Nuovo libro Lorenzetto e le false citazioni

23/09/2019 16:52

Nel mondo della post-verità e delle stabili incertezze, prima delle false notizie vennero le false citazioni. Domani, martedì, alle ore 17.15, nella Sala Farinati della Biblioteca Civica (via Cappello, 43) il Salotto dell’Avvocato ospiterà il giornalista e scrittore Stefano Lorenzetto. La firma del «Corriere della Sera» dialogherà con Guariente Guarienti e presenterà il suo nuovo libro «Chi (non) l’ha detto» (Marsilio), «dizionario delle citazioni sbagliate».


Nel saggio, Lorenzetto smonta molte celebri frasi, che non furono pronunciate o che vengono attribuite a personaggi sbagliati. Qualche esempio? Gesù Cristo non disse mai «Lazzaro, alzati e cammina!». Galileo Galilei non esclamò «Eppur si muove!». L’adagio «A pensar male si fa peccato, ma spesso s’indovina» non è di Giulio Andreotti. «L’importante non è vincere, ma partecipare» non è un motto di Pierre de Coubertin. «Se non hanno più pane, che mangino brioche» è una battuta rubata da Maria Antonietta, moglie di Luigi XVI, a Jean-Jacques Rousseau.


Come mai siamo disposti a fidarci di ogni affermazione o attribuzione senza verifiche? «In Italia abbiamo certificazioni di qualità per qualsiasi prodotto commestibile: la Dop, la Doc, la Docg. Ma per le parole, che sono il nutrimento dello spirito, ci manca una Docg di categoria superiore: la dichiarazione di origine citazione garantita», scrive Lorenzetto in «Chi (non) l’ha detto».

Email inviata con successo

Superiori all'estero un trend in crescita

23/09/2019 13:34

L’internazionalizzazione della formazione, in un mondo dove lavoro e impresa guardano sempre più oltre i propri confini, non è solo un’opzione ma diventa ormai quasi una necessità. Studiare all’estero per un anno alle superiori è molto più che imparare perfettamente una lingua straniera: è la chiave che apre a nuovi mondi, trasmette il valore di saper apprezzare e avere prospettive diverse, potenzia la sicurezza di sé e l’auto-consapevolezza, dando l’opportunità allo studente che lo sceglie di costruire le basi per il proprio futuro personale e professionale.


Una tendenza che sta iniziando a crescere anche in Veneto dove si registra un incremento degli studenti che scelgono di frequentare una scuola superiore estera per un trimestre, un semestre oppure un intero anno: sono circa 400 i ragazzi di quarta superiore che in questi giorni iniziano l’anno fuori regione. Numeri in crescita rispetto allo scorso anno ma ben lontani da quelli di altre regioni del Nord Italia, come il Piemonte dai cui partono circa 900 studenti ogni anno e la Lombardia che registra quasi 1500 partenze.


Secondo i dati forniti da YouAbroad, da oltre 10 anni leader del settore in Italia con sedi in 5 diverse città tra cui Verona, che si conferma una delle provincie più reattive del Veneto a pari merito con Padova con quasi il 40% delle partenze, seguita da Vicenza e Treviso (con circa il 10% a pari merito). Partono più ragazze che ragazzi, è ben il 74% la quota rosa contro il 26% dei maschi. I ragazzi veneti che scelgono di prendere parte all’High School Program, un programma riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca della Repubblica Italiana, sono prevalentemente quelli iscritti ad un Liceo (Scientifico 37%, Linguistico 27%, Psicopedagogico 11%, Classico 7%, Artistico 5%), il 13% quelli provenienti invece da un Istituto Tecnico.

Email inviata con successo

Il terzo settore chiama i giovani

23/09/2019 12:55

Una finestra aperta su nuove prospettive. “Un’esperienza di crescita professionale che mi ha permesso di lavorare accanto a dei professionisti ma con qualcosa in più: la possibilità di entrare in contatto con altri giovani e con altre realtà, di ricevere una formazione personale e civica”. È stato questo per Sara, 25 anni, l’anno appena trascorso in Servizio Civile al CSV di Verona. “Questa esperienza mi sta facendo capire quanto, con poco, possiamo fare tanto”, riflette invece Jessica, 24 anni, in Servizio Civile all’Auser provinciale. E ancora, “ho voluto mettermi in gioco in un'attività socialmente utile prima di dedicarmi allo studio universitario con la speranza che, non nascondo, possa essermi utile nella vita e per un futuro inserimento nel lavoro”, dichiara Filippo, 20 anni, in Servizio alla biblioteca comunale di Mezzane.


Sono queste alcune delle testimonianze e riflessioni dei ragazzi che hanno trascorso lo scorso anno impegnati nelle varie realtà del territorio con il Servizio Civile Universale. Un progetto che piace ai ragazzi e ancora di più al mondo del volontariato che può così contare su nuovi giovani, motivati e dinamici. E che verrà spiegato e raccontato anche lunedì sera (23 settembre) alle 18, negli spazi CSV di via Cantarane, 24 a Veronetta, durante un aperitivo informativo: momento di condivisione dai giovani e per i giovani, utile per raccogliere nozioni pratiche, emozioni ed esperienze di vita vissuta, dispensate a tutti gli interessati da chi ha già svolto l’anno di SCU.


Per quanti volessero candidarsi, il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile ha infatti recentemente pubblicato il nuovo bando. I progetti attivati per la Federazione del Volontariato di Verona sono 7 per un totale di ben 66 posti; uno in più rispetto allo scorso anno per un'opportunità che negli ultimi tre anni è comunque raddoppiata. I progetti che fanno capo alla Federazione coinvolgono 39 associazioni che hanno lavorato in rete tra loro. E spaziano in tutti gli ambiti del mondo del volontariato. I giovani, dai 18 ai 28 anni, potranno dunque scegliere se cimentarsi in attività a tutela del verde o dei beni culturali, trascorrere del tempo di qualità insieme agli anziani o ai disabili, schierarsi con i volontari del primo soccorso, impegnarsi in iniziative e nuove progettualità a contrasto della povertà.


Le candidature vanno inoltrate entro il 10 ottobre.

Email inviata con successo

Clownterapia e triangolare benefico

20/09/2019 23:14

L’Associazione ViviamoInPositivo VIP Verona ODV, realtà nata a Novembre 2004 che ad oggi conta il supporto di un centinaio di clown che prestano servizio nelle strutture convenzionate ogni fine settimana con l’obiettivo di portare un sorriso ai pazienti degli ospedali e delle strutture in cui prestano servizio per poter alleviare il dolore e la sofferenza di bambini, adulti ed anziani.

V.I.P. Verona Onlus fa parte della federazione V.I.P. Italia, federazione che collega e coordina 64 associazioni VIP su tutto il territorio italiano e Repubblica di San Marino.

V.I.P. Verona ODV presta servizio gratuitamente negli ospedali “Magalini” di Villafranca e “Fracastoro” di San Bonifacio con cadenza settimanale e presso l’Azienda Ospedalizzata Universitaria Integrata di Verona di Borgo Trento, nella casa di riposo “Pia Opera Ciccarelli” di San Giovanni Lupatoto con cadenza mensile e trimestralmente anche presso la casa di Riposo “Campostrini" di Sommacampagna e l’IPAB di Bussolengo.

Nel periodo scolastico oltre l’impegno presso ospedali e case di riposo, Vip Verona è presente in alcune scuole primarie con il “Progetto Scuole”. Una serie di cinque incontri dove i clown, partendo da un primo approccio alla conoscenza del volontariato e alla realtà di VIP VERONA, insegnano a valorizzare l’importanza della terapia del sorriso, anche attraverso il gioco nella vita di tutti i giorni, e fanno riflettere il bimbo-ragazzo sulla propria “specialità” e “unicità”.

“Sorridiamo non perché qualcosa di bello è successo, ma qualcosa di bello succederà perché noi sorridiamo” è il motto dei clown di VIP Verona e quest’anno in occasione dei 15 anni di vita associativa VIP Verona ha deciso di chiedere manforte agli amici clown della “Nazionale Calcio VIP Italia” e di organizzare un triangolare benefico SABATO 21 Settembre alle ore 15.00 presso il campo sportivo di Custoza.

Scenderanno in campo, oltre la nazionale clown la squadra di ABEO Verona ONLUS e gli “Ex Calciatori dell’Hellas Verona”. I fondi raccolti saranno devoluti ad ABEO a sostegno del progetto “Villa Fantelli”.

Durante la partita sarà presente anche un gazebo con trucca bimbi, palloncini, giochi e un punto informativo.

La festa continuerà presso l’Auditorium “Mirella Urbani” a Caselle di Sommacampagna, dove, alle ore 21.00 inizierà un'insolita serata in cui giullari, giocolieri, cantanti, poeti ed attori daranno vita allo spettacolo"Eccoci qua'. Una prima mondiale del più stravagante circo che abbiate mai visto, ricco di colpi di scena e della vera magia clown. Il divertimento è assicurato per grandi e piccini!

Email inviata con successo

Servizio civile, aperte le domande

16/09/2019 17:21

C’è tempo fino al 10 ottobre per aderire al Servizio Civile Nazionale in Comune. I giovani, dai 18 ai 28 anni, possono presentare domanda per i 6 progetti attivati a palazzo Barbieri. In totale sono 28 i posti disponibili, così suddivisi: 2 alle Politiche giovanili, 2 all’Ecosportello, 2 al Centro Interculturale Casa Ramia, 10 ai musei di Storia Naturale e di Castelvecchio, 8 nelle biblioteche e Servizi audiovisivi e 4 all’area cultura e turismo, al Centro Internazionale di Fotografia, all’Università dell’Educazione Permanente e al Verona Film Festival.

I progetti, della durata di un anno, prevedono un impegno di 25 ore alla settimana. Ad ogni volontario sarà corrisposto un assegno mensile di 439,50 euro.

Le domande andranno presentate online all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it, sezione SPID, entro le ore 14 di giovedì 10 ottobre.

Per tutte le informazioni è possibile rivolgersi alla Direzione Politiche Educative, Scolastiche e Giovanili di via Ponte Aleardi 15 (tel. 0458078785 – 76 -87) o collegandosi al sito www.politichegiovanili.comune.verona.it

Email inviata con successo

Istruttori cinofili Al via il corso

14/09/2019 10:23

Domenica 15 settembre 2019, l’Associazione “Gruppo Cinofilo Verona Romano Sparapan” presentera’ la nuova edizione del corso per educatori ed istruttori cinofili.

L’appuntamento è alle 10 all’hotel Leopardi (Borgo Milano- Verona), via Leopardi 16.

Email inviata con successo

Anatomia di un quartiere Una mostra al Saval

12/09/2019 11:30

"Diverso", "anticonformista", "irriverente", "rivoluzionario". Sono gli aggettivi con cui il fotografo Vittorio Rossi descrive il protagonista della mostra fotografica "Saval. Anatomia di un quartiere" che sarà inaugurata sabato 14 settembre alle 17 al Laboratorio delle Armonie (via San Procolo 1/b a Verona).

Ad esporre i loro scatti sul quartiere scaligero, cinque autori uniti dalla passione per la fotografia e dallo stesso luogo di lavoro. Benvenuta Cavalleri, Francesca Franchini, Pierantonio Orzo, Luca Pelizzari e Luca Sandrini sono infatti tutti dipendenti dell'Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar e soci del Centro ricreativo della stessa struttura sanitaria. I loro lavori sul quartiere veronese del Saval sono la conclusione di un approfondimento sulla composizione fotografica realizzato sotto la guida di Vittorio Rossi, curatore anche della mostra. Scrive il maestro sul catalogo: "Questo progetto rappresenta una contemplazione meditativa e collettiva del quartiere, eseguita con grande sensibilità dai cinque autori, che aprendo la loro mente alla totale libera interpretazione hanno sintetizzato armonie e pensieri, in un'opera solida e compatta, che lascia poco spazio alla lettura formale e che, invece, ci accompagna in una lettura interiore capace di trasformare le forme in emozioni".

Il corso di fotografia è una delle tante iniziative organizzate dal Cron. Fondato nel 1980. Il Circolo Ricreativo Ospedali Negrar ha l'obiettivo di favorire lo spirito di famiglia calabriano tra i dipendenti della struttura sanitaria anche al di fuori dell'orario di lavoro. Nato con finalità prevalentemente sportive, attualmente offre agli iscritti anche un fitto calendario di proposte culturali, turistiche e formative.

La mostra, ad ingresso libero, rimarrà aperta fino a sabato 21 settembre con i seguenti orari: domenica dalle 10 alle 18; da martedì a sabato dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19.

Email inviata con successo

Artisti dei Filippini in mostra in Sala Birolli

11/09/2019 18:30

Valorizzare l’ingegno artistico di pittori e scultori nati o vissuti o con la propria sede di lavoro ‘ai Filippini’. E’ questo l’impegno portato avanti da oltre dieci anni dal progetto espositivo ‘Artisti Filippinati’, promosso dalla 1ᵃ Circoscrizione in collaborazione con il Comitato Rionale dei Filippini.


La mostra, che presenterà lavori di pittura e scultura, sarà visibile al pubblico dal 14 al 22 settembre in sala Birolli. Ad esporre saranno undici artisti: Giovanni Bergamaschi, Romano Borghesi, Flavia Brognara, Roberta Facchin, Giorgio Grumini, Paola Giusti, Mauro Nicolini, Anna Ogheri, Florindo Romano, Michele Tarasco e Emanuela Terragnoli.


In più, in uno spazio dedicato alla fotografia, sarà visibile l’esposizione degli scatti di Luciano Bonazzi sul tema ‘Vivere ai Filippini’.


‘Artisti Filippinati’ inaugura sabato 14 settembre alle ore 11. Per l’occasione sarà presentata al pubblico la ristampa del libro ‘Un rione sull’Adige - tempi luoghi e figure ai Filippini” di Pierluigi Facchin, fondatore del Comitato Rionale Filippini nel 1951.


La mostra, ad ingresso gratuito, sarà visibile tutti i giorni fino al 22 settembre, con apertura al pubblico dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.


L’evento è stato presentato questa mattina dal presidente della 1ᵃ Circoscrizione Giuliano Occhipinti insieme al presidente della commissione circoscrizionale Cultura Franco Dusi.


“Artisti Filippinati – spiega il presidente Occhipinti –, avviata nel 2003, è un’opportunità per valorizzare opere di pittori e scultori di questo quartiere. Inoltre, da alcuni anni, con uno spazio appositamente dedicato alla fotografia, il rione si racconta anche attraverso le immagini, con scatti che ne valorizzano bellezze particolarità”.

Email inviata con successo

Corsi e laboratori al Parco San Giacomo

11/09/2019 18:02

Un pomeriggio per conoscere e sperimentare attività, laboratori e progetti che partiranno a breve in quinta Circoscrizione. Dal corso di fumetto per ragazzi, a quello di pittura e calligrafia cinese. Dagli incontri di cucina a quelli sul teatro. Ma anche sport per anziani e movimento creativo per i più piccoli. Parco San Giacomo si trasforma in una vetrina a cielo aperto, per la nona edizione di ‘Open Day’. Domenica 15 settembre, dalle ore 15.30, associazioni e gruppi presenteranno tutte le proposte sportive, culturali e sociali per l’anno 2019-2020. Saranno presenti insegnanti e istruttori che si metteranno a disposizione dei cittadini.


L’iniziativa è stata presentata questa mattina in municipio. Erano presenti i presidenti delle realtà che promuovono l’evento: Raimondo Dilara della quinta Circoscrizione, Federico Silvio dell’associazione enogastronomica ‘Il Profumo del Fuoco’ e Pietro Battistoni di Abeo, oltre al presidente della commissione Sociale della Circoscrizione Moreno Bronzato.


“Un’occasione per conoscere tutte le proposte attive sul territorio – ha detto Dilara –, per iscriversi e sperimentare le attività direttamente al parco, dove si terranno diverse dimostrazioni. Sono numerosi i corsi attivi in quinta Circoscrizione, differenziati per fasce d’età. Durante il pomeriggio sarà distribuito anche un opuscolo che contiene informazioni e riferimenti, compresi i numeri degli uffici e del pronto intervento”.

Email inviata con successo

Workshop gratuiti a cadenza mensile

11/09/2019 13:01

Workshop gratuiti a cadenza mensile, ma anche una masterclass su come reperire fondi e volontari, così come un convegno dedicato al terzo settore. Prenderà il via sabato 21 settembre ‘Un caffè al Caf’, attività formativa per il mondo dell’associazionismo e del no profit.


Un programma ricco di appuntamenti. Ben 8 i workshop che si terranno il sabato mattina nella sede Acli di San Michele Extra, in via Guglielmi 5. Il 21 settembre si parlerà di ‘Gestione contabile e libri sociali’, il 9 novembre ‘Tutela dei diritti d’autore’, il 7 dicembre ‘Funzione ispettiva della Siae’, l’11 gennaio ‘Di chi è il mio logo?’, l’8 febbraio ‘Il mio logo: è possibile tutelarlo?’, il 29 febbraio ‘Gdpr’, il 4 aprile ‘Sistemi alternativi di risoluzione delle controversie’, il 9 maggio ‘Responsabilità degli amministratori’. La masterclass per progettare e comunicare, campagna di fundraising e peopleraising, ma anche 5 per mille, si terrà in sei giornate dal 18 ottobre al 16 novembre, per un totale di 24 ore. A marzo, inoltre, verrà proposta una giornata di studio sull’on-line banking e a giugno un convegno sulla riforma del terzo settore.


Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare il numero 0458065523 o inviare una mail a [email protected]


L’iniziativa è organizzata dal Caf Acli di Verona e dalle Acli provinciali, con il patrocinio del Comune di Verona e dei Dipartimenti di Economia Aziendale e Scienze Giuridiche dell’Università. Collaborano l’Ordine dei Dottori Commercialisti, Siae, Mondial Marchi, Centro di Servizio per il Volontariato, Fundraiserperpassione srl e UniCredit.


A presentare il calendario degli appuntamenti l’assessore allo Sport e Tempo libero Filippo Rando, insieme al vicepresidente Acli Verona Roberto Covallero. Presenti anche i rappresentanti del Centro di Servizio per il volontariato Cinzia Brentari, dell’Ordine dei Dottori Commercialisti Andrea Zambon e di Unicredit Federico Ballarin.


“Un’iniziativa importante a favore del mondo dell’associazionismo e quindi di tutto il nostro territorio – ha detto Rando -. Ringrazio gli enti e le realtà coinvolte per aver fatto rete, collaborando alla stesura di un programma davvero di spessore”.

Email inviata con successo