per la carne
scena muta dal giudice

22/01/2020 12:02

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Rudy Paugger al suo primo interrogatorio davanti al giudice Luciano Gorra, all’ospedale di Borgo Roma.

Il 49enne, il 22 novembre scorso, uccise il padre con due coltellate nel loro appartamento a Veronetta, in via San Nazaro. L'uomo, dopo aver colpito a morte l'80enne, tentò il suicidio ferendosi all'addome con un altro coltello.

La lite esplose per una incomprensione sulla spesa. Il padre commissionò al figlio l’acquisto di un filetto di manzo ma quest’ultimo rientrò con un pezzo di carne di maiale. Da questa banale discussione scoppiò il violento litigo sfociato poi nel sangue.

Paugger era uscito dal coma farmacologico a dicembre ma rimane tuttora sotto osservazione all'ospedale di Borgo Roma. Non era stato interrogato dal giudice perché, al primo risveglio, il 49enne aveva già iniziato a dare in escandescenze ed era stato sedato. Ora che non è più sotto sedazione, Paugger è apparso più razionale ma verrà comunque fatta una perizia psichiatrica.


 
Nessun commento per questo articolo.