MAGGIORNAZA COMPATTA

Condanna del Consiglio
per frasi choc di Zelger

12/10/2018 09:14

Una ferma censura contro il consigliere comunale Alberto Zelger per le sue dichiarazioni «omofobiche e contro la donna». Il consiglio comunale, dopo una seduta tempestosa e una lunghissima trattativa fuori dall’aula, prende così posizione sulla polemica che ha infiammato la città, ma anche mezza Italia, nel corso dell’ultima settimana.

Il testo iniziale viene modificato e ridotto. E per questo ha votato contro Michele Bertucco di Sinistra in Comune. Ma la sostanza rimane. Al momento del voto il leghista Zelger era fuori dall’aula, così come il sindaco Federico Sboarina, il consigliere Andrea Bacciga (Battiti) e il leghista Vito Comencini (in Parlamento, a Roma).

Zelger ha letto una nota scritta: «Mi scuso - dice - con tutti coloro che possono sentirsi offesi...l’incalzare dei giornalisti mi ha fatto usare termini inopportuni». Riferendosi alle parole usate a La Zanzara su Radio 24, dove ha parlato di aborto come «abominevole delitto» ma anche di omosessualità come «disturbo della personalità».


 
Nessun commento per questo articolo.