LA CERIMONIA

Diplomi a poliziotti per
l'uso del defibrillatore

14/03/2018 17:12

47 operatori della Polizia sono stati formati per effettuare le manovre salvavita e per saper utilizzare il defibrillatore. Lo scopo è quello di ridurre i decessi per morte da attacco cardiaco lontano dagli ospedali.

La Polizia di Stato crede da anni a questo progetto formando periodicamente i propri agenti impiegati nei servizi di controllo del territorio, che spesso sono i primi a dover intervenire in casi di pericolo. Quest’anno, nella consapevolezza che la strada non rappresenta l’unico scenario dove possono verificarsi situazioni di emergenza sanitaria, è nata l’idea di estendere tale proposta di formazione anche al personale che all’interno degli Uffici di Polizia.

Grazie alla disponibilità dell’Associazione Italiana Soccorritori e del sostegno economico di AGSM, sono circa 50 i nuovi operatori, sia appartenenti alla Polizia di Stato che all’Amministrazione civile dell’Interno, abilitati ad effettuare le manovre salvavita con l’eventuale utilizzo del defibrillatore.

Oggi si è svolta la cerimonia di consegna degli attestati, cui hanno preso parte il Signor Vice Questore Vicario Dr. Alfonso Polverino, il Portavoce della Questura Dr. Bruno De Santis, il Medico Capo Dr. Franco Ariosto e il Medico Capo Dr. Giuseppe Lippolis. Erano presenti per l’Associazione Italiana Soccorritori – Sezione Verona, il Presidente Dr. Fabio De Bortoli, per il SUEM-118 il Direttore Dr. Alberto Schonsberg e per l’A.G.S.M. Verona, il Presidente Dr. Michele Croce con il Vice Presidente Dr. Mirco Caliari.


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA