IN 5 MESI COME IN TUTTO IL 2018: E' ALLARME

Smog, già superati
i limiti di un anno

19/05/2019 15:11

La pioggia e il vento di questi giorni aiutano, ma l’inquinamento continua ad avvelenare l’aria a Verona che ha già raggiunto, nella settimana appena conclusa, i 50 sforamenti rispetto ai livelli massimi di concentrazione di polveri sottili nell’aria, 50 microgrammi per metrocubo. Lo scorso anno i giorni di sforamento erano stati in totale 44 per la centralina di Borgo Milano e 37 per quella del Giarol Grande: in nemmeno 5 mesi del 2019 è già stato oltrepassato il limite toccato nell’intero 2018. Colpa soprattutto dei primi mesi dell’anno, molto più secchi rispetto al 2018.

Nei cinque anni precedenti, il superamento della soglia limite di PM10 era stato di 76 giorni nel 2017, 53 nel 2016, 95 nel 2015, 51 nel 2014, 83 nel 2013. Quest’anno comunque Verona non ha mai raggiunto il livello di allerta rosso, che scatta dopo 10 giorni consecutivi di sforamento e allarga i divieti di circolazione non solo ai mezzi privati ma anche ai commerciali.

E' stato pubblicato sul sito del Comune il nuovo Accordo di programma «per il miglioramento della qualità dell’aria nel Bacino Padano», che Palazzo Barbieri ha sottoscritto assieme a Comuni e Regioni di tutta la Val Padana e con il Ministero dell’Ambiente. In base a questo documento, i provvedimenti anti-smog che saranno adottati per il prossimo autunno-inverno saranno condivisi in tutta la pianura. L’accordo dovrà però essere tradotto in atti concreti, a partire dalle misure antismog del prossimo autunno, ma mettere d’accordo tutti non è un’impresa facile.


 
Nessun commento per questo articolo.