Vacanze di Pasqua e turismo sociale

25/02/2019 16:32

Le famiglie veronesi potranno prenotare vacanze brevi, in campeggio e a prezzi contenuti, in vista del periodo pasquale, da lunedì 25 febbraio. L’iniziativa, realizzata dall’assessorato al Turismo Sociale, è rivolta a tutte le famiglie residenti nel Comune di Verona, con almeno un figlio minorenne al momento dell’iscrizione.


Le persone interessate possono scegliere tra brevi soggiorni, di tre o quattro notti, nella settimana che comprende le vacanze pasquali e il ponte del 25 aprile. Più precisamente, l’iniziativa propone tre notti, dal 20 al 23 aprile, con prezzi che variano tra i 99 e i 149 euro totali e 4 notti, dal 24 al 28 aprile, con prezzi compresi tra 119 e 169 euro totali.


Il soggiorno sarà in case mobili, all’interno di campeggi a 3, 4 o 5 stelle, situati in località di mare o in prossimità di luoghi di grande interesse culturale. Si potrà scegliere tra Jesolo, Lido di Pomposa in Romagna, Figline Valdarno, Marina di Bibbona e Orbetello in Toscana, Roma e le terme di Catez in Slovenia.


Le case mobili hanno un superficie di circa 25 metri quadri e sono composte da una cucina dotata di tutto l’occorrente per 6 persone (5 adulti e 1 bambino), una camera matrimoniale, una cameretta con 2/3 letti singoli e un bagno con doccia. La località di soggiorno sono da raggiungere con mezzi propri.

Email inviata con successo

I fossili del veronese nel XVII secolo

22/02/2019 16:29

Raccolte naturalistiche e rarità archeologiche al centro della conferenza “I fossili del veronese nel secolo XVII”. L’appuntamento, con ingresso gratuito, è per martedì 26 febbraio, alle 17.30 al Museo di Storia Naturale, in lungadige Porta Vittoria. L’iniziativa è promossa dall’associazione Naturalisti Veronesi “Francesco Zorzi” con il patrocinio del Comune di Verona. Il focus sarà sulle impronte ritrovate nel veronese, in particolare quelle provenienti dalla zona di Bolca, considerata la capitale mondiale dei fossili dell’Era Terziaria.

I resti, datati oltre 50 milioni di anni fa, sono ad oggi catalogati nelle opere di Ulisse Aldrovandi, Francesco Calzolari Jr, Ludovico Moscardo e Paolo Boccone, studiosi del XVII secolo che hanno rivolto particolare attenzione ai materiali paleontologici del veronese.

La conferenza sarà tenuta da Romano Guerra, esperto di storia naturale, di ricerca e di collezionismo di fossili. Durante i suoi studi ha compiuto viaggi in Africa, America ed Asia, e ha realizzato la mostra “Fossili, alle origini della vita”, la prima del suo genere, esposta con successo in numerose città d’Italia. Insieme a Roberto Zorzin, Conservatore del Museo di Storia Naturale di Verona, sta curando la prima bibliografia completa dei giacimenti di Bolca, che supererà probabilmente i 5000 titoli.

Email inviata con successo

Come riciclare gli oggetti usati

22/02/2019 16:11

Bambini, giovani e famiglie saranno i protagonisti delle nuove attività del Centro di Riuso Creativo, in programma da marzo a maggio 2019. Ampio il ventaglio di laboratori gratuiti proposti all’Arsenale, che consentiranno di scoprire come riutilizzare gli oggetti di scarto, valorizzandoli come risorse. Workshop che si divideranno in laboratori dedicati a giovani e adulti, conl’iniziativa “Mettiti in gioco”, e appuntamenti dedicati a genitori con bambini da 3 a 10 anni, con “I sabati delle famiglie”. Per partecipare è necessario prenotarsi all’Ecosportello del Comune, al numero 335 8242946, o via e-mail all’indirizzo [email protected]


Nei laboratori “Mettiti in gioco”, proposti il martedì dalle 17.30 alle 19.30 e il giovedì dalle 17 alle 19, sarà possibile acquisire tecniche utili per il riutilizzo di materiali. Negli incontri in programma: martedì 5 marzo “Piastrella con tecnica patchwork Boro Boro”, martedì 12 marzo “Primavera in bicicletta”, giovedì 21 marzo “Borsa bicicloidea”, martedì 26 marzo “Astuccio porta attrezzi bicicletta”, giovedì 28 marzo “Sottotazza atarashii”, martedì 2 aprile “Un cuore per un libro!”, giovedì 4 aprile “Legature d’oriente”, giovedì 11 aprile “Parati Pocket: portadocumenti”, martedì 16 aprile “Eco-scompiglio: da ombrello a borsa” e martedì 14 maggio “Zip! A tutto riciclo”. E’ possibile l’iscrizione solo ad un massimo di due laboratori.


“I sabati delle famiglie” coinvolgeranno invece i più piccoli che, con l’aiuto di mamma e papà, creeranno oggetti semplici e utili con materiale di riuso, e potranno giocare liberamente con legni ed elementi di scarto. In programma, sempre dalle 10 alle 12: sabato 2 marzo “A carnevale ogni riciclo vale!”, sabato 9 marzo “Cicloportachiavi”, sabato 16 marzo “Ciak si ghiaccia!”, sabato 30 marzo “L’orchestra della natura”, sabato 6 aprile “Per filo e per chiodo: String Art”, sabato 13 aprile “Creo e invento case e città”, sabato 4 maggio “Scatole e segreti” e sabato 11 maggio “Bambole di Chancay”.


Il calendario completo dei laboratori è consultabile sul sito dell’Ecosportello del Comune alla pagina ecosportello.comune.verona.it nella sezione dedicata al Centro di Riuso Creativo.

Email inviata con successo

I pass disabili mai restituiti

21/02/2019 22:59

Sono 1738 i pass disabili intestati a cittadini veronesi deceduti, mai restituiti. Permessi che sono quindi detenuti in modo illegittimo dai familiari o dai parenti e che spesso li usano illegalmente per parcheggiare gratuitamente e facilmente. Un numero davvero importante, tanto più se raffrontato al totale degli stalli riservati ai disabili presenti in città, che sono 1576.

Un fenomeno preoccupante, che denota mancanza di senso civico ma anche di rispetto per quelle persone che, per vari motivi, hanno realmente diritto al pass disabili e ai vantaggi ad esso legati in tema di circolazione stradale e sosta.

Per porre fine una volta per tutte a questo tipo di abuso, l’Amministrazione insieme al Comando della Polizia municipale, lancia la campagna di sensibilizzazione “Ritorna il pass”, un appello a restituire il pass disabile delle persone decedute all’ente che lo ha rilasciato. Tempo qualche settimana, e da marzo inizieranno i controlli e le verifiche sul posto, ovvero sotto casa di chi, il pass, lo utilizza senza averne diritto. Grazie al Centro elaborazione dati del Comune, infatti, la Polizia municipale è in possesso dell’elenco completo degli intestatari di pass disabili deceduti e non restituiti, elenco che verrà distribuito tra gli agenti che si recheranno sul tutto il territorio comunale per la restituzione del documento.

Si parte con l’informazione e l’appello ai cittadini. Dopodichè si passa alla fase repressiva. E’ questo il messaggio lanciato dall’assessore alla Sicurezza Daniele Polato che, insieme al Comandante Luigi Altamura, ha illustrato il bilancio 2018 contro l’abuso dei pass disabili.

L’uso del permesso intestato ad un defunto è, infatti, solo uno dei casi di utilizzo illecito, quotidianamente accertati dai controlli degli agenti.

Lo studente che parcheggia vicino all’Università con pass del padre; il professionista che usa quello della zia per parcheggiare in centro; la signora che entra in Ztl con pass della madre defunta, dichiarando invece che ha accompagnato la mamma ad un centro medico; l’immancabile ingresso in Ztl per gli acquisiti natalizi; l’auto straniera con il pass disabile rilasciato da un piccolo Comune della provincia.

I numeri parlano da soli. Nel 2018 sono stati controllati 6.016 pass disabili: 77 quelli ritirati, 32 usati indebitamente con il titolare non a bordo (31 nel 2013), 11 pass scaduti (22 nel 2013), 6 intestati a deceduti (42 nel 2013), 10 pass falsificati in modo grossolano (4 nel 2013), 1 sola persona denunciata per uso di pass falso (14 nel 2013).

Il raffronto con il passato dimostra l’attenuarsi del fenomeno, anche grazie all’incessante attività degli agenti della Polizia municipale, aiutati in questo anche da tecnologie all’avanguardia come il sistema Giano, e dalle sentenze di condanna emesse dal Tribunale in materia di uso improprio del pass disabili.

Il 2019 è iniziato con controlli a tappeto e ben 295 notifiche, con il record registrato durante la recente fiera di MotorBike Expo: ben 12 i permessi ritirati, di cui 10 per uso indebito e 2 perché in fotocopia.

E proseguiranno nei prossimi mesi, con l’ausilio anche dei 20 accertatori della sosta di Amt, che dovranno segnalare alla municipale la presenza di pass scaduti o intestati a persone defunte.

“E’ per noi inaccettabile che ad oggi ci siano quasi 2 mila persone che non hanno restituito i permessi non avendone più titolo – afferma Polato -, come è inaccettabile che ancora oggi ci siano persone, tra cui anche giovani, che usano i pass per comodità, per non fare strada a piedi o per non pagare la sosta. Su questo useremo il pugno di ferro. Il messaggio che vogliamo dare è che Verona cresce nel momento in cui cresce il suo senso civico, partiamo con la campagna di informazione e sensibilizzazione, dopodichè scatteranno i controlli a domicilio. Per l’Amministrazione è prioritario garantire i servizi a coloro che sono meno fortunati. Ma anche dotare la città di strutture adeguate alle esigenze, anche in termini di stalli e posti auto riservati”.

“Se da un lato c’è soddisfazione nel constatare che in città il numero di persone che usa pass disabili falsi è crollato – aggiunge Altamura -, dall’altro c’è però amarezza nel notare il numero di persone che ancora non ha restituito il pass disabili intestato a deceduti. Invitiamo a farlo nel più breve tempo possibile, contattando gli uffici dell’Anagrafe o il Comando, prima che gli agenti intervengano come richiesto dall’Amministrazione. Chi usa il pass per non pagare la sosta, oltre a danneggiare chi ne ha veramente diritto, crea un danno erariale al Comune. Ricordo inoltre che grazie al sistema tecnologico Giano, tutte le informazioni e i dati dell’auto arrivano subito alla Centrale operativa della Polizia, compresi quelli del pass disabili”.

In città sono 10.630 i pass invalidi registrati su Citypass per l’accesso alla Ztl e alle corsie preferenziali. Il dato si riferisce ai residenti nel Comune di Verona.

Email inviata con successo

I giovani e l'animazione turistica

19/02/2019 10:25

L’animazione turistica come trampolino di lancio per una crescita personale e professionale. Questo è il tema dell’incontro che si terrà venerdì 22 febbraio, dalle 14 alle 17, all’ufficio Selezione Promozione Lavoro del Comune, in via Macello 5.


Organizzata in collaborazione con Jolly Animation Group, l’iniziativa si rivolge ai giovani di età compresa tra i 16 e i 35 anni. Requisiti fondamentali sono la conoscenza della lingua inglese, tedesca e/o russa, la predisposizione al contatto con il pubblico e un atteggiamento aperto e positivo.


L’incontro tratterà la genesi e l’evoluzione del mestiere di animatore turistico, la psicologia del turista, la classificazione delle strutture turistiche, i diritti e i doveri dell’animatore turistico, le figure dell’animazione turistica, il programma di animazione, la formazione e i possibili sbocchi lavorativi successivi.


I partecipanti, durante l’incontro, avranno modo di farsi conoscere dall’azienda e di proporre la propria candidatura.


La partecipazione all’appuntamento è gratuita, con iscrizione obbligatoria entro e non oltre martedì 20 febbraio alle ore 13.


All’incontro saranno accolti fino ad un massimo di 40 partecipanti, selezionati in base alla data di iscrizione.


Il modulo d’iscrizione può essere scaricato dal portale del Comune di Verona – Servizio Promozione del Lavoro e inviato via mail all’indirizzo [email protected] In alternativa, il modulo può essere ritirato all’ufficio Selezione Promozione Lavoro allo sportello di via Macello 5 nei giorni di apertura al pubblico: lunedì, martedì e venerdì dalle 9 alle 13.


Per i minori, l’autorizzazione prevista sulla scheda di iscrizione deve essere firmata da uno dei genitori.


Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il Servizio Promozione Lavoro al numero 045 8078782 e all’indirizzo mail [email protected]

Email inviata con successo

Vacanze estive per gli over 60

18/02/2019 16:32

Dall’effervescenza di Riccione ai panorami da cartolina di Cefalù, passando per le più belle spiagge di Romagna, Marche, Abruzzo e Sardegna. Anche quest’anno numerose sono le mete scelte dal Comune di Verona per i soggiorni estivi dedicati ai cittadini over 60. E da mercoledì 20 febbraio sarà possibile iscriversi, direttamente online sul sito www.comune.verona.it, evitando così attese, oppure telefonando ai numeri 0458077056 -8635.


Le mete dei soggiorni, di una o due settimane, da giugno a settembre, saranno Riccione, Cattolica, Rimini e Milano Marittima in Romagna; San Benedetto del Tronto nelle Marche; Tortoreto Lido in Abruzzo; Cefalù in Sicilia; Posada in Sardegna. La quota di partecipazione comprende il trasporto in pullman, o in aereo se previsto, il bus navetta fino all’hotel, la sistemazione in alberghi 3 o 4 stelle con trattamento di pensione completa, il servizio spiaggia e l’assicurazione, con il rimborso della quota versata in caso di rinuncia per motivi di salute.


Potranno iscriversi ai soggiorni estivi tutti gli over 60, residenti nel comune di Verona e autosufficienti. Nel caso di coppie è necessario che almeno uno dei due abbia compiuto i 60 anni. L’offerta 2019 è stata presentata questa mattina dall’assessore al Turismo sociale Stefano Bertacco.


“Di anno in anno questa iniziativa di straordinario successo si contraddistingue per la qualità delle proposte e delle strutture selezionate – ha detto Bertacco –. Tutte le soluzioni sono state infatti scelte per la vicinanza alle spiagge e i servizi offerti, in modo da garantire a tutti i partecipanti di trascorrere delle belle vacanze. Consiglio a chi ne ha la possibilità di sfruttare l’iscrizione online per evitare inutili attese e per velocizzare le pratiche”.

Email inviata con successo

Le borse di studio della Regione Veneto

18/02/2019 09:56

C’è tempo fino al 12 marzo per presentare le richieste per la borsa di studio della Regione Veneto dell’anno scolastico 2018/2019.

Le domande, compilate esclusivamente online dai richiedenti, dovranno pervenire all’Istituto scolastico di frequenza. Una volta riconosciute, le borse di studio potranno essere utilizzate per l’acquisto di testi scolastici, per le spese relative ai trasporti e per l’accesso a musei, biblioteche o servizi di natura culturale.

Possono farne richiesta le famiglie con ISEE 2019 minore o uguale a 15.748,78 euro e con figli residenti nella Regione Veneto frequentanti scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie.

Informazioni e modulo per la richiesta della borsa di studio sul sito http://www.regione.veneto.it/istruzione/borsedistudioweb

Email inviata con successo

Valorizzare il turismo, incontro a Bardolino

15/02/2019 11:25

Primo appuntamento di “In Tour - Innovative Tourism” nella giornata di mercoledì 20 febbraio 2019 all’Hotel Caesius Terme & SPA Resort a Bardolino. L’evento organizzato da Valpolicella Benaco Banca in collaborazione con Confcommercio Verona e Confidi Veneto, è pensato come una giornata di alta formazione in cui si parlerà di strategia, di visione, di sinergie tra le strutture ricettive e le attività commerciali attive sul territorio al fine di offrire al turista un'esperienza completa fatta di eccellenze culinarie, agroalimentari, culturali ed artigianali.


Si parlerà anche di contributi a fondo perduto specifici sia per le strutture ricettive, sia per le attività commerciali legati al POR FESR 2014-2020, opportunità da cogliere per rendere le attività ancor più competitive.

Email inviata con successo

In bici da Verona fino alla Macedonia

13/02/2019 17:29

Prosegue la consueta rassegna “Viaggiando in bicicletta nel mondo. L’esperienza cicloturistica diventa racconto”, organizzata da FIAB Verona Amici della bicicletta, con la proiezione di “In bici da Verona alla Macedonia attraverso i Balcani”. Cinque amici si ritrovano ancora una volta a sognare un nuovo viaggio in sella all’amata bicicletta e, come hanno già fatto, decidono che il modo migliore di vivere intensamente questa esperienza sia quello di partire dal garage di casa. E così il 3 di aprile, sotto un cielo bigio, ma con il morale alle stelle, sono già in sella a percorrere la ciclabile dell’Adige e poi quella della laguna di Venezia. Cosa li aspetta? A fine marzo a Sarajevo nevicava...


Non perdetevi il loro racconto, venerdì 15 febbraio alle ore 21, in sala Lucchi, Piazzale Olimpia 3, quartiere Stadio, Verona. L’ingresso è libero.

Email inviata con successo

ADO, affrontare insieme il lutto

11/02/2019 15:31

L’Associazione per l’Assistenza Domiciliare Oncologica organizza gruppi si sostegno per tutte le persone che si trovano ad affrontare la dolorosa esperienza della perdita di una persona cara al termine della malattia. Alla base della proposta la convinzione che il lutto non è una malattia, ma un percorso da intraprendere e la condivisione in gruppo dell’ esperienza di dolore consente di superare il senso di solitudine.

Gli incontri si svolgeranno con cadenza settimanale dalle 18.30 alle 20.00 a partire dal 14 febbraio fino al 4 aprile presso la sede dell’ADO in via San Cristoforo 2 a Verona.

Questo il calendario completo: 14, 21, 28 febbraio, 07, 14, 21, 28 marzo e 4 aprile 2019.

Informazioni e iscrizioni allo 045 8350910, 349 6941257 (Luisa) oppure alla mail [email protected]


Email inviata con successo