DIVIETO D'AVVICINAMENTO PER UN RUMENO 38ENNE

Botte e minacce di
morte alla fidanzata

30/12/2018 10:31

Botte e minacce di morte alla fidanzata. Così un rumeno di 38 anni, residente a Verona, è finito a processo ma davanti al giudice è rimasto in silenzio, avvalendosi della facoltà di non rispondere. L'uomo è accusato di maltrattamenti nei confronti della compagna, ma anche dei figli minori della donna.

L'ultimo episodio il 16 dicembre: il 38enne avrebbe messo le mani al collo alla fidanzata, colpita anche con dei violenti schiaffi. Il Gip ha imposto il divieto d'avvicinamento: in passato, l'uomo aveva aggredito anche un'altra donna, all'epoca sua compagna.


 
Nessun commento per questo articolo.