NACQUE IL 21 AGOSTO 1862

Buon compleanno
Emilio Salgari

21/08/2019 18:34
Il 21 agosto 1862 in Corso Portoni Borsari a Verona nasceva Emilio Salgari. Autore di romanzi per ragazzi, padre di Sandokan, de “La Tigre della Malesia”, de “Il corsaro nero”, è stato punto di riferimento per generazioni di studenti fino agli anni ’70 e ’80. Oggi è uno scrittore un po’ trascurato, dimenticato sotto strati di polvere, dalla scuola e dai giovani.

Era la classica lettura consigliata o imposta dalle maestre durante le vacanze. Narrativa per ragazzi di fine ‘800: avventure di pirati e mondi fantastici, animali esotici feroci e tesori sotterrati da scovare. Sogni ad occhi aperti per le generazioni che non avevano la tv e potevano creare con la fantasia i personaggi delle pagine di un viaggiatore che non viaggiava mai.

Quando si parla di Emilio Salgari, dopo aver liquidato la compiaciuta precisazione sul nome (un veronese ci tiene sempre all’accento: Salgàri e non Sàlgari), emerge subito la contraddizione che rende le sue storie ancora più incredibili. Lo scrittore scaligero, riconosciuto come il principale alfiere italiano del genere avventuroso, era un viaggiatore assai scarso: divorava atlanti e libri di viaggio, ma non si spinse mai oltre Brindisi.

Non era un autore da leggere per la precisione stilistica, ma per la ricchezza del racconto, che conquistava i giovani lettori e li portava dalle Antille alla Malesia, dalla Costa d’Avorio alla Siberia (e potrebbe farlo tutt’ora).
Famosa quanto le sue opere la maledizione dei Salgari: proprio come prima di lui il padre e dopo di lui i due figli, Emilio, il 25 aprile del 1911, si tolse la vita. Lasciò una produzione romanzesca così ricca da favorire la proliferazione dei falsi. Un patrimonio culturale che con i voli low cost e le televisioni in HD può risultare meno invitante, ma va sempre ricordato e valorizzato, almeno a Verona, almeno il giorno del suo compleanno.

 
Nessun commento per questo articolo.