25 APRILE

Verona celebra giornata
della Liberazione

25/04/2019 14:26

Mattinata di celebrazioni in centro a Verona per il 74esimo anniversario della liberazione (GUARDA SERVIZIO TV). Dopo la Santa Messa davanti a Palazzo Barbieri, il corteo (aperto dalla banda musicale di Grezzana) si è spostato davanti al Liston per l’alzabandiera. Il sindaco di Verona Sboarina, come preannunciato, ha lasciato le celebrazioni subito dopo e la fascia di primo cittadino è stata indossata dal capogruppo della lega in consiglio comunale Roberto Simeoni.

C’era naturalmente il prefetto Donato Giovanni Cafagna che ha partecipato a tutta la mattinata di celebrazioni: la deposizione delle corone alla tarda dei Caduti nella battaglia in difesa del palazzo delle Poste e poco dopo alla Sinagoga, davanti alla tarda in memoria della medaglia d’oro Rita Rosani.

Insieme al prefetto c’erano alcuni parlamentari veronesi e i rappresentanti delle forze dell’ordine oltre ovviamente alle associazioni dei partigiani, dei caduti, dei mutilati di guerra e della comunità ebraica.

Il coda al corteo c’erano i giovani del movimento studentesco che hanno intonato “Bella ciao”, mentre alcuni esponenti del circolo Pink e di altre associazioni di estrema sinistra hanno contestato il sindaco urlando “fuori i fascisti dal corteo”.

La mattinata è proseguita con la deposizione di tre corone in piazza bra in memoria dei caduti di tutte le guerre, al monumento del partigiano e alla targa dei deportati nei campi di sterminio. La festa della liberazione si è poi spostata nell’androne della Gran Guardia con gli interventi del prefetto e di altre autorità e la consegna delle onorificenze ai famigliari dei deportati e alle associazioni dei caduti.


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.