CURIOSITà METEO

Nubifragio di ieri forse
un "autorigenerante"

02/09/2018 20:54
TEMPORALI AUTORIGENERANTI: PROBABILMENTE I PEGGIORI ... o quasi


(post in dialetto)


È probabile che parte del nubifragio avvenuto ieri su tutta la pedemontana veronese sia opera di un cosiddetto temporale autorigenerante. Oggi, con le piogge che ci stanno interessando dalla notte, non è sicuramente così ma ieri, almeno inizialmente secondo il mio modestissimo parere de "meteo appassionato ignorante", abbiamo avuto a che fare con uno de sti cosi qua.


El termine "autorigenerante" l'è un termine che se usa spesso tra i meteo appassionati. I più fighi i avaria dito che l'è sta un "cluster multicellulare con rigenerazione sopravento", mi envesse che son poro can lo ciamo "temporalon da fogo". Comunque, struca struca, sto tipo de temporal l'è uno dei pezo che se pol veder perchè el pol dar luogo a alluvioni lampo e nubifragi "infiniti" (nel senso che i pol durar ore).


Per darve un'idea molte delle alluvioni che ha colpio Genova o alcuni tratti della toscana nei anni passè ià ste portè da sto tipo de temporai e ovviamente i 180 mm de acqua en do tre ore che è arivà ieri a Santa Maria De Negrar e zone vicine, ieri iè ste portè da una de ste robe qua.


E si che fin alle 2 non ghera gnanca l'idea che da li a poco se saria scatenà n'afar del genere, almeno en quella zona lì, visto che fin a quel momento, dopo le piogge della notte, era fin saltà fora El sole e molti i m'aveva scritto per dirme se El brutto tempo, previsto, l'era na bugia.


Era arivà dei bei sguassotti soprattutto la notte ma dopo... Calma piatta. Ok quindi come mai da un momento all'altro, come disea Massimo Decimo Meridio ne Il Gladiatore, sà scatenà l'inferno???


1) secondo mi le schiarite se cui v'ho parlà poco fa le ha fato alsar si le temperature ma soprattutto molta umidità. En pratica la pianura l'è diventà un cadin de aria tiepida e umida. Un mix ideale per averghe energia per far scattar la "convezione" e da lì le nubi temporalesche.


2) In quota ieri ghera dei venti sempre più forti man man che se se alsava de quota e sti venti i butava i cumuli che se stava formando, lontano dal punto en cui l'aria calda la partiva da terra e la nava verso l'alto. Se gavì avuo modo de veder i radar avarì visto che uno dei temporali l'è nato a est de Verona ma l'è sta "butà" fin sora El lago senza però che el punto dove l'era nato El se spostesse. En pratica la torre temporalesca, envesse de esser drita come la torre dei Lamberti, la nasea su storta come la torre de Pisa.

Essendo le precipitazioni lontane dalla base delle torri, queste le resta bele "arzille" perchè la pioggia che casca non la ghe "secca mia le raise" o meglio non raffredda l'aria tiepida che sta generando il temporale. Però una volta che st'aria fredda è arrivata a terra la torna endrio, fasendoghe paura a l'aria più calda presente en pianura che, spaentà, la taca a nar verso l'alto formando quindi na nuova cella temporalesca...e quindi el ciclo el se ripete con la nuova cella che se spampana come la torre de Pisa, l'acqua che para zò aria fredda, l'aria fredda che torna endrio, la spaenta l'aria calda che salendo la fa partir n'altra cella... e così via fin quando non cambia i venti en quota o fin a quando non ghè più aria calda e umida da spaentar.


Ecco ieri secondo me è successo questo.. Ma posso anca sbagliarme...el risultato comunque non cambia: disastro in pedemontana... E voialtri avì emparà na roba nova. Erelo prevedibile? Mah, ghera le condissioni perché se formesse temporali anche forti ma dir che sicuramente se saria formà na roba del genere e soprattutto dove, beh l'era impossibile. Che arivasse dei temporai l'era scritto ma così forti sinceramente non l'avea mia dito.

Nicola Bortoletto


 
Nessun commento per questo articolo.