Soffitte in piazza ai giardini San Marco

24/05/2019 17:55

‘Nuova location per le ‘Soffitte in piazza’ in 6ᵃ Circoscrizione. Da quest’anno il mercatino si sposta dai Giardini Cantori Veronesi a quelli di San Marco, tra via Campo Sportivo e via Semeghini. Questa la novità della 6ª edizione che, oltre ad offrire nuovi spazi per una maggiore partecipazione di pubblico e di espositori, semplifica le modalità di iscrizioni con l’attivazione di un sito dedicato.

Gli appuntamenti saranno sette e si svolgeranno il sabato, a partire dal 25 maggio, il 22 giugno, il 13 luglio, il 31 agosto, il 14 settembre, il 5 e il 26 ottobre. I mercatini saranno aperti al pubblico dalle 9 alle 17 ed in caso di maltempo slitteranno alla domenica.

La partecipazione è rivolta a privati cittadini ai quali viene data la possibilità di mettere in vendita oggetti o abiti da loro non più utilizzati. L’adesione come espositore è gratuita e prevede l’iscrizione obbligatoria sul sito www.soffitteinpiazza.it.

Maggiori informazioni e regolamento sono disponibili, oltre che sul sito per l’iscrizione, agli uffici della 6ᵃ Circoscrizione o al numero telefonico 3515279465 o scrivendo una mail a [email protected] La manifestazione è organizzata dalla 6ᵃ Circoscrizione con la collaborazione dell’associazione “Zero 45” e il contributo di Amia.

“Siamo contenti di riprendere questa iniziativa, programmata con appuntamenti fino al prossimo autunno – afferma la presidente della 6ᵃ Circoscrizione –. Con il mercatino ai giardini San Marco possiamo raddoppiare il numero degli espositori e con il nuovo sito offrire una migliore comunicazione e facilitare il servizio delle prenotazioni”.

Email inviata con successo

L'oro del Garda, premiato Turri

24/05/2019 17:55

Sono l’olio Garda Orientale DOP del frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese e quello dell’Agraria Riva del Garda di Riva del Garda (Trento) a vincere il primo posto de L’Oro del Garda, il concorso unico indetto dal Consorzio Olio Garda DOP che ogni anno premia i migliori extravergine delle denominazioni Garda Bresciano DOP, Garda Orientale DOP, Garda Trentino DOP. I due oli hanno vinto rispettivamente nelle categorie fruttato leggero e fruttato medio. La premiazione è avvenuta sabato 18 maggio a Casa Berengario di Cavaion Veronese, la nuova sede del Consorzio inaugurata nella stessa data. Ad aggiudicarsi il secondo e il terzo posto nella categoria fruttato leggero sono stati invece l’oleificio Cisano di Cisano, con l’olio Garda Orientale DOP, e l’olio Garda DOP dell’azienda Redoro di Grezzana. Per quel che riguarda gli oli fruttati medi sono saliti sul secondo e terzo gradino del podio l’olio Garda trentino DOP dell’azienda Madonna delle Vittorie, e il monocultivar Casaliva Garda DOP de Le Creve di Malcesine.

L’Oro del Garda ogni anno premia il miglior olio Garda DOP scelto in un panel test dove assaggiatori professionisti analizzano i campioni di olio della campagna olivicola, opportunamente resi anonimi. Le modalità di svolgimento della selezione sono state presentate da Gianpaolo Fasoli, capo panel del laboratorio chimico delle Dogane di Verona, che ha coordinato i lavori della giuria.

Email inviata con successo

L'azienda Farina e i "ristoranti in cantina"

24/05/2019 11:45

Il concetto ispiratore del nuovo progetto dell'azienda Farina "Ristoranti in cantina" è sinergia. La famiglia Farina apre le porte ai ristoratori per cucinare nelle suggestive location della propria cantina, in un incontro tra piaceri enoici e sapori culinari.

La prima tappa è fissata per giovedì 30 maggio, quando L'osteria Metti di Incaffi "traslocherà" nella cantina a Pedemonte di San Pietro in Cariano per presentare i propri piatti.

Email inviata con successo

Leadership e management i segreti delle donne

21/05/2019 18:18

Di anno in anno le socie di EWMD - European Women’s Management Development - si riuniscono in una delle più importanti città italiane per l’Assemblea Nazionale. Stavolta è Verona che le ha accolte sabato 19 maggio nello splendido Palazzo Orti Manara, sede di CereaBanca, partner dell’evento. L’incontro, nonostante la giornata piovosa, ha visto la partecipazione delle socie da tutta Italia, che si sono radunate con l’obiettivo di fare rete e discutere delle strategie di sviluppo dell’associazione, da decenni presente in tutta Europa.

La Presidente Nazionale Daniela Bandera e la co-presidente Renata Pelati hanno aperto i lavori con un riepilogo dei risultati del 2018 rispetto agli obiettivi condivisi nella precedente assemblea nazionale e l’introduzione delle nuove strategie per il futuro più immediato. Il biennio 2019-2020 sarà caratterizzato da attività che pongono al centro il consolidamento sul territorio nazionale, la valorizzazione di talenti interni e molteplici attività di Empowerment e Formazione femminile distribuite sul territorio. Continueranno inoltre le attività in collaborazione con Elle active, un’iniziativa unica, che quest’anno vedrà il network ancora più presente. EWMD Italia ha aderito a Inclusione Donna e a Noiretedonne, due gruppi che aggregano le associazioni più rappresentative a livello nazionale. E’ stata infine presentata la candidatura italiana alla presidenza internazionale EWMD: è Paola Ligabue, già direttore internazionale del Marketing del Network, socia del chapter di EWMD Reggio-Modena. Il pomeriggio ha lasciato spazio ai laboratori aperti anche alle non associate, due ore di attività per incrementare le competenze e scoprire i prossimi percorsi che EwmdVerona proporrà dal prossimo autunno: finanza comportamentale e di genere, sviluppo della leadership e dell’empowerment femminile, uso della propria voce per migliorare la relazione con gli altri.

Email inviata con successo

Psoriasi, un incontro per fare luce

21/05/2019 12:04

Appuntamento all'Hotel Due Torri, giovedì 23 maggio alle 18, per parlare di Psoriasi. Andrà in scena un dibattito per affrontare i problemi legati a questa malattia della pelle. Intervengono esperti come Giampiero Girolomoni, professore ordinario di Dermatologia e Venerologia dell'Università di Verona; Davide Gatti, professore associato di reumatologia, dell'Università di Verona e i rappresentanti delle associazioni pazienti di ADISPO e AMRER. Ci sarà anche un momento di intrattenimento con la comica, di Zelig, Debora Villa.

Email inviata con successo

Tempo per la famiglia, aperte le iscrizioni

17/05/2019 16:38

Fino al 28 maggio è possibile iscriversi al “Tempo per la Famiglia” per l’anno educativo 2019/2020. Il servizio, promosso dal Comune per sostenere la crescita dei bambini, è attivo in cinque quartieri cittadini: Ca’ di David, Porto S. Pancrazio, Saval, Stadio e Valdonega.

Negli spazi dedicati, i bambini da 0 a 3 anni, possono incontrare altri bimbi e giocare; gli adulti che li accompagnano, oltre ad avere la possibilità di stare con i propri figli, possono confrontarsi con altri genitori su come affrontare i piccoli o grandi problemi educativi.

La domanda per partecipare può essere presentata inviando via mail un documento di identità di un genitore assieme al modulo di iscrizione a [email protected] È possibile anche presentarsi, sempre muniti di documento identificativo, direttamente agli uffici di via Bertoni 4, aperti dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 ed il martedì e giovedì dalle 15 alle 17, oppure recandosi ai singoli Servizi dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12. Per maggiori informazioni sulle attività è possibile contattare il numero 0458079631.

Email inviata con successo

Borse di studio per tesi su Verona

17/05/2019 16:34

C’è tempo fino al 31 maggio per partecipare al “Premio Città di Verona”. In palio sei borse di studio dal valore di mille euro ciascuna, a cui possono concorrere gli studenti che hanno discusso una tesi di laurea magistrale nel corso del 2018.


Per l’ammissione è necessario aver svolto un lavoro riguardante la città di Verona, il suo patrimonio artistico-culturale, ma anche il territorio provinciale o le peculiarità della vita scaligera. Il voto di laurea dovrà essere di almeno 100/110. Nel caso in cui la tesi sia stata elaborata da più autori, potranno partecipare soltanto i soggetti che hanno raggiunto il punteggio previsto dal bando, consegnando ciascuno una distinta domanda.


Bando e moduli di partecipazione sono scaricabili dal sito www.politichegiovanili.comune.verona.it. Le domande dovranno essere presentate entro le ore 13 del 31 maggio. Ulteriori informazioni ai numeri 045/8078789- 8787. L’iniziativa è promossa dall’assessorato alle Politiche giovanili.

Email inviata con successo

Oliver Onions al castello di Villafranca

14/05/2019 12:15

Per l’anteprima della 7° edizione di Comics Fest (La fiera del fumetto di Verona), si terrà la prima assoluta di "...continuiamo a chiamarli Oliver Onions", il nuovo spettacolo dei fratelli Guido e Maurizio De Angelis meglio conosciuti come Oliver Onions. Molto più di un semplice concerto. Uno show che racconta attraverso le loro canzoni le loro incredibili vite da film.


L'appuntamento è al Castello Scaligero di Villafranca per venerdì 7 giugno. Quasi due ore di musica condite da immagini, aneddoti e curiosità raccontate dagli stessi protagonisti. Un presentatore d’eccezione come Omar Fantini condurrà il pubblico attraverso gli snodi dello spettacolo.


La scaletta di questo concerto conterrà le loro hit di maggiore successo in Italia e nel mondo ma anche tutti quei brani molto significativi che fanno parte della storia di Guido e Maurizio, e addirittura canzoni che molti conoscono ma che non sanno essere state scritte proprio dagli Oliver Onions. Troveranno così spazio nella scaletta anche quei brani cult assoluti che non trovano spazio negli altri concerti ad esempio le loro fantastiche sigle dei cartoni animati, le sigle delle serie televisive e le colonne sonore del polizieschi anni '70.

Email inviata con successo

La storica osteria riapre le porte

13/05/2019 12:22

Spazi completamente rinnovati ma anche un nuovo progetto sociale e culturale, che ne farà un luogo accogliente e inclusivo, promotore di cittadinanza, al servizio della comunità e del territorio. Riapre lunedì 13 maggio la storica osteria La Coopera 1945, ad Arbizzano di Negrar (via Stella, 40).

A gestirla sarà Azalea, cooperativa sociale veronese che da oltre 25 anni è attiva con servizi e progetti negli ambiti delle cure primarie, dell’educazione e della cultura, dell’inclusione. Ne raccoglie orgogliosa il testimone dalla Cooperativa Arbizzano, proprietaria dell’immobile, condividendone i valori fondanti e facendo proprio il ruolo sociale di quel progetto, nato 70 anni fa per rispondere all’esigenza della popolazione della Valpolicella di approvvigionarsi dei beni di prima necessità, in un contesto sociale ed economico ancora sconvolto dal conflitto.

Dopo la festa di inaugurazione di sabato 11 maggio, l’osteria riprende dunque l’attività proponendosi di coniugare insieme tradizione e innovazione. Accanto a un menu attento ai diversi target, che vuole unire generazioni diverse (pranzi, cene, aperitivi e “cicchetti” nella migliore tradizione veronese), la proposta di gastronomia per asporto, pensata in particolare per le persone anziane o sole, ma pure per chi non ha tempo per cucinare. Alla base di tutto, una scelta precisa di qualità delle materie prime e al contempo di sostegno ai produttori locali, sposata a una filosofia dei prezzi che li vuole sostenibili e accessibili: i prodotti utilizzati sono di prossimità e bio, il menu propone anche piatti della cucina veneta accanto ad alcuni vegetariani e vegani, la carta dei vini predilige cantine del territorio.

L’osteria sarà un luogo di incontro, di arte e di cultura: ospiterà infatti appuntamenti tematici, nonché eventi musicali e teatrali, valorizzando l’ampia corte esterna. E ancora, La Coopera 1945 sarà impegnata a promuovere un approccio consapevole e critico al consumo e una cultura del cibo sano, equo e sostenibile; per questo diventerà punto di riferimento e di distribuzione per il Gaspolicella, il gruppo di acquisto solidale del territorio, i cui prodotti figureranno tra le materie prime del menu dell’osteria.

Ma La Coopera 1945 è anche un articolato progetto sociale: spazi interni disponibili e gratuiti ─ tra cui un co-networking dedicato al lavoro e allo studio come a incontri e riunioni per cittadini e associazioni ─, un’area per i bambini attrezzata con giochi, una saletta per laboratori... Numerosi altri i servizi gratuiti per la comunità.

La cooperativa sociale Azalea di Pescantina, una delle più significative del veronese, è attiva negli ambiti delle cure primarie, educazione e cultura, inclusione da oltre 25 anni. Conta 480 soci (ordinari e volontari), ha all’attivo 70 servizi sul territorio e vede destinatari dei suoi servizi e progetti oltre 20mila cittadini. Tra i suoi progetti sociali più significativi, sempre in Valpolicella, l’hotel ristorante GranCan che dal 1994 promuove turismo inclusivo e percorsi di riabilitazione e inclusione attiva.

La Cooperativa Arbizzano nasce come cooperativa di consumo nell’immediato Secondo Dopoguerra, il 23 ottobre 1945, con il nome “Cooperativa dei lavoratori di Arbizzano”. Si caratterizza da subito come osteria offrendo anche un servizio di forno comunitario, in cui gli abitanti portano a cuocere il loro pane e acquistano prodotti nella bottega a prezzi calmierati. Il negozio resiste fino agli anni Ottanta, quando l’impatto della grande distribuzione organizzata impone alla coop di ripensare la propria veste mutualistica diventando circolo. A partire dal 1994 i locali sono allora adibiti a scuola per la prima infanzia, a ristorante e a negozio, affidati a imprese esterne. I soci, oggi 65, proseguono comunque la loro attività promuovendo iniziative di carattere ricreativo e sociale, anche dopo la chiusura dell’esercizio commerciale. La cooperativa proseguirà le proprie attività negli spazi di Coopera 1945, proprio a sottolineare il filo di continuità del progetto.

Email inviata con successo

Il serpente di Malerba al Teatro Camploy

13/05/2019 11:19

Venerdì 17 maggio ore 20.45 al Teatro Camploy di Verona debutta per la rassegna "L'Altro Teatro" la nuova produzione del Teatro Scientifico - Teatro Laboratorio “Il serpente” tratto dal romanzo di Luigi Malerba. “Il Serpente” potrebbe sembrare un giallo a sfondo passionale: un commerciante di francobolli conosce Miriam, si innamora e diventano amanti, ma la realtà è deformata... “Il Serpente” è una perla della letteratura italiana del secondo '900 difficile da catalogare in un genere. Un giallo? Un flusso di coscienza allucinato? Un racconto metafisico venato di umorismo? Un po' tutto questo, ma anche una struttura narrativa che nega e smentisce il racconto stesso, spiazzando continuamente il lettore. Malerba crea una vicenda kafkiana, ossessiva, claustrofobica, con tratti decisamente umoristici, in cui il protagonista vive un'esistenza sostanzialmente alienata, solitaria e proprio per questo riempita dalle sue fantasie paradossali. “Un uomo comune che arricchisce la propria insignificante vita con delle menzogne”. Chi non è mai stato tentato di farlo?

Luigi Malerba è uno dei fondatori insieme a Umberto Eco ed Edoardo Sanguineti del Gruppo 63. "Il Serpente - suo primo romanzo - rappresenta in pieno lo spirito sperimentale e neoavanguardista del Gruppo, che opponeva al clima di conservazione culturale vigente, la ricerca di nuove soluzioni linguistiche e una grande libertà narrativa e di sperimentazione." (A. Boggio)

Trasponendo in forma drammaturgica il clima surreale, comicamente doloroso, di un racconto ambientato nel cuore urbano di una Roma di metà degli anni '60, con suggestioni di luoghi e di tipologie tuttora riscontrabili, si è cercato di mantenere fedelmente l'atmosfera rarefatta e come sospesa del romanzo. In un periodo come quello attuale in cui si tende in modo ossessivo verso un'esistenza "social", una storia così estrema, ma anche così umana, può suggerire una riflessione su alcune dinamiche individuali della nostra mente e dei nostri istinti.

Regia di Isabella Caserta e Francesco Laruffa. Con Francesco Laruffa e con la partecipazione di Isabella Caserta. Adattamento teatrale de “Il serpente” di Luigi Malerba, edito in Italia da Editore Mondadori, a cura di Francesco Laruffa.

Email inviata con successo