L'INIZIATIVA

Rotary club in campo per
prevenire la dislessia

10/09/2019 17:21

Il 3 per cento dei bambini veronesi soffre di disagi di apprendimento, meglio noti come dislessia. Un numero che potrebbe scendere di molto se la prevenzione avvenisse nei primi anni di scolarizzazione, in particolare tra la prima e la seconda elementare.

Ne è convinto il Rotary Club di Verona e provincia che, insieme all’Aulss 9 e all’Ufficio Scolastico, ha avviato un progetto sperimentale che sarà realizzato con il supporto degli insegnanti e dei genitori.

L’iniziativa interesserà 80 classi, 1600 bambini, tutti gli Istituti Comprensivi e oltre la metà dei Comuni della provincia. Dopo uno screening iniziale, saranno effettuati due corsi di potenziamento sui bambini fragili nelle prime due classi della primaria, sui quali sarà adottata un’innovativa metodologia messa a punto dagli stessi medici dell’Aulss 9.

Un progetto ambizioso che, attraverso la prevenzione, si propone di intervenire molto precocemente sui bambini affetti da disagi dell’apprendimento per ridurre al minimo le difficoltà che, inevitabilmente, incontra chi convive con queste problematiche, in primis i bambini e i genitori, ma anche la scuola stessa.

Oltre alle somme necessarie per i corsi di formazione e di potenziamento per i bambini, i Rotary di Verona e provincia forniscono anche gli strumenti informatici, come i software specialistici, tre computer, un proiettore e una stampante.

Sostiene il progetto anche il Comune di Verona, da sempre attento a queste tematiche. L’iniziativa è stata presentata oggi in sala Arazzi dall’assessore Marco Padovani, insieme al direttore dei Servizi Socio Sanitari dell’Aulss 9 Raffaele Grottola e al dirigente dell’Ufficio scolastico di Verona Albino Barresi. Presente anche il presidente del Rotary Club Verona Scaligero Roberto Bellaro con alcuni membri.

“Il fatto che tutti i Rotary Club siano coinvolti nel medesimo progetto, ne sottolinea il livello e l’importante scopo sociale – ha detto Padovani -. Siamo accanto alla scuola, all’Aulss 9 ma anche a tutte le realtà che si mettono a disposizione della comunità per migliorare la vita dei cittadini”.


 
Nessun commento per questo articolo.