LE PAROLE DI MANTOVANELLI

Acque Veronesi,
cambio ai vertici

14/09/2018 10:36

Un'assemblea di tutti i lavoratori di Acque Veronesi con l’obiettivo di informare e fare il punto sulle recenti decisioni e sugli sviluppi futuri della società. La riunione è stata convocata ieri, da parte del Consiglio di Amministrazione della società consortile.

Il presidente Roberto Mantovanelli ha ribadito nel corso del suo intervento che il Consiglio ha ritenuto opportuno un avvicendamento nel ruolo di Direttore Generale. “Il cambio non è strettamente dettato da valutazioni sull’operato del Direttore Generale, che al contrario è da ringraziare per i risultati fin qui ottenuti, quanto piuttosto dalla necessità di assicurare una rapida e agevole transizione verso i nuovi obiettivi. Il suo incarico terminerà il prossimo 30 settembre - ha commentato Mantovanelli - Un segnale forte che indica la conclusione di una fase di start up dell’azienda e l’avvio di un percorso che dovrà portare, in breve tempo, Acque Veronesi, verso logiche diverse, con uno spirito di efficienza ed efficacia oggi riscontrabile solo nelle maggiori organizzazioni industriali che operano sul mercato. A questi obiettivi dovrà ispirarsi anche la scelta del nuovo Direttore Generale, il quale avrà il compito fondamentale di traghettare l’azienda verso i nuovi orizzonti che il Consiglio di Amministrazione ha indicato. Acque Veronesi entra in quella che possiamo definire la “fase due” – ha sottolineato il presidente – Una fase che può essere così sintetizzata: un’azienda efficiente, con una solida organizzazione alle spalle, focalizzata sul fornire ai propri utenti un servizio efficiente ed efficace, consapevole del ruolo delicato ed importante che svolge al servizio della collettività. La valorizzazione dei lavoratori, la scoperta delle loro potenzialità e delle loro capacità – ha concluso - è la scommessa sulla quale il nuovo Cda intende puntare. Nei prossimi giorni definiremo le modalità di selezione del nuovo manager, con l’obiettivo di arrivare alla nomina nel più breve tempo possibile”.

Per il consigliere di amministrazione Mirko Corrà “si tratta di un passaggio epocale, un “aprire le finestre per far entrare aria nuova”, consapevoli del ruolo che l’azienda ricopre e dell’importanza del servizio offerto”.


 
Nessun commento per questo articolo.