Festa mediorizzonti al Kroen

19/10/2018 17:09

Continua la quarta edizione della rassegna di cinema mediorientale domenica 21 ottobre dalle 19 al Colorificio Kroen con la festa di Mediorizzonti e lunedì 22 ottobre alle 20.30 al Cinema Nuovo San Michele, che è sostenitore dell’iniziativa, realizzata grazie all’associazione culturale veronetta129, il gruppo informale Net Generation e La Sobilla.

La Festa di Mediorizzonti si tiene al Colorificio Kroen domenica 21 ottobre alle 19.00 con Dj Babari & Domestic Dome, un djset mediorientale (World Groove), con proiezioni e aperitivo libanese a cura di Tabulè, in via Antonio Pacinotti 19 (ZAI). Stefania Berlasso intervista i musicisti prima del djset. Ingresso con pretesseramento AICS obbligatorio a www.colorificiokroen.it/tesseramento. MediOrizzonti, la rassegna di cinema mediorientale a Verona, è realizzata grazie all’associazione culturale veronetta129, il gruppo informale Net Generation e La Sobilla, con il supporto del Cinema Nuovo San Michele.

Il documentario Mr Gay Syria della regista Ayse Toprak (Germania | Malta | Turchia, 2017, 85’) sarà presentato lunedì 22 ottobre alle 20.30 al Cinema Nuovo San Michele via V. Monti 7c. Il dibattito dopo il documentario sarà condotto dalla giornalista Elena Guerra che intervisterà la regista turca in collegamento skype, dialogando con Lorenzo Bernini dell’Università degli Studi di Verona insieme ai rappresentanti delle associazione Pink Refugees del Circolo Pink e ARCI/Arcigay Pianeta Milk Verona.

Mr Gay Syria racconta le peripezie di alcuni rifugiati che cercano d’inviare un rappresentante siriano alla competizione Mr Gay World. Mahmoud Hassino, il primo LGBT blogger in Siria, ha organizzato un concorso segreto per eleggere, tra i profughi in Turchia, il Mr Gay Syria, per fargli acquisire il diritto di partecipare alla competizione mondiale, andando contro l’omofobia dei terroristi.

La regista Ayse Toprak, giornalista e regista turca che vive a Istanbul, ha incontrato Mahmoud nel 2011, mentre lavorava come reporter per Al Jazeera e stava raccogliendo informazioni sulla crisi dei profughi siriani al confine turco. I concorrenti sono stati solo cinque e i loro volti sono coperti, per non metterli ulteriormente in pericolo. Il vincitore è stato Husein, un profugo siriano di 23 anni, gay, originario di Aleppo, che ora vive a Istanbul. Il suo sogno era quello di mostrare finalmente il suo vero volto al mondo, togliersi la maschera. Al Daily Mail, subito dopo avere vinto il contest, ha spiegato: «Voglio dimostrare che i gay siriani non sono solo corpi gettati dai palazzi a causa dell’ISIS. Abbiamo sogni, idee e vogliamo vivere la nostra vita. Certo, eravamo nervosi a competere per il concorso ma anche entusiasti. Tutti noi volevamo essere eletti per far qualcosa di utile». Negli ultimi tre anni, Mahmoud e Ayse hanno seguito i loro personaggi in Turchia, Malta, Germania e Norvegia. Uno spaccato intimo e inedito dell’identità omosessuale siriana “in esilio”. Ingresso con biglietto unico 5€. La proiezione è in lingua originale con sottotitoli in italiano. Per informazioni scrivere a [email protected] o consultare la pagina FB di Mediorizzonti.

La regista. Ha conseguito un BFA in film e TV alla “Tisch School of the Arts” ( NY University) e un master la New School University. Dopo quasi 15 anni di vita, studio e lavoro a New York, Londra e Doha (Qatar), nel 2011 è tornata in Turchia dove lavora con Al Jazeera a documentari sociali e politici.

Email inviata con successo

Biblioteca capitolare e i codici di astronomia

19/10/2018 16:56

Dopo il grande successo ottenuto durante la notte di San Lorenzo lo scorso 10 agosto, la Biblioteca Capitolare, in collaborazione con Fondazione Discanto e con il patrocinio del Comune di Verona, ripropone l'esposizione temporanea dedicata ad alcuni dei rari e preziosi testi di astronomia e astrologia conservati nella biblioteca più antica al mondo.

Sebbene oggi l’astronomia sia riconosciuta come una vera e propria scienza che si occupa dell’osservazione e della spiegazione dei fenomeni celesti, mentre l’astrologia è considerata una pseudoscienza che basa le proprie teorie su un sistema di credenze non comprovato, fino al Seicento la situazione era nettamente diversa. Prima della rivoluzione copernicana astronomia e astrologia erano un’unica disciplina che aveva lo scopo di scoprire i segreti del cielo e la loro influenza sulla vita di tutti i giorni.

I testi esposti, che abbracciano un arco di tempo che va dal Medioevo fino al XVII secolo, sono testimoni del fascino che da sempre le stelle esercitano sull’uomo e dei vari e continui tentativi di interpretarne il movimento tra precisi calcoli matematici, risvolti filosofici, ricerca di corrispondenze astrali nella vita quotidiana. Dai trattati sullo zodiaco a quelli sulle fasi lunari, dagli antichi planetari ricchi di simboli misteriosi alle dissertazioni scientifiche che seguirono gli studi rivoluzionari di Copernico e Galileo, il patrimonio della Biblioteca Capitolare offre al visitatore una panoramica del percorso affascinante e travagliato di questa scienza e dei suoi esponenti, alla ricerca del proprio posto nell’universo con lo sguardo rivolto al cielo.

Le visite guidate, della durata di circa un'ora, sono previste alle ore 17.00 e alle ore 18.00 al costo di 10€ a persona. Visto il grande interesse da parte del pubblico è consigliata la prenotazione mandando una mail all'indirizzo [email protected] o chiamando il numero 045 8538071.

Anche questo evento sarà dedicato a tutta la famiglia perché, contemporaneamente alle visite guidate, i più piccoli potranno partecipare ad un laboratorio ludico-didattico appositamente organizzato sulla tematica del cielo stellato alle ore 17.00 e alle ore 18.00. Nel cielo gli uomini fin dall’antichità identificavano dei gruppi di stelle con figure di animali, persone e oggetti e ad esse legavano fantasiosi racconti di cui ancora oggi troviamo delle tracce nei nomi delle costellazioni. Nel corso dell’attività ludico-didattica intitolata “Capsula del tempo” i bambini di età compresa fra i 5 e i 12 anni avranno modo di scoprire i segreti delle stelle fra mitologia e teorie scientifiche decifrando un messaggio arrivato dal passato. Il prezzo del biglietto è di 10€ a bambino, ma sono attive numerose promozioni per fratelli e genitori. Anche in questo caso è consigliata la prenotazione.

Email inviata con successo

L'alternanza scuola lavoro nell'artigianato

19/10/2018 15:37

La Camera di Commercio in collaborazione con Confartigianato Verona, Casartigiani Verona e Clai, Confederazione delle libere associazioni artigiane italiane, invita gli imprenditori a partecipare al convegno “Grandi Insieme: l’Alternanza Scuola-Lavoro nell’Artigianato funziona”, in programma lunedì 22 ottobre, con inizio alle ore 16.00, nella sala Industria dell’ente, in Corso Porta Nuova, 96.


Aprirà i lavori Andrea Bissoli: “Sono trascorsi quindici anni dalla prima sperimentazione regionale dell’alternanza scuola-lavoro – afferma Andrea Bissoli, Presidente di Confartigianato Verona e membro della Giunta camerale – e ne sono passati tre dalla sua introduzione obbligatoria nei percorsi scolastici di tutte le scuole superiori di ogni ordine e grado. Il bilancio, per quanto riguarda l’artigianato e il mondo della piccola e media impresa è senz’altro positivo”.


Al Registro imprese per l’Alternanza lavoro tenuto da Unioncamere sono iscritte 1010 imprese, enti e associazioni che offrono percorsi di alternanza scuola lavoro, ma la richiesta delle scuole è molto superiore, di qui la promozione dell’alternanza tra le imprese artigiane che possono rappresentare una vera opportunità per gli studenti, soprattutto quelli degli istituti tecnici tenuti a fare maggiori ore, rispetto ai colleghi dei licei. L’Ente Bilaterale per l’Artigianato eroga contributi alle aziende artigiane per garantire percorsi di alternanza in sicurezza.


Luca Luppi, Presidente di CasaArtigiani Verona spiega “L’Alternanza scuola-lavoro è una modalità didattica innovativa che, attraverso l’esperienza in azienda, aiuta a consolidare le conoscenze acquisite a scuola ed a testare sul campo le attitudini di studentesse e studenti, arricchendone ed orientandone il percorso di studio verso un futuro lavorativo. Un vero e proprio cambiamento culturale finalizzato a tracciare un modello italiano al sistema duale, coniugando le migliori prassi europee alle specificità del nostro tessuto produttivo”.

Email inviata con successo

Torna s-cianco in cortile mercato vecchio

19/10/2018 15:29

Sono 14 le squadre cittadine pronte a sfidarsi nella 17ª edizione del Torneo di S-cianco Città di Verona.

L’appuntamento è per sabato 20 e domenica 21 ottobre, in Cortile Mercato Vecchio, con l’iniziativa organizzata da AGA-Associazione Giochi Antichi in collaborazione con il Comune.

Le partite si terranno sabato, ininterrottamente, dalle 9 alle 18, e domenica dalle 9 alle 13; seguiranno le semifinali e la finale alle ore 15.30.

Al primo classificato andrà il tradizionale palio “Mare della città”, grosso ciottolo di fiume che serve da base di partenza per il gioco e che la squadra vincitrice terrà per un anno, rimettendolo in gioco nell’edizione successiva.

Partecipano al torneo le squadre: Arbizzano di Negrar, Caselle di Sommacampagna, Cerro Veronese, Giarina, La Pigna, Montorio, Parona, Pescantina, Piazza Libero Vinco, San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo, San Rocco di Pescantina, Sri Lanka, Via Borgo di Pescantina, Via Libera Quinzano.

“L’associazione AGA è diventata ormai protagonista per quel che riguarda la promozione del nostro patrimonio culturale e per la conservazione di giochi che sarebbero altrimenti scomparsi – ha detto l’assessore Edi Maria Neri -. Un’occasione importante dal punto di vista educativo ma anche un momento di incontro e condivisione tra i cittadini”.

Per il gioco dello S-cianco, Verona vanta il primato di Comunità Ludica Tradizionale più numerosa in Italia e tra le più importanti in Europa.

Oltre al Torneo Città di Verona, l’Associazione Giochi Antichi promuove altre attività finalizzate alla salvaguardia, difesa e diffusione del gioco e dello sport tradizionale. Tra queste: percorsi formativi per le scuole e l’ Università di Verona, iniziative culturali (tra cui il festival Tocatì) e l’apertura di Casa Colombare – Centro Documentazione Gioco Tradizionale, che fa parte del Sistema Bibliotecario Urbano del Comune di Verona.

Informazioni sul sito www.associazionegiochiantichi.it, tel. 045 8309162, [email protected]

Presenti in municipio il presidente di AGA Paolo Avigo e alcuni rappresentanti delle squadre che parteciperanno al torneo.

Email inviata con successo

Il concerto-tributo in onore di Lucio Battisti

17/10/2018 17:47

Concerto-tributo in onore di Lucio Battisti al Teatro Nuovo. "Semplice Lucio" è un evento ideato da Giandomenico Anellino e dedicato al cantante di Poggio Bustone a venti anni dalla sua scomparsa. Il concerto è in programma questa sera (venerdì 19 ottobre) alle ore 21.


Lucio Battisti è sicuramente, insieme a De André, il cantautore italiano più amato di tutti i tempi. La sua produzione ha rappresentato una svolta decisiva nel pop e nel rock italiani: da un punto di vista strettamente musicale, ha personalizzato e innovato in ogni senso la forma della canzone tradizionale melodica.


Grazie ai testi scritti da Mogol, Battisti ha rilanciato temi universali e classici della canzone italiana come l’amore e i piccoli avvenimenti della vita quotidiana ma ha saputo anche esplorare argomenti del tutto nuovi e inusuali. I protagonisti di questo viaggio nell’universo musicale di Lucio Battisti saranno Giandomenico Anellino, soprannominato dalla critica “L’uomo orchestra”(Panorama) e “Il disegnatore di musica (Libero) e Roberto Pambianchi, la voce più amata dai fans di Lucio Battisti.


Il concerto proporrà brani celeberrimi tra cui I giardini di marzo, Non è Francesca, Anche per te, Dieci ragazze per me, Acqua azzurra, Eppur mi son scordato di te, Una donna per amico, Fiori rosa fiori di pesco, Emozioni, Anna, Mi ritorni in mente, Io vorrei non vorrei ma se vuoi, Comunque bella, Il mio canto libero e La canzone del sole.

Email inviata con successo

Studenti in esplorazione al Giarol Grande

17/10/2018 16:55

Giornata alternativa, quella vissuta ieri dai bambini della scuola elementare Maggi, di Porto San Pancrazio, che hanno lasciato chiusi i libri per aprire tutti i cinque sensi ed esplorare il bosco del Giarol Grande.

Un’uscita didattica promossa all’interno del progetto EASE Scuola Sostenibile, che vede il Comune impegnato per sensibilizzare e far conoscere ai più piccoli le tematiche ambientali legate allo sviluppo sostenibile e alla conoscenza della natura.

Una natura, quella presente al Giarol Grande, davvero ricca di biodiversità, con circa 16 mila piante a dimora, ciascuna con caratteristiche proprie, che i bambini hanno iniziato a conoscere ed indagare.

Oltre ad educare alla conoscenza di un habitat nuovo ed inesplorato, poco distante dal centro cittadino, l’iniziativa ha anche l’obiettivo di incentivare la curiosità dei bambini nei confronti della natura, per poterla rispettare e preservare con maggiore consapevolezza.

All’uscita didattica hanno partecipato una cinquantina di studenti; a guidarli nella visita, alcuni volontari del Corpo Forestale di Peri, vicino a Dolcè, eccellenza nazionale per la biodiversità. Le esplorazioni al Giarol Grande proseguiranno nei prossimi mesi con altre scuole elementari coinvolte nel progetto EASE.

Email inviata con successo

Gite per famiglie a Milano e Bologna

16/10/2018 16:05

Il Museo della Scienza a Milano, quello Egizio a Torino e la Fabbrica Italiana Contadina a Bologna sono le mete delle gite di un giorno proposte dal Comune per le famiglie con minori.


Da venerdì 19 ottobre è quindi possibile iscriversi alle prime due gite in programma: quella di domenica 11 novembre al Museo della Scienza e della Tecnologia a Milano e quella che porterà a visitare la Fabbrica Italiana Contadina a Bologna, in programma per domenica 25 novembre.


Due invece i turni per la gita a Torino, al Museo Egizio (preiscrizioni a partire da lunedì 22 ottobre), sabato 8 e domenica 9 dicembre.


Le giornate a carattere culturale in località d’interesse vengono offerte a prezzi vantaggiosi per le famiglie residenti nel Comune di Verona con almeno un figlio minorenne.


Le prenotazioni si effettuano collegandosi al sito www.comune.verona.it/turismosociale oppure telefonando ai numeri 045 8077472 - 8077056; le preiscrizioni per la gita a Torino sono disponibili da lunedì 22 ottobre, inviando una mail all’indirizzo [email protected]

I programmi in dettaglio sono disponibili all’Ufficio Turismo Sociale di via Adigetto 10, aperto al pubblico lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 12.

Le partenze sono previste dal Parcheggio Centro di via Campo Marzo - Ex Gasometro.

Email inviata con successo

Giornata europea contro la tratta

16/10/2018 15:54

Il 18 ottobre, in tutta Europa, si celebrerà la Giornata contro la tratta degli esseri umani. Anche Verona aderisce, come partner del progetto N.A.Ve - Network Antitratta per il Veneto.


Tre gli appuntamenti aperti a tutta la cittadinanza. Mercoledì 17 ottobre, alle ore 21.30 al Museo Africano, proiezione dei cortometraggi "Il potere dell'oro rosso" e "La giornata". Introduzione e dibattito a cura degli operatori Azalea.

Giovedi 18 ottobre, alle ore 10, in sala Farinati alla Biblioteca Civica, proiezione di un docufilm sullo sfruttamento lavorativo, a seguire dibattito e presentazione del Progetto N.A.Ve.

Sempre giovedì, alle ore 13, davanti alla Biblioteca Civica, si terrà il lancio di palloncini organizzato dal Numero Verde Antitratta e un buffet preparato dalle ragazze che frequentano il “Laboratorio occupazionale – Cafè Bijoux” della Comunità dei Giovani.


La finalità delle proposte è quella di diffondere quanto più possibile un messaggio di condanna della tratta e delle gravi forme di sfruttamento delle persone (sessuale, lavorativo, economie illegali, accattonaggio). Le iniziative, patrocinate dalla Regione Veneto, sono realizzate con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari opportunità.

Email inviata con successo

Forum To be, la Verona del futuro

16/10/2018 15:31

Si intitola “Disruptive learning” ed è dedicata alla formazione e alla connessione tra aziende e mondo della scuola. La quarta edizione di To Be Verona si terrà sabato 20 ottobre, a partire dalle 9, in Gran Guardia.


Il forum, nato da un progetto di Ass.Im.P, si propone di promuovere la crescita del territorio veronese come smart land, puntando allo sviluppo di idee innovative e passando attraverso l’informazione e la formazione dei giovani, degli adulti e delle aziende.


“To Be Verona – ha sottolineato l’assessore alla Cultura Francesca Briani – è diventato un aggregatore di eccellenze del territorio veronese impegnate nella formazione, perché ha compreso che le grandi sfide del futuro si giocheranno sulle competenze. Al centro del dibatto ci sarà l’innovazione con l’obiettivo di fornire ai giovani le capacità necessarie per cogliere le opportunità lavorative di domani”.


Il Forum To Be Verona prevede due momenti: nella prima parte si svolgerà la presentazione del tema e dei progetti più innovativi che sono presenti a livello internazionale, nazionale e locale; nella seconda, invece, i giovani saranno i veri protagonisti. Infatti, attraverso l’attività svolta da gruppi di lavoro guidati da esperti della formazione potranno esprimere la loro visione del futuro, le speranze, i dubbi e le aspirazioni.


“Crediamo – ha detto Mauro Galbusera, presidente di Ass.Im.P – che Verona abbia grandi potenzialità ancora inespresse e che attraverso questi progetti si possano cogliere le grandi opportunità messe a disposizione dall’innovazione”.


Le aree affrontate dal forum saranno tre: l’education, cioè lo sviluppo di competenze e inclinazioni per chi deve entrare nel mondo del lavoro; la formazione permanente rivolta gli adulti, per permettere loro di padroneggiare le nuove tecnologie e affinare le proprie competenze; i programmi di accelerazione dedicati alla crescita delle aziende.


Il primo appuntamento, riservato agli studenti di 11 istituti veronesi, sarà l’hackathon che si terrà, domani, all’istituto San Zeno. Gli 80 ragazzi partecipanti lavoreranno, a gruppi, per presentare la loro visione della Verona di domani. I tre migliori progetti saranno presentati sabato in Gran Guardia.


Alla presentazione di To Be Verona hanno partecipato anche Mario Pezzotti delegato alla Ricerca dell’Università di Verona, Antonello Vedovato presidente di Fondazione Edulife, Elisabetta de Strobel project manager di To Be Verona, Massimo Andriolo partner di IXL – Center Boston, Stefano Quaglia commissione Scuola – Lavoro Assimp e Paolo Smizzer del Banco BPM.

Email inviata con successo

Il campione italiano a "La 10 di Bardolino"

16/10/2018 12:03

Cresce l’attesa per ‘La 10 di Bardolino’, gara internazionale di corsa su strada con partenza e arrivo da Riva di Cornicello questa domenica 21 ottobre con partenza alle ore 9.30.


ISCRIZIONI APERTE – Una gara che ogni anno riscuote un successo sempre maggiore, Bardolino e le colline tutt’attorno in autunno sono davvero splendide, location che ad oggi ha fatto in modo che vi siano già quasi 800 partecipanti iscritti tra la 10km competitiva e quella non competitiva.


Si punta alla cifra tonda di 1000 partecipanti che segnerebbe il record di questa competizione oggi alla sesta edizione. Iscrizioni che rimarranno aperte online fino a giovedì 18 Ottobre e poi saranno ancora possibili sabato pomeriggio presso la segreteria del palazzetto dello sport di Bardolino sito in via XX Settembre con orario dalle 15 alle 18.30. Non sarà possibile invece iscriversi domenica mattina.


A tutti i partecipanti arriverà in questi giorni una mail con la lettera di conferma da stampare per poter ritirare il pettorale sabato pomeriggio o domenica mattina.


IL CAMPIONE – Chi invece già detiene il record della gara è l’azzurro Marco Najibe Salami che vinse nel 2016 in 31’17” e che domenica sarà ancora in gara per cercare la vittoria bis. Marco, figlio di genitori marocchini ma nato nel mantovano, è attualmente il Campione Italiano 10km su strada, titolo vinto a inizio settembre ad Alberobello, diverse le sue presenze in nazionale e 2 volte oro a squadre in azzurro in Coppa Europa in questi anni. Un vero specialista dei 10000 metri: “La 10 di Bardolino è una bella gara, clima rilassato, una corsa tra amici. Ma non per questo l’impegno mio e di chi proverà a vincere sarà basso. Darò e daremo il massimo, voglio vincere sempre e proverò a battere il primato del percorso. Correre in quella zona è spettacolare, si corre bene, è panoramico, c’è tutto. Sono nel pieno della preparazione per la stagione invernale dei cross, ci tengo ad essere convocato per i campionati europei che si terranno in dicembre in Olanda. Gara di selezione sarà il cross della Carsolina a Trieste, la mia stagione parte proprio da qui, da Bardolino”.

Email inviata con successo