AL TEATRO ROMANO

Elena di Euripide
chiude la stagione

12/09/2019 17:21

Paride non rapisce Elena, ma un fantasma con le sue sembianze. La vera Elena (sul palco Laura Marinoni) si trova in Egitto, dove il re Teoclimeno intende sposarla a tutti i costi. Per sfuggirgli, l’eroina mette a punto un piano di fuga con Menelao, suo marito. Degli dei e dei disegni imprescindibili che governano le nostre vite, dell’ira, le gelosie e le invidie che travolgono i protagonisti dei miti del passato, di questo si parla nella tragedia messa in scena e diretta da Davide Livermore (GUARDA IL SERVIZIO), il regista che ha inaugurato la stagione operistica alla Scala con Attila di Verdi e sta preparando l’apertura della prossima con Tosca di Puccini.

In Elena non si muore, si sorride come nelle tragedie elisabettiane capaci di far convivere il tragico e il comico, si ragiona sulla menzogna, quella costruita sulla sofisticazione e la consapevolezza piena e amara.

Dopo aver battuto il record di spettatori al Teatro Greco di Siracusa, lo spettacolo rinnova la collaborazione tra l’Istituto italiano del dramma antico e l’Estate teatrale veronese. È in scena al Teatro Romano di Verona venerdì 13 e sabato 14 settembre.


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.