POLFER IN AZIONE

Nigeriano prende a morsi
e testate gli agenti

08/08/2018 16:14

Attimi di paura ieri pomeriggio in Stazione Porta Nuova: gli agenti della Polfer hanno arrestato un cittadino nigeriano di 27 anni per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento. I poliziotti sono intervenuti alla biglietteria della stazione dove era stato segnalato che il giovane, in stato di alterazione, cercava di aggredire il personale delle ferrovie in servizio.

Il nigeriano stava urlando e minacciando gli addetti di Trenitalia: benché ci fossero numerosi passeggeri in attesa del proprio turno di accesso alla biglietteria si era presentato allo sportello superando tutti e pretendendo di essere servito immediatamente. Dopo aver cercato di riportarlo alla calma, l'uomo (che ha danneggiato anche alcuni oggetti della biglietteria) ha aggredito i poliziotti con una testata che ha procurato ad un agente un vistoso taglio sulla fronte e poi ha preso a morsi un altro poliziotto, lacerandogli la camicia della divisa.

Uno degli agenti è stato trasportato in ospedale con un'ambulanza ed è stato medicato e suturato con prognosi di otto giorni per la ferita all’arcata sopraccigliare. L’uomo dopo la convalida dell’arresto, è stato condannato a sei mesi di reclusione, pena poi sospesa, ed è stato rimesso in libertà. Il nigeriano, che risulta essere clandestino in Italia avendo già violato due provvedimenti di espulsione, è stato anche denunciato per quest’ultima violazione.


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA