DITTA DI LEGNAGO SOTTO CONTROLLO

Mafia a Verona, nuova
interdittiva del prefetto

07/12/2018 11:52
Nuova interdittiva antimafia (la diciassettesima) del prefetto di Verona. Salvatore Mulas ha emesso nei giorni scorsi il provvedimento restrittivo nei confronti della ditta "Bar Portico SRL" che ha sede a Legnago, in piazzetta Giovanni Cotta 5/A.

I collegamenti dell’assetto societario con quello di altre aziende, colpite nei mesi scorsi da altri analoghi provvedimenti, hanno consentito di ritenere la società interessata esposta a rischi di condizionamento da parte della criminalità organizzata.

"I collegamenti, che hanno anche di recente trovato conferma nelle decisioni del giudice amministrativo, rivelano una rete di interessenze (partecipazione agli utili di un'impresa, ndr) evidenzianti un disegno finalizzato ad agire sul mercato in maniera coordinata e facente capo alle medesime persone ed interessi" aggiunge in una nota la prefettura.

La società colpita dal provvedimento di interdittiva, si occupava della costruzione, vendita, affitto e gestione di locali pubblici: bar e ristoranti, ma anche del commercio all’ingrosso di generi alimentari.

Dagli accertamenti della Prefettura è risultata infatti collegata a tre società (Veneta Autotrasporti, SG Petroli e Ecotech) già colpite da interdittive antimafia, controllate da Giuseppe Diesi, che nella Bar Portico ha assunto un ruolo formale, mentre nelle altre tre società è stato dimostrato avere un ruolo solo sostanziale.

Giuseppe Diesi secondo gli inquirenti sarebbe legato alla criminalità organizzata. Dagli accertanti sono emersi collegamenti tra la famiglia Diesi con altri malavitosi della ‘ndrina Grande Aracri coinvolta nell’operazione “Aemilia”, ma anche con Cosa Nostra, addirittura il boss dei boss Bernardo Provenzano, scomparso nel 2016.

La posizione di Giuseppe Diesi e dei suoi familiari è stata pertanto approfondita ed ha condotto a concludere, attraverso gli indici illustrati, per un giudizio di seria criticità in quanto possibile veicolo di interessi legati alla criminalità organizzata.

 
Nessun commento per questo articolo.