FESTIVAL LIRICO

Il ritorno del
Nabucco in Arena

11/07/2018 16:03

Dopo l’acclamata prima rappresentazione, giovedì 12 luglio alle ore 21.00 torna in scena Nabucco di Giuseppe Verdi per il 96° Arena di Verona Opera Festival 2018, nello spettacolare e cinematografico allestimento di Arnaud Bernard.

Il regista francese, che rilegge il capolavoro verdiano ispirandosi al Risorgimento italiano e al film Senso di Luchino Visconti, cura anche i costumi, mentre le imponenti scene sono di Alessandro Camera e le luci di Paolo Mazzon. Dopo il successo riscosso in Aida, ritroviamo sul podio il direttore valenciano Jordi Bernàcer.

Per la recita di domani, sul palcoscenico areniano ritorna al completo l’applaudito cast della prima rappresentazione: protagonista nel ruolo del titolo è il giovane baritono Amartuvshin Enkhbat, mentre la complessa figura della figliastra Abigaille è affidata a Susanna Branchini. Ad interpretare Zaccaria è l’apprezzato basso Rafał Siwek, accanto a Géraldine Chauvet come Fenena e al tenore Luciano Ganci come Ismaele. Completano il cast Nicolò Ceriani nel ruolo del Gran Sacerdote di Belo e Roberto Covatta nei panni di Abdallo. Si riconferma la giovane Elisabetta Zizzo come Anna.

Il titolo vede impegnati l’Orchestra, il Coro preparato da Vito Lombardi, i Tecnici dell’Arena di Verona e i numerosi figuranti che rappresentano sul palcoscenico areniano i tumulti delle Cinque Giornate di Milano, dentro e intorno al Teatro alla Scala, con spari, colpi di cannone e cori inneggianti “Viva Verdi!”.


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA