ELEZIONI PROVINCIALI

Verona va a votare,
chi si allea con chi?

05/09/2018 21:28

Tra una cinquantina di giorni Verona tornerà a votare.

Non con tutti i cittadini, ma con i consiglieri comunali di tutta la Provincia, che mercoledì 31 ottobre dovranno eleggere il successore di Antonio Pastorello.

Chi voteranno, e con quali alleanze?

Il patto che portò all’elezione a sindaco di Federico Sboarina, prevedeva che in Provincia andasse un esponente della Lega. E così probabilmente sarà.

La legge dice che dovrà essere un sindaco in carica e che abbia davanti a sé almeno altri 18 mesi di mandato. I leghisti candidabili sono 6: il sindaco di Cologna Veneta, Manuel Scalzotto (per molti il favorito), e quelli di Badia Calavena, Emanuele Anselmi, di Casaleone, Andrea Gennari, di Isola Rizza, Silvano Boninsegna, di Minerbe, Andrea Girardi e di Povegliano, Lucio Buzzi.

Ma l’aspetto politico più interessante sarà quello delle alleanze.

Lega e fedelissimi di Sboarina correranno assieme.

Flavio Tosi punterò probabilmente sul sindaco di Grezzana, Arturo Alberti (già presidente provinciale di Confapi).

Una parte di Forza Italia vorrebbe allearsi con lui, ma un’altra parte (quella vicina a Daniele Polato) andrà con la Lega mentre un terzo gruppo vorrebbe votare Roberto Dall’Oca, sindaco di Villafranca.

Grande marasma nel Pd, dove potrebbe riaprirsi la battaglia di un anno e mezzo fa per le comunali di Verona: allearsi con Tosi e una parte di Forza Italia (puntando su Alberti) o allearsi con la sinistra-sinistra, o addirittura con i Cinquestelle (ala Fico)?

Poiché il voto dei consiglieri del capoluogo sarà decisivo, sarà interessante vedere cosa farà Verona Domani (Gasparato e Casali hanno seguaci anche a Villafranca e in altri comuni).

E tutta da capire è la scelta dei 4 consiglieri leghisti in rotta col partito: Bonato, Bocchi, Laperna e Simeoni potrebbero riuscire ad eleggere quest’ultimo come consigliere, ma resta da vedere in che lista lo inseriranno.

Lillo Aldegheri


 
Nessun commento per questo articolo.