PREVISIONI METEO

Arriva la prima, vera
pertubazione autunnale

25/10/2018 13:22

Ecco ci qua a parlare, o meglio a tornare a parlare visto che alcune anticipazioni le avevamo già date nei giorni scorsi, di quello che potrebbe essere il primo week end di stampo autunnale per la nostra Provincia. Fino a questo momento, la penisola Italiana è stata "preda" di fortissime fasi di maltempo in alcune zone, mentre in altre zone, come la nostra, siamo stati preda, prima di potenti alte pressioni e poi di momenti in cui il maltempo ci ha solo sfiorato e siamo rimasti in un limbo. Il maltempo appena descritto era però dovuto a peggioramenti molto più simili a quelli "estivi" in cui erano i "moti convettivi" (i temporali i pratica) a farla da padrone e, come si sa, in questi casi, le zone interessante sono localizzate e non estese a tutta la penisola.

Quello che si profila ora a partire probabilmente da domani sera/notte successiva è un peggioramento di stampo prettamente autunnale. Visto che localmente questo peggioramente potrebbe dar luogo a dei problemi, ho preferito evitare di raccontarvelo tramite lo ZOO per non banalizzare la cosa, non sarò nemmeno rigoroso (anca perchè le me capacità en merito iè limitate...), ma ve lo spiego alla me maniera ponendo attenzione su alcuni punti che ritengo importanti. Quello che si profila, e che vediamo ben rappresentato dalla prima immagine allegata, è l'approfondirsi di una saccatura che dal Nord Europa scenderà fino alla Penisola Iberica e da li si sposterà verso Est, approfondendosi e strutturandosi fino a formare (probabilmente nella giornata di domenica) una bassa pressione sul mar Ligure.

Bassa pressione sul mar Ligure, cosa vuol dire? Ma in generale, cosa significa che una profonda e ben strutturata saccatura si avvicina a noi da ovest? Significa che essa avvicinandosi, richiamerà aria calda (mite dai...) e soprattutto umida dal Nord Africa (sono trottole che girano in senso antiorario) come vi ho mostrato nella prima immagine. Correnti disposte in questo modo, sulla nostra provincia arriverano sotto forma di Scirocco e, anche se pare strano, lo scirocco è il modo per cui sulla nostra provincia possa piovere "parecchio".

Perchè con lo scirocco sulla nostra provincia piove parecchio? Semplicemente perchè queste correnti arrivando da sud "andranno a sbattere" contro le montagne veronesi (Baldo, Lessinia, Carega) e per effetto STAU (el contrario del foehn) daranno luogo a nuvolosità via via sempre più organizzata e "carica" di pioggia. Questo accadrà in generale (a momenti alterni) su tutto l'arco alpino e le zone tirreniche a ridosso degli Appennini.

Ecco perchè nella seconda immagine le zone più "colorate" di rosso sono quelle che vi ho appena descritto. Perchè nella seconda immagine, che mostra la possibile distribuzione degli accumuli, ho cancellato l'indicazione dei millimetri che potrebbero cadere entro lunedì sera? Semplicemente perchè dare oggi un' indicazione dei possibili accumuli è una presa in giro perchè siamo ancora distanti temporalmente. Quello che posso dire è che sono le zone pedemontane veronesi quelle potrebbero essere maggiormente interessate dai fenomeni e quelle in cui, in linea teorica, gli accumuli saranno maggiori. Ad oggi è impossibile per chiunque dire che a Verona cadranno X mm di pioggia. Ovviamente a quote alte oltre i 2300/2500 metri arriverà anche la neve...molta neve probabilmente.

C'è da preoccuparsi? diciamo che nei prossimi giorni sicuramente la Protezione Civile diramerà dei bollettini di allerta meteo sui quali vi aggiornerò e ai quali vi chiedo di prestare la massima attenzione.

Visto che alcuni di voi me l'hanno chiesto riporto l'immagine della configurazione barica del 31 Ottobre 2010 (molti la ricorderanno...) quando il nostro Est Veronese fu particolarmente martoriato dal maltempo. La situazione che si prospetta è SIMILE, ma non identica perchè in quell'occasione ci fu un "blocco" ad est che impedì alla bassa pressione di avanzare velocemente verso est...per ora quel blocco non si vede, ma come detto poche righe fa, vi terrò costantemente aggiornati sulla situazione.

Nicola Bortoletto


 
Nessun commento per questo articolo.