BOTTA E RISPOSTA FIGLI DELLA SHOAH-SINDACO SBOARINA

Almirante e 25 aprile,
scoppia la polemica

25/04/2019 17:02

Ancora polemiche a Verona legate alle celebrazioni del 25 aprile. Il responsabile della sezione di Verona dell’Associazione Figli della Shoah, Roberto Israel, ha diffuso un comunicato nel quale denuncia che “l’attuale governo di maggioranza che dirige la città di Verona non sembra per nulla in imbarazzo a chiedere una strada o una piazza dedicata a Giorgio Almirante. E non curante, depone una corona alla memoria di Rita Rosani, medaglia d’oro al valore militare, che ha sacrificato la sua vita per la nostra libertà e per difenderci da quelli come Giorgio Almirante”.

“Mi rifiuto di accoglierli davanti alla Sinagoga di Verona - ha concluso - a compiere un gesto di alto profilo, così come mi vergogno per tutte le altre corone che saranno esposte nei punti indicativi di Verona, dove persero la vita per la nostra libertà eroi uccise dalle mani di gente come Giorgio Almirante”.

Immediata la replica del sindaco di Verona, Federico Sboarina: “Lascio le strumentalizzazioni inutili ad altri. Sarebbe questa la democrazia e il rispetto per le ricorrenze istituzionali?”. “L'unico esercizio che si nota - ha aggiunto - è quello delle parole usate come una clava sul 25 aprile, mentre da più parti oggi è stato sottolineato che deve essere la festa di tutti”.

“Oggi ho mantenuto gli impegni istituzionali delle celebrazioni, in una settimana in cui ho annullato gli appuntamenti per questioni familiari. Inoltre, per tutta la giornata, un rappresentante del Comune è presente ovunque. La pacificazione nazionale non deve essere solo uno slogan, deve essere un impegno di tutti, ma evidentemente a qualcuno non interessa” ha concluso Sboarina.


 
Nessun commento per questo articolo.