CONFCOOPERATIVE VERONA

"Cimice è un problema
per tutti quanti"

11/09/2019 16:28

“Il flagello cimice asiatica ha portato alla luce in tutta la sua portata il tema dell’impatto strategico dell’agricoltura sul territorio e del suo ruolo nella tutela dell’ambiente”. Il presidente di Confcooperative Verona Fausto Bertaiola interviene sull’ultima piaga – in ordine di tempo – che si è abbattuta sul settore ortofrutticolo veronese, comparto in cui Confcooperative “pesa” per un fatturato complessivo che supera i 185 milioni di euro, in virtù della produzione di 2.500 aziende agricole e 38 cooperative associate.

“Per l’agricoltura veronese rischia di essere la mazzata finale – afferma Bertaiola – con conseguenze che forse non vengono considerate nella loro reale dimensione. Se questo dovesse accadere – e non siamo lontani – i consumatori si troverebbero di fronte alla necessità di dover acquistare giocoforza prodotti provenienti da altre latitudini, altro che prodotti a basso impatto ambientale e a chilometro zero. La perdita di un settore così strategico avrebbe inoltre un impatto devastante sotto l’aspetto paesaggistico. I terreni abbandonati dalle coltivazioni diventerebbero la fotografia di un’incuria che non gioverebbe né all’attrattività turistica né alla tutela ambientale. E poi ci sono le ricadute in termini sociali, con migliaia di lavoratori e le rispettive famiglie privati della fonte di sostentamento”.


 
Nessun commento per questo articolo.