LA DECISIONE

Sì a via per Almirante
scontro in Consiglio

15/03/2019 11:05

Verona avrà una via (o una piazza) dedicata a Giorgio Almirante. Il consiglio comunale, dopo un'accesa discussione, ha approvato la mozione di Ciro Maschio con 21 voti favorevoli e 5 contrari.

Maschio, presidente del consiglio comunale e leader di Fratelli d’Italia, ha ricordato i molti Comuni (tra cui alcuni veronesi) che già hanno preso questa decisione: "Giorgio Almirante è un esempio di coerenza, onestà e rispetto per gli avversari. E' stato un grande leader e una persona onesta. Intitolare strade alla sua figura è un atto doveroso e un atto di civiltà verso un politico che ha insegnato molto ai giovani e che ancora oggi, a distanza di tanti anni, ha ancora molto da insegnare" ha detto Maschio.

Critiche dall'opposizione: Michele Bertucco ha ricordato le leggi razziali e le parole dello stesso Almirante che quelle leggi aveva esaltato. Stefano Vallani (Pd) ha separato l’attività parlamentare di Almirante (definita «apprezzabile») dalla sua storia precedente che, ha detto Vallani, rende irricevibile questa proposta in una città medaglia d’oro della Resistenza.

Intanto il senatore del Partito Democratico, Vincenzo D'Arienzo, ha annunciato un'interrogazione al Ministro dell'Interno: "L'intitolazione di una strada ad un fascista, razzista ed antisemita rischia di divulgare un giudizio di valore nei confronti della pubblica opinione tale da creare equivoci sulla sua figura nonché apprezzamento ed emulazione del suo pensiero e della sua gesta".

Questa, infine, la posizione di Casapound: "Riteniamo che sia giusto intitolare una via ad un esponente politico che, comunque la si pensi, ha fatto la storia di un’area e riteniamo assurdo che i soliti censori della sinistra si permettano di opporsi quando negli anni hanno fatto dedicare vie al Maresciallo Tito, il boia infoibatore di italiani, oppure a varie brigate partigiane colpevoli di razzie ed esecuzioni sommarie".


 
Nessun commento per questo articolo.