BILANCIO 2018

Banco BPM torna in rosso
L'ad: pronti alla ripresa

06/02/2019 19:32

Banco Bpm torna in rosso nel 2018. L'esercizio si è chiuso con 59,5 milioni di euro di perdite, a fronte dei 558 milioni di utili realizzati nel 2017. Sul risultato hanno pesato 1,94 miliardi di euro di rettifiche su crediti, lievitate a causa dell'accelerazione del processo di derisking legato alla cessione dei pacchetti di npl dei progetti Exodus e Ace, costati complessivamente 713,9 milioni di perdite su crediti. Il rosso del quarto trimestre è stato di 584 milioni di euro. Il cda non ha proposto alcun dividendo.

“Dopo la massiccia attività di derisking realizzata nel 2018, che ha portato in rosso il risultato dell'esercizio, il Banco Bpm "è pronto a ritornare sulla strada di una redditività sostenibile". Lo ha detto il ceo, Giuseppe Castagna, in avvio della conference call con gli analisti.

Banco Bpm ha ridotto nel corso del 2018 lo stock complessivo di crediti deteriorati di 13,6 miliardi di euro, con un decremento complessivo dalla data della fusione tra Banco Popolare e Bpm di 18,2 miliardi, pari al doppio di quanto previsto dal piano strategico. Lo sottolinea la banca nella nota sui risultati 2018. A fine 2018 lo stock dei crediti deteriorati netti si è attestato a 6,7 miliardi, al netto dei finanziamenti in via di dismissione, con una contrazione di 6,3 miliardi rispetto a fine 2017 (-48,4%).


 
Nessun commento per questo articolo.