LO SPETTACOLO DI HUGO DE ANA

L'ultima Carmen
all'Arena di Verona

04/09/2019 10:42

Carmen di Georges Bizet va in scena per l’ultima volta all’Arena di Verona nell’originale spettacolo firmato da Hugo de Ana per regia, scene e costumi. Questa sera, mercoledì 4 settembre alle 20:45, l’opera più amata e rappresentata nella storia del Festival dopo Aida è interpretata da un cast di richiesti artisti internazionali e diretta dal maestro Daniel Oren. La Spagna degli anni Trenta rivive sull’immenso palcoscenico areniano per una protagonista ibera e moderna e una Siviglia cinematografica.

Quella di mercoledì 4 settembre sarà la Carmen numero 273 dalla prima rappresentazione del 1914: dopo l’enorme successo di Aida nel 1913, i fondatori di quello che è oggi l’Arena di Verona Opera Festival non ebbero dubbi su quale fosse il titolo più popolare, corale e spettacolare da proporre al grande pubblico. Mercoledì è anche l’ultima occasione in assoluto per vedere l’appassionata storia della seducente sigaraia gitana nell’originale veste creata da Hugo de Ana per l’inaugurazione 2018. Con un colpo di fucile un uomo viene giustiziato sommariamente al centro di una deserta plaza de toros: la storia di Carmen secondo de Ana comincia dalla fine, da ciò che immaginiamo accada dopo la confessione ultima di Don Josè, geloso, disperato ed assassino. Con la stessa rapidità e violenza, la storia viene raccontata in un lungo flashback, accendendosi improvvisamente della luce e del fuoco emanati dalla protagonista, donna libera e moderna.

Il regista, scenografo e costumista argentino rilegge l’opera collocandola in una realistica e cinematografica Spagna degli anni Trenta: la fulgente e tragica indipendenza della protagonista, che affascina e spaventa, si muove nell’irrequieta Repubblica spagnola del primo Novecento, subito prima dei turbini del Franchismo. Tra gendarmi, jeep, moto, biciclette, cavalli, contrabbandieri, frontiere, zingari e toreri, la vicenda culmina nello spazio scenico che ricrea un’arena nell’Arena. Le luci sono di Paolo Mazzon, le proiezioni di Sergio Metalli e le coreografie di Leda Lojodice, eseguite dal Ballo dell’Arena preparato da Gaetano Petrosino, il trucco di Michele Magnani, global senior make-up artist di MAC. Il maestro Daniel Oren, Direttore musicale del Festival 2019, guida l’Orchestra dell’Arena di Verona e il Coro istruito da Vito Lombardi, con mimi, figuranti e il Coro di Voci bianche A.LI.VE. diretto da Paolo Facincani.

Il cast di quest’ultima Carmen unisce alcuni dei più affermati giovani artisti di oggi: il mezzosoprano russo Ksenia Dudnikova interpreta la forte protagonista, Murat Karahan è il complesso Don José, Alberto Gazale è il torero Escamillo, Mariangela Sicilia è Micaela, personaggio che ritrova dopo l’inaugurazione 2018. Completano il cast Francesco Pittari come Remendado, Gianfranco Montresor come Dancairo, Elisabetta Zizzo come Frasquita, Mariangela Marini come Mercédès, Biagio Pizzuti come Moralès e Gianluca Breda come Zuniga.


 
Nessun commento per questo articolo.