SOLIDARIETA'

Premio Masi e i
fondi per la Siria

19/09/2018 18:22

La Siria, un paese martoriato da sette anni di guerra civile, l’avanzata dei ribelli, l’ascesa del fondamentalismo, il mancato schieramento americano contro Assad, la proclamazione del califfato da parte dell’Isis, l’intervento russo, l’arretramento dello stato islamico, l’assedio di Aleppo e l’intervento turco, le tregue, la fine dello stato islamico e la riapertura del fronte contro i ribelli, i raid internazionali

Mezzo milione di vittime, già di 4 milioni di rifugiati.

Un conflitto con ripercussioni sugli equilibri politici internazionali, e un prelato veronese, il cardinale Mario Zenari, nunzio apostolico in Siria.

A lui sarà conferito il Premio Internazionale Grosso d’oro veneziano, che verrà consegnato durante la cerimonia del premio Masi, sabato 29 settembre.

La Fondazione Masi si è attivata per una raccolta di fondi a favore dell’attività umanitaria del cardinale Zenari che sostiene il progetto di tre ospedali cattolici, due a Damasco e uno ad Aleppo; ospedali aperti a tutti, senza distinzione di appartenenza.

Oggi la presidente della Fondazione Masi, Isabella Bossi Fedrigotti, e il vice Sandro Boscaini, hanno incontrato a Verona Maria Laura Conte, direttrice della Fondazione Avsi, onlus incaricata dal cardinale Zenari della raccolta fondi.


 
Nessun commento per questo articolo.