Fuori mostra al museo di Castelvecchio

01/03/2019 16:01

I Musei Civici propongono due preziosi “fuori mostra”, al Museo di Castelvecchio, per scoprire una selezione di disegni di Accademia raramente esposti al pubblico.

Martedì 5 marzo e martedì 2 aprile, a partire dalle 16, infatti, si avrà l’opportunità di osservare alcune opere grafiche, che fanno parte delle collezioni dei Musei, accompagnati dalla “lettura” di Sara Rodella, responsabile del Gabinetto Disegni e Stampe dei Musei Civici di Verona.


Le collezioni grafiche del Gabinetto conservano circa 2800 disegni, databili tra il ‘500 e il ‘900, provenienti per la maggior parte dall’Accademia di Pittura e passati ai Musei all’inizio del secolo scorso. Obiettivo dei due incontri è quello di valorizzare e far conoscere questo straordinario patrimonio d’arte e alcuni tra i più importanti disegni, realizzati dai maestri veronesi durante il XIX secolo.


La partecipazione ai due incontri è gratuita, con prenotazione obbligatoria e previo pagamento del biglietto d’ingresso al museo.

Per le prenotazioni contattare la segreteria didattica dei Musei Civici allo 045.8036353 o inviare mail a [email protected]

Email inviata con successo

Biodiversità al museo e cambiamenti ambientali

01/03/2019 15:56

I cambiamenti ambientali del nostro territorio al centro dell’incontro “Piante aliene nel veronese: dalle collezioni alle prospettive future”. Un pomeriggio di confronto sulla biodiversità, con ingresso gratuito, in programma martedì 5 marzo, alle 17.30, al Museo Civico di Storia Naturale, accesso da via Museo 2.


Durante l’incontro, organizzato dall’associazione Naturalisti Veronesi ‘Francesco Zorzi’ in collaborazione con il Comune, sarà analizzato come questa tipologia di vegetazione ‘aliena’, colonizzando vasti territori, assuma spesso un carattere invasivo.


A livello mondiale, le specie ‘aliene’ sono infatti considerate una delle maggiori cause di riduzione della biodiversità e sono sempre di più incluse in strategie e in piani di gestione del territorio per la tutela della vegetazione locale e del suo paesaggio. I dati ottenuti dalle collezioni storiche e dai monitoraggi saranno presentati al pubblico per comprendere l'estensione del fenomeno, con l'obiettivo di limitare i danni causati da queste specie.


Relatore dell’evento Sebastiano Andreatta, responsabile della Sezione Botanica del Museo Civico di Storia Naturale di Verona.

Email inviata con successo

All'Arsenale weekend dedicato all'artigianato

01/03/2019 12:16

Abbigliamento, ceramiche, accessori di moda, sculture. Sono solo alcune delle creazioni, fatte rigorosamente a mano, che si potranno trovare negli stand allestiti all’ex Arsenale.


L’appuntamento è per sabato 2 e domenica 3 marzo, un weekend dedicato all’hand made con oltre 60 espositori provenienti da tutta Italia, che daranno vita ad una originale mostra mercato nel cuore della città.

L’iniziativa è promossa dall’associazione Storie Creative Hand Made, con l’obiettivo di valorizzare e diffondere l’originalità e la creatività dell’artigianato e dei prodotti ‘fatti a mano’, in tutti i suoi aspetti e forme.


La manifestazione, ad ingresso gratuito, è aperta dalle 10 alle 19. Informazioni al numero 392-1599112 o alla mail [email protected]

Email inviata con successo

Scuola come laboratorio di turismo lento

27/02/2019 15:46

Dieci anni fa l’intuizione del turismo lento come strumento educativo. Oggi, i risultati concreti, raccontati dai protagonisti, gli studenti dell’istituto alberghiero Angelo Berti, pioniere di un nuovo modo di fare scuola, portando alunni ed insegnanti sulla strada, alla scoperta del territorio.


Un progetto che, nel corso degli anni, è uscito dalla provincia coinvolgendo diversi istituti del Veneto, ma anche del Friuli e dell’Emilia. L’obiettivo è di creare una rete tra scuole e istituzioni, per promuovere, nella vita di tutti i giorni, il ‘lentamente’, l’unico ritmo che favorisce la riflessione e permette di assaporare il mondo.


Quasi 200 gli studenti che questa mattina, insieme agli insegnanti e ai rappresentanti delle istituzioni coinvolte, hanno partecipato iin Gran Guardia al primo workshop sul tema della scuola come laboratorio del turismo lento. Insieme ai ragazzi del Berti, anche gli studenti dell’istituto veronese Canossiano per tecnici e grafici e della scuola salesiana San Marco di Mestre.


Tra loro, anche l’assessore alle Politiche giovanili Francesca Briani, che ha sottolineato quanto “l’amministrazione sia impegnata per promuovere il turismo lento a Verona. Un modo diverso di approcciarsi a luoghi che si visitano e in cui si vive, per godere della città attraverso prospettive alternative ai classici percorsi turistici. Non è per forza necessario un grande evento o una mostra per apprezzare Verona – ha detto l’assessore -. La nostra città è così ricca di specificità e bellezze artistiche e culturali che non serve altro che visitarla, meglio se a ritmo lento”.


Quindi la parola alle scuole, con le esperienze di chi ha provato a fare la guida per un giorno, a navigare l’Adige in canoa o a creare nuovi percorsi turistici.


Nel pomeriggio invece, spazio ai workshop, con oltre venti delegazioni di scuole superiori del Triveneto e di Pistoia. Quattro gli argomenti chiave: l’alternanza scuola-lavoro e la professionalizzazione, le buone pratiche nelle scuole, il turismo lento e gli scambi con l’estero e le filosofie di viaggio.


La giornata è promossa dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune e organizzata dall'Istituto professionale per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “Angelo Berti” di Verona, in collaborazione con la Romea Strata dell'Ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza, il Vicariato alla Cultura della Diocesi di Verona, l’Istituto “Stringher” di Udine, con il patrocinio della Regione Veneto, della Provincia di Verona e del Dipartimento di Economia aziendale dell’Università scaligera.

Email inviata con successo

L'omaggio a Lucio Dalla e Mina alle Golosine

25/02/2019 16:37

“Piazza Grande”, “Amor mio” e “Grande, grande, grande” sono solo alcuni dei grandi successi musicali che verranno proposti venerdì 1 marzo nel concerto “Omaggio a Dalla e Mina”.


Durante la serata, in programma alle 20.45 nella sala Polifunzionale delle Golosine, in via Mincio 12, si esibiranno dal vivo i cantanti Roby De Luca e Maurizio Melotti, accompagnati dalla corista Elena Colombari. I due interpreti, noti per le loro doti imitative, daranno nuova vita al vasto repertorio discografico del cantante bolognese e della “Tigre” di Cremona. Presentatrice della serata Franca Cerveni.


Lo spettacolo, organizzato nell’ambito di “Quartieri … d’autore”, è promosso dal Comune in collaborazione con ASD Olympia. Evento ad ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili.


“Un altro appuntamento offerto a tutta la cittadinanza – sottolinea l’assessore Padovani –, che si inserisce nell’ampio calendario di iniziative in fase di realizzazione negli otto quartieri cittadini. Oltre al divertimento musicale, durante la serata sarà proposto anche un momento dedicato alla solidarietà, con l’associazione San Vincenzo, della parrocchia di San Giovanni Evangelista, che promuoverà le proprie attività nel sociale”.

Email inviata con successo

L'amore materno, visite guidate gratuite

25/02/2019 16:35

Due occasioni speciali per visitare la mostra “L’amore materno. Alle origini della pittura moderna, da Previati a Boccioni”, in corso alla Galleria d’Arte Moderna – Achille Forti.


La prima è in programma martedì prossimo, 26 febbraio. Alle 16.30, si potrà visitare l’esposizione accompagnati da due guide d’eccezione: Patrizia Nuzzo, curatrice responsabile della Collezione d’Arte Moderna e Contemporanea Achille Forti, e Sara Rodella, conservatrice del Gabinetto Disegni e Stampe del Museo di Castelvecchio. Il secondo appuntamento si terrà mercoledì 6 marzo, sempre alle 16.30. Anche in questa occasione, a condurre la visita saranno Patrizia Nuzzo e Sara Rodella. Le visite guidate sono gratuite, previo pagamento del biglietto d’ingresso alla GAM – Achille Forti.


Per ulteriori informazioni si può contattare il numero 045.8036353 o scrivere alla mail [email protected]

Email inviata con successo

Vacanze di Pasqua e turismo sociale

25/02/2019 16:32

Le famiglie veronesi potranno prenotare vacanze brevi, in campeggio e a prezzi contenuti, in vista del periodo pasquale, da lunedì 25 febbraio. L’iniziativa, realizzata dall’assessorato al Turismo Sociale, è rivolta a tutte le famiglie residenti nel Comune di Verona, con almeno un figlio minorenne al momento dell’iscrizione.


Le persone interessate possono scegliere tra brevi soggiorni, di tre o quattro notti, nella settimana che comprende le vacanze pasquali e il ponte del 25 aprile. Più precisamente, l’iniziativa propone tre notti, dal 20 al 23 aprile, con prezzi che variano tra i 99 e i 149 euro totali e 4 notti, dal 24 al 28 aprile, con prezzi compresi tra 119 e 169 euro totali.


Il soggiorno sarà in case mobili, all’interno di campeggi a 3, 4 o 5 stelle, situati in località di mare o in prossimità di luoghi di grande interesse culturale. Si potrà scegliere tra Jesolo, Lido di Pomposa in Romagna, Figline Valdarno, Marina di Bibbona e Orbetello in Toscana, Roma e le terme di Catez in Slovenia.


Le case mobili hanno un superficie di circa 25 metri quadri e sono composte da una cucina dotata di tutto l’occorrente per 6 persone (5 adulti e 1 bambino), una camera matrimoniale, una cameretta con 2/3 letti singoli e un bagno con doccia. La località di soggiorno sono da raggiungere con mezzi propri.

Email inviata con successo

I fossili del veronese nel XVII secolo

22/02/2019 16:29

Raccolte naturalistiche e rarità archeologiche al centro della conferenza “I fossili del veronese nel secolo XVII”. L’appuntamento, con ingresso gratuito, è per martedì 26 febbraio, alle 17.30 al Museo di Storia Naturale, in lungadige Porta Vittoria. L’iniziativa è promossa dall’associazione Naturalisti Veronesi “Francesco Zorzi” con il patrocinio del Comune di Verona. Il focus sarà sulle impronte ritrovate nel veronese, in particolare quelle provenienti dalla zona di Bolca, considerata la capitale mondiale dei fossili dell’Era Terziaria.

I resti, datati oltre 50 milioni di anni fa, sono ad oggi catalogati nelle opere di Ulisse Aldrovandi, Francesco Calzolari Jr, Ludovico Moscardo e Paolo Boccone, studiosi del XVII secolo che hanno rivolto particolare attenzione ai materiali paleontologici del veronese.

La conferenza sarà tenuta da Romano Guerra, esperto di storia naturale, di ricerca e di collezionismo di fossili. Durante i suoi studi ha compiuto viaggi in Africa, America ed Asia, e ha realizzato la mostra “Fossili, alle origini della vita”, la prima del suo genere, esposta con successo in numerose città d’Italia. Insieme a Roberto Zorzin, Conservatore del Museo di Storia Naturale di Verona, sta curando la prima bibliografia completa dei giacimenti di Bolca, che supererà probabilmente i 5000 titoli.

Email inviata con successo

Come riciclare gli oggetti usati

22/02/2019 16:11

Bambini, giovani e famiglie saranno i protagonisti delle nuove attività del Centro di Riuso Creativo, in programma da marzo a maggio 2019. Ampio il ventaglio di laboratori gratuiti proposti all’Arsenale, che consentiranno di scoprire come riutilizzare gli oggetti di scarto, valorizzandoli come risorse. Workshop che si divideranno in laboratori dedicati a giovani e adulti, conl’iniziativa “Mettiti in gioco”, e appuntamenti dedicati a genitori con bambini da 3 a 10 anni, con “I sabati delle famiglie”. Per partecipare è necessario prenotarsi all’Ecosportello del Comune, al numero 335 8242946, o via e-mail all’indirizzo [email protected]


Nei laboratori “Mettiti in gioco”, proposti il martedì dalle 17.30 alle 19.30 e il giovedì dalle 17 alle 19, sarà possibile acquisire tecniche utili per il riutilizzo di materiali. Negli incontri in programma: martedì 5 marzo “Piastrella con tecnica patchwork Boro Boro”, martedì 12 marzo “Primavera in bicicletta”, giovedì 21 marzo “Borsa bicicloidea”, martedì 26 marzo “Astuccio porta attrezzi bicicletta”, giovedì 28 marzo “Sottotazza atarashii”, martedì 2 aprile “Un cuore per un libro!”, giovedì 4 aprile “Legature d’oriente”, giovedì 11 aprile “Parati Pocket: portadocumenti”, martedì 16 aprile “Eco-scompiglio: da ombrello a borsa” e martedì 14 maggio “Zip! A tutto riciclo”. E’ possibile l’iscrizione solo ad un massimo di due laboratori.


“I sabati delle famiglie” coinvolgeranno invece i più piccoli che, con l’aiuto di mamma e papà, creeranno oggetti semplici e utili con materiale di riuso, e potranno giocare liberamente con legni ed elementi di scarto. In programma, sempre dalle 10 alle 12: sabato 2 marzo “A carnevale ogni riciclo vale!”, sabato 9 marzo “Cicloportachiavi”, sabato 16 marzo “Ciak si ghiaccia!”, sabato 30 marzo “L’orchestra della natura”, sabato 6 aprile “Per filo e per chiodo: String Art”, sabato 13 aprile “Creo e invento case e città”, sabato 4 maggio “Scatole e segreti” e sabato 11 maggio “Bambole di Chancay”.


Il calendario completo dei laboratori è consultabile sul sito dell’Ecosportello del Comune alla pagina ecosportello.comune.verona.it nella sezione dedicata al Centro di Riuso Creativo.

Email inviata con successo

I pass disabili mai restituiti

21/02/2019 22:59

Sono 1738 i pass disabili intestati a cittadini veronesi deceduti, mai restituiti. Permessi che sono quindi detenuti in modo illegittimo dai familiari o dai parenti e che spesso li usano illegalmente per parcheggiare gratuitamente e facilmente. Un numero davvero importante, tanto più se raffrontato al totale degli stalli riservati ai disabili presenti in città, che sono 1576.

Un fenomeno preoccupante, che denota mancanza di senso civico ma anche di rispetto per quelle persone che, per vari motivi, hanno realmente diritto al pass disabili e ai vantaggi ad esso legati in tema di circolazione stradale e sosta.

Per porre fine una volta per tutte a questo tipo di abuso, l’Amministrazione insieme al Comando della Polizia municipale, lancia la campagna di sensibilizzazione “Ritorna il pass”, un appello a restituire il pass disabile delle persone decedute all’ente che lo ha rilasciato. Tempo qualche settimana, e da marzo inizieranno i controlli e le verifiche sul posto, ovvero sotto casa di chi, il pass, lo utilizza senza averne diritto. Grazie al Centro elaborazione dati del Comune, infatti, la Polizia municipale è in possesso dell’elenco completo degli intestatari di pass disabili deceduti e non restituiti, elenco che verrà distribuito tra gli agenti che si recheranno sul tutto il territorio comunale per la restituzione del documento.

Si parte con l’informazione e l’appello ai cittadini. Dopodichè si passa alla fase repressiva. E’ questo il messaggio lanciato dall’assessore alla Sicurezza Daniele Polato che, insieme al Comandante Luigi Altamura, ha illustrato il bilancio 2018 contro l’abuso dei pass disabili.

L’uso del permesso intestato ad un defunto è, infatti, solo uno dei casi di utilizzo illecito, quotidianamente accertati dai controlli degli agenti.

Lo studente che parcheggia vicino all’Università con pass del padre; il professionista che usa quello della zia per parcheggiare in centro; la signora che entra in Ztl con pass della madre defunta, dichiarando invece che ha accompagnato la mamma ad un centro medico; l’immancabile ingresso in Ztl per gli acquisiti natalizi; l’auto straniera con il pass disabile rilasciato da un piccolo Comune della provincia.

I numeri parlano da soli. Nel 2018 sono stati controllati 6.016 pass disabili: 77 quelli ritirati, 32 usati indebitamente con il titolare non a bordo (31 nel 2013), 11 pass scaduti (22 nel 2013), 6 intestati a deceduti (42 nel 2013), 10 pass falsificati in modo grossolano (4 nel 2013), 1 sola persona denunciata per uso di pass falso (14 nel 2013).

Il raffronto con il passato dimostra l’attenuarsi del fenomeno, anche grazie all’incessante attività degli agenti della Polizia municipale, aiutati in questo anche da tecnologie all’avanguardia come il sistema Giano, e dalle sentenze di condanna emesse dal Tribunale in materia di uso improprio del pass disabili.

Il 2019 è iniziato con controlli a tappeto e ben 295 notifiche, con il record registrato durante la recente fiera di MotorBike Expo: ben 12 i permessi ritirati, di cui 10 per uso indebito e 2 perché in fotocopia.

E proseguiranno nei prossimi mesi, con l’ausilio anche dei 20 accertatori della sosta di Amt, che dovranno segnalare alla municipale la presenza di pass scaduti o intestati a persone defunte.

“E’ per noi inaccettabile che ad oggi ci siano quasi 2 mila persone che non hanno restituito i permessi non avendone più titolo – afferma Polato -, come è inaccettabile che ancora oggi ci siano persone, tra cui anche giovani, che usano i pass per comodità, per non fare strada a piedi o per non pagare la sosta. Su questo useremo il pugno di ferro. Il messaggio che vogliamo dare è che Verona cresce nel momento in cui cresce il suo senso civico, partiamo con la campagna di informazione e sensibilizzazione, dopodichè scatteranno i controlli a domicilio. Per l’Amministrazione è prioritario garantire i servizi a coloro che sono meno fortunati. Ma anche dotare la città di strutture adeguate alle esigenze, anche in termini di stalli e posti auto riservati”.

“Se da un lato c’è soddisfazione nel constatare che in città il numero di persone che usa pass disabili falsi è crollato – aggiunge Altamura -, dall’altro c’è però amarezza nel notare il numero di persone che ancora non ha restituito il pass disabili intestato a deceduti. Invitiamo a farlo nel più breve tempo possibile, contattando gli uffici dell’Anagrafe o il Comando, prima che gli agenti intervengano come richiesto dall’Amministrazione. Chi usa il pass per non pagare la sosta, oltre a danneggiare chi ne ha veramente diritto, crea un danno erariale al Comune. Ricordo inoltre che grazie al sistema tecnologico Giano, tutte le informazioni e i dati dell’auto arrivano subito alla Centrale operativa della Polizia, compresi quelli del pass disabili”.

In città sono 10.630 i pass invalidi registrati su Citypass per l’accesso alla Ztl e alle corsie preferenziali. Il dato si riferisce ai residenti nel Comune di Verona.

Email inviata con successo