LE PAROLE DI POLATO

Danni per nubifragio:
"Non fare confusione"

14/09/2018 09:19

“La Regione Veneto ha dato precise indicazioni al Comune e cioè di richiedere, in questa prima fase, solo la compilazione del modello “speditivo”, che dovrà essere inviato entro il 17 settembre. Si chiama speditivo proprio perché serve alla Regione per avere un primo generale censimento dei danneggiati su cui confrontarsi con il Governo". Così Daniele Polato, assessore alla Protezione civile, interviene sui risarcimenti per i danni da maltempo causati dal terribile nubifragio del primo settembre a Verona e in Valpolicella.

"Le schede più particolareggiate (Scheda B patrimonio privato e Scheda C attività economiche) andranno compilate in seguito, anche perché serviranno perizie per le quali è inutile che i cittadini spendano soldi adesso - ha continuato l'assessore -. Lo abbiamo detto subito di non investire risorse in periti perché è in corso una convenzione con il Comune per garantire le tariffe. Quindi, solo in una successiva fase la Regione ci chiederà quelle schede, non adesso. Altrimenti che senso avrebbe compilare questo modulo speditivo se si allega anche la stima dei danni. Per la compilazione delle schede ci sarà inoltre l’aiuto dei dipendenti della Protezione Civile comunale".

Polato ha concluso: "È evidente che quello di adesso non è il modello definitivo, infatti, parliamo di Censimento speditivo di danni che la Regione questa volta ci ha chiesto, a differenza del nubifragio di due anni fa quando non è stato risarcito un euro. Sulle cose che contano e sulla pelle delle persone non è serio fare confusione e non conviene mai parlare senza essersi informati sul serio”.


 
Nessun commento per questo articolo.