Festival delle relazioni "La persona al centro"

24/04/2019 15:23

“La qualità della nostra vita dipende, in gran parte, dalla qualità delle nostre relazioni”. Parte da questo presupposto il Festival delle Relazioni, cinque giornate dedicate all’incontro e al confronto e rivolte in particolare ai giovani. L’appuntamento è dall’1 al 5 maggio, con un cartellone di eventi che spaziano dal sociale alla cultura, dal lavoro al tempo libero, dall’arte allo sport. L’obiettivo è far sì che i cittadini possano esplorare nuovi ambiti di interesse, nuove attività di cui possano appassionarsi, riscoprendo il valore dello stare insieme.


La prima edizione dell’iniziativa parte già con numeri importanti, grazie al coinvolgimento di oltre cento tra istituzioni, enti, associazioni culturali e di volontariato che operano sul territorio. Un lavoro di squadra che ha prodotto un cartellone di 140 eventi, per incontrare i diversi ambiti di interesse dei partecipanti.


Cuore della manifestazione sarà piazza dei Signori, che diventerà il vero e proprio Villaggio del festival, con concerti, spettacoli, momenti di approfondimento ma anche di divertimento, con cacce al tesoro, attività con gli animali, laboratori all’aperto. La piazza diventerà anche il punto di incontro enogastronomico. Qui, infatti, dalla mattina fino a tarda serata, si potranno degustare i piatti tipici della cucina veronese, con i ristoratori locali che racconteranno i prodotti locali e come vengono valorizzati nel passaggio dal territorio alla cucina.


Molte altre proposte saranno ospitate nelle sedi degli enti e delle associazioni coinvolte. Tra le più significative si segnalano: il concerto di apertura del festival in piazza dei Signori con il Conservatorio di Musica statale Dall’Abaco; l’incontro ai Magazzini Generali con musica sperimentale ed elettronica; la proiezione di un video realizzato dai ragazzi durante il laboratorio proposto dal Circolo Fotografico Veronese, in Palazzo Orti Manara; il percorso di astronomia “Il cielo negli occhi, le stelle nel cuore” realizzato dal Circolo Astrofili Veronesi in Gran Guardia.


Il programma completo del festival sul sito www.festivalincontra.it.


La rassegna, promossa dall’associazione culturale Progetto Giovani, è stata presentata oggi in municipio dall’assessore alle Manifestazioni, insieme alla presidente Ilenia Bozzola e al direttore scientifico del festival Luca Ravazzin. Hanno partecipato anche il presidente della 1ª Circoscrizione, il presidente di Amia Bruno Tacchella e Simone Vesentini in rappresentanza dei ristoratori veronesi che hanno aderito all’iniziativa.


“Sembra banale porre l’accento sull’importanza delle relazioni – ha detto l’assessore alle Manifestazioni -, invece è ciò di cui i nostri giovani hanno bisogno, circondati da strumenti tecnologici che fanno vivere loro una vita più virtuale che vera. Una condizione che, purtroppo, interessa anche molto adulti e famiglie, che devono invece riscoprite l’autenticità dello stare insieme. Un festival dedicato alla persona, quindi, che coinvolge davvero un numero straordinario di realtà, a dimostrazione della bontà del progetto e dei suoi obiettivi”.

Email inviata con successo

5 mila studenti da tutta Italia in Gran Guardia

24/04/2019 15:10

Quasi 5 mila studenti da tutta Italia per il concorso nazionale “Scuole in Musica”, in programma dal 12 al 20 maggio in Gran Guardia. La quarta edizione dell’iniziativa, organizzata da Talent Music School con la collaborazione del Comune, si conferma anche quest’anno la più grande manifestazione europea dedicata alla formazione musicale. Coinvolte 121 scuole medie ad indirizzo musicale, Licei musicali e Coreutici da 15 regioni del Paese e 13 conservatori di Musica italiani. Verona partecipa al concorso con 11 scuole.

Il concorso è suddiviso per fasce di età e verte sull’esecuzione di brani con strumenti dal vivo, alla presenza di una commissione giudicatrice. Gli studenti dei conservatori, inoltre, potranno concorrere per il premio musicale dedicato a Làszlò Spezzaferri, fondatore del Conservatorio di Verona.

Nella settimana di audizioni, in programma alla Gran Guardia dalle 8.30 alle 21, le scuole si contenderanno premi in buoni acquisto per materiale didattico e strumenti musicali e la possibilità di esibirsi in concerti locali. Premiazioni e concerto finale si terranno lunedì 20 maggio, a partire dalle 20.

“Un evento – sottolinea l’assessore alle Politiche giovanili –, che registra ad ogni sua edizione una sempre crescente partecipazione di giovani talenti della musica, provenienti da tutta Italia. Ringrazio quanti, insieme all’Amministrazione, credono che la cultura scolastica sia fondamentale per la crescita e la formazione dei nostri ragazzi, e li supportano perché possano seguire i propri talenti e realizzare i propri sogni”.

Presenti in conferenza stampa il direttore artistico del concorso ‘Scuole in Musica’ Ilaria Loatelli, il presidente dell’associazione Talent Music School Paolo Baglieri e i rappresentati dei partner dell’iniziativa.

Info e contatti: www.concorsoscuoleinmusica.it e www.politichegiovanili.comune.verona.it

Email inviata con successo

Vacanze per famiglie al mare: aperte iscrizioni

16/04/2019 17:45

Da martedì 16 aprile sono aperte le iscrizioni per le vacanze in appartamento per famiglie con minori, promosse dall’assessorato al Turismo sociale. L’iniziativa, rivolta alle famiglie residenti nel Comune di Verona con almeno un figlio minorenne a carico, propone soggiorni estivi di una o due settimane in appartamento al mare a Bibione.


Si può scegliere tra il soggiorno con appartamenti bilocali 3+2 (massimo 5 persone) o trilocali 4+2 (massimo 6 persone). Le famiglie che hanno già prenotato con il Comune una settimana in campeggio o in pensione completa possono prenotare l’appartamento solo a tariffa intera. Le prenotazioni si effettuano a partire da domani, martedì 16 aprile, con i moduli scaricabili all’interno del sito del Comune oppure telefonando allo 045 8077472. Tutte le informazioni e tariffe soggiorni sul sito www.comune.verona.it/turismosociale.

Email inviata con successo

La pausa pranzo per scoprire un'opera d'arte

15/04/2019 09:52

Bastano “30 minuti per scoprire un’opera con occhi diversi”. Ai musei civici cittadini, dalle 13.30 alle 14, due esperti a disposizione per sei giovedì d’incontri. E’ la nuova iniziativa dei Musei civici veronesi, per divulgare la conoscenza del patrimonio artistico della città in “30 minuti”, durante la pausa pranzo. L’iniziativa è promossa in collaborazione con l’Università di Verona ed il supporto di Agsm.




Si parte giovedì 18 aprile nella sala Boggian del Museo di Castelvecchio. Lo storico dell’arte Gianni Peretti e il bibliotecario conservatore dell’Accademia filarmonica Michele Magnabosco, guideranno il pubblico alla scoperta della “Musica ascoltata e musica dipinta. I pittori filarmonici nella vita accademica”.




Seguiranno gli incontri: il 2 maggio alla sala Scacchi della Galleria d’Arte Moderna, su “I dimenticati: San Giacomo alla tomba nel reportage fotografico di John Phillips e nella documentazione d’archivio”; il 9 maggio nella sala Botanica del Museo di Storia Naturale, con “Rari resti vegetali dalle palafitte raccontano la produzione del cibo nella Preistoria”; il 16 maggio alla GAM, con “Molmenti Pompeo Marino, Pia dei Tolomei condotta in Maremma”; il 23 maggio al Museo di Storia Naturale, con “Collana di conchiglie cauri dell’Etiopia”.

Ultimo appuntamento, giovedì 6 giugno al Museo Archeologico del Teatro Romano, con l’incontro “La tomba romana di Corrubbio”.




Agli incontri gratuiti si accede con il biglietto d’ingresso al museo.


Email inviata con successo

Corso sui rettili al Giarol Grande

14/04/2019 11:46

Corso sulla natura e, per l’estate, centri estivi per ragazzi. Questi gli appuntamenti promossi dal comitato Giarol Grande e dall’associazione Biosphaera per la primavera-estate 2019.


Il corso “Anfibi e Rettili del nostro territorio”, al via da sabato 20 aprile al Giarol Grande, si svolgerà con un ciclo di quattro lezioni – le prossime il 27 aprile, 4 e 11 maggio –, in programma al Parco dell’Adige, al Parco regionale della Lessinia e al lago di Garda.

L’evento, approvato dall’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche, è principalmente rivolto agli iscritti all’AIGAE ma aperto a quanti fossero interessati ad un momento formativo sotto la guida di erpetologi esperti. Per partecipare, iscrizione obbligatoria entro lunedì 15 aprile.

Ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di competenza, ottenuto dopo il

superamento di un test. Per le guide è prevista l’assegnazione di 4 crediti formativi.


Il programma dettagliato del corso è consultabile sul link https://bit.ly/2UMPk9i.


I centri estivi si terranno al Giarol Grande, dal 10 giugno al 12 settembre, con una pausa dal 12 al 18 agosto. Vi possono partecipare bambini e ragazzi dai 4 ai 14 anni.


Durante le giornate i ragazzi, insieme a guide naturalistiche professioniste, parteciperanno ad osservazioni sulla natura, escursioni nel bosco, lavori nella fattoria e nell’orto.

Iscrizioni obbligatorie da effettuarsi sul sito www.biosphaera.it.


Per ulteriori informazioni rivolgersi al sito www.biosphaera.it, alla mail [email protected] o al numero 0455118533.

Email inviata con successo

Studenti tedeschi alla scoperta di Verona

12/04/2019 17:14

Dalla Germania a Verona per scoprire cultura e fascino della città scaligera.

Sono gli studenti dell’Istituto Hildegardisschule di Bingen am Rhein che, insieme ai loro coetanei del Liceo linguistico Europeo Lavinia Mondin, sono stati accolti a palazzo Barbieri dall’assessore alle Politiche giovanili.

I ragazzi tedeschi, ospitati dagli studenti del Mondin, avranno modo di visitare i principali monumenti cittadini e di conoscere l’ampio patrimonio storico-culturale di Verona.

L’assessore, evidenziando l’importanza degli scambi scolastici nella crescita personale dei ragazzi, ha ricordato quanto per i giovani queste occasioni di confronto siano utili per conoscere altre realtà e stringere amicizie con coetanei che hanno tradizioni e abitudini diverse.

Email inviata con successo

Tappa a Verona per la Freedom Charity

12/04/2019 17:08

Di corsa per 1050 chilometri da Gdansk a Milano, per favorire la dialogo tra i popoli e raccogliere fondi per i bambini in difficoltà. È la Freedom Charity, Run 2019 che il 4 e 5 luglio farà tappa anche a Verona. L’evento, che vuole sottolineare l’importanza della libertà, della democrazia e dell’amicizia tra le nazioni, dal 2013 è promosso annualmente in tutto mondo dall’organizzazione umanitaria Lions Clubs International, con percorsi e tappe sempre diverse. In sette edizioni sono stati percorsi oltre 5000 chilometri di corsa ed attraversate 14 nazioni in 3 diversi continenti.


Una lunga corsa internazionale che quest’anno, dal 26 giugno al 6 luglio, partendo da Gdansk in Polonia, attraverserà Austria, Ungheria, Croazia e Slovenia, per terminare a Milano, dove è in programma, dal 6 al 9 luglio, per la prima volta in Italia, la Convention mondiale Lions. I corridori arriveranno a Verona il 4 luglio alle 17, per ripartire il giorno successivo alle 8.30 alla volta di Milano.


L’appuntamento è stato presentato a palazzo Barbieri durante l’incontro fra l’assessore allo Sport Filippo Rando e i due rappresentanti del Lions Clubs International Mariusz Szeib e Daniel Wcisło Poznań. “Sono onorato che Verona sia stata scelta come tappa di questo importante appuntamento sportivo – ha detto Rando –. Un’iniziativa umanitaria di straordinario valore, il cui ricavato sarà devoluto in favore dei bambini del Rwanda”.

Email inviata con successo

Metti via quel cellulare Cazzullo al Teatro Nuovo

12/04/2019 17:05

Nell’ambito del progetto FUORI DALLA RETE - Percorsi educativi all’uso del web ideato da Fondazione Aida in collaborazione con ULSS 9 Scaligera, Teatro Stabile di Verona, Prospettiva Famiglia e “Scuola e territorio - Educare insieme” col patrocinio del Comune di Verona - Politiche giovanili, lunedì 15 aprile alle ore 18.00 al Teatro Nuovo va in scena Metti via quel cellulare, spettacolo tratto dal libro omonimo di Aldo Cazzullo, giornalista del Corriere della Sera e scrittore. Ne sono interpreti Andrea Avanzi, Silvia Rizzi e Jacopo Zera con la regia di Paolo Valerio e Pino Costalunga. Lo spettacolo sarà preceduto da un’introduzione di Daniela Galletta e seguito da interventi di Aldo Cazzullo e dei due registi.L’ingresso allo spettacolo è libero.

Aldo Cazzullo si rivolge ai figli e a tutti i ragazzi: li invita a non confondere la vita virtuale con quella reale. “Il telefonino e la rete – dice Aldo – sono il più grande rincoglionimento dell’umanità”. “Il telefonino e la rete – replicano i figli – sono parte della nostra vita e sono il nostro futuro”. Ma il nostro futuro è anche non bruciarsi davanti ai videogame, non andare sempre in giro con le cuffiette, non rinunciare ai libri, al cinema, ai concerti, al teatro. E soprattutto salvare i rapporti umani con i parenti e i professori, la gioia della conversazione vera e non attraverso le chat e le faccine. I suoi figli, Francesco e Rossana, rispondono spiegando al padre e a tutti gli adulti il rapporto della loro generazione con il telefonino e la rete che consente di vivere una vita più ricca, di conoscere persone nuove, di mettere lo studente al centro della scuola, di leggere i classici.Ne nasce un dialogo serrato sui rischi e sulle opportunità del nostro tempo: la cattiveria online, gli youtuber e l’elogio dell’ignoranza, i cyberbulli, gli idoli del web, i padroni delle anime da Facebook ad Amazon, l’educazione sentimentale affidata a YouPorn, la distruzione dei posti di lavoro e della cultura tradizionale, i nuovi politici da Trump a Grillo, sino all’uomo artificiale. Ma anche le possibilità dei social, i nonni che imparano a usare le chat per parlare coi nipoti, la rivolta contro le dittature, la nascita di una gioventù globale unita dalla rete web.

Lo spettacolo è l’evento conclusivo di Fuori della rete (progetto realizzato con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri) che ha proposto tavole rotonde e laboratori culminati nello spettacolo Web heroes - Giovani eroi in rete di cui sono stati protagonisti una sessantina di studenti di tre istituti cittadini.

Email inviata con successo

Teatro per bimbi alla scoperta dell'Etiopia

12/04/2019 17:02

Al Museo di Storia Naturale laboratori gratuiti per bimbi e ragazzi alla scoperta dei territori africani. L’iniziativa, collegata alla mostra “Etiopia, la bellezza rivelata. Sulle orme degli antichi esploratori”, prende il via sabato 13 aprile, con il laboratorio di teatro “A spasso con Lucy & CO”. Un emozionante viaggio/spettacolo nella storia dell’umanità che, partendo da ‘Lucy’, primo esemplare di ominide scoperto nel 1974 in Etiopia, condurrà i giovani esploratori alla scoperta delle origini del nostro passato. L’iniziativa è rivolta a bambini/ragazzi dagli 8 anni in su.

Gli appuntamenti in programma, realizzati sempre al pomeriggio dalle 15.30 alle 17, proseguiranno nel mese di maggio, sabato 11 e 25 e domenica 12 e 26. Gli eventi sono rivolti a bambini/ragazzi dai 6 anni in su. Ai laboratori gratuiti si accede con il biglietto d’ingresso al museo.

Il programma incontri prevede: sabato 11 maggio, laboratorio creativo “Perle d’Africa”; domenica 12 maggio, secondo appuntamento di “A spasso con Lucy & CO”; sabato 25 maggio, laboratorio “Il timbro magico e le croci copte”; domenica 26 maggio, “Sistro-music”.

I laboratori sono promossi dal Museo di storia naturale, da I MUV – I musei di Verona, con il patrocinio del Comune e la collaborazione del Museo africano. Per i genitori dei giovani esploratori, dalle 16 alle 17, visite guidate al museo.

Email inviata con successo

Gran Guardia, convegno apprendimento infantile

12/04/2019 16:59

Si terrà domani, sabato 13 aprile, dalle 9 alle 13.30, in Gran Guardia il convegno “La mente del bambino. Neuroscienze e pedagogia montessoriana in dialogo”.


La conferenza, organizzata dal Comune - assessorato all’Istruzione in collaborazione con l’Associazione Montessori Verona, è indirizzata a insegnanti, pedagogisti e pediatri, ma anche a genitori che vogliono comprendere meglio il concetto montessoriano della “mente assorbente del bambino”.


L’incontro sarà occasione di dibattito e di approfondimento delle riflessioni pedagogiche della Montessori, confrontate con le attuali scoperte delle neuroscienze sull’apprendimento infantile.


Parteciperà all’evento la presidente della commissione Sociale. Interverranno Grazia Honegger Fresco, ultima allieva di Maria Montessori, il neuroscienziato Alberto Oliviero, il neurofisiologo Leonardo Fogassi, il professore di pedagogia sociale alla LUMSA di Roma Raniero Regni e il presidente dell’Opera nazionale Montessori Benedetto Scoppola. Nel ruolo di moderatore il professore di pedagogia sperimentale all’Università di Verona Claudio Girelli.

Email inviata con successo