"Loro... ed io" al teatro Camploy

20/03/2018 15:28

"Loro...ed io", il recital di Cristina Gamba andrà in scena il 21 marzo alle ore 20:45 al teatro Camploy.


Tante saranno le "Arti" che quella sera calcheranno il palcoscenico: la pittura, la scultura, la danza, le poesie, le letture, le emozioni.


L'evento gode del patrocinio del Comune e fa parte del Calendario delle Manifestazioni della rassegna "8 marzo, femminile, plurale 2018 ed è promosso da MOICA Verona, associazione femminile.

Email inviata con successo

Dulces prendas in piazzetta Rubiani

20/03/2018 12:16

Sarà il menestrello Crispìn d’Olot, con la musica tradizionale spagnola, il protagonista dell’evento ‘Dulces prendas’. L’appuntamento è in programma mercoledì 21 marzo, con inizio alle 18, alla Società Letteraria, in piazzetta Scalette Rubiani.

L’iniziativa si inserisce nella rassegna ‘Verona, patrimonio del Amor. Una ciudad con latidos españoles’, che punta ad accrescere la conoscenza della cultura ispanica e, in particolare, dello storico legame che intercorre tra la comunità spagnola veronese e la città. L’evento è ad ingresso gratuito.


Durante la serata il giullare d’Olot, riconosciuto a livello internazionale per le sue rappresentazioni della cultura, letteratura e storia spagnola, soprattutto dal XII al XVIII secolo, si esibirà in una selezione di canzoni tradizionali ‘sefardite’, romanze a tema biblico, poemi in latino e italiano e sonetti spagnoli.


La serata, promossa dall’Associazione Culturale Italo-Spagnola – ACIS in collaborazione con l’Università e la Comunità Ebraica di Verona, l’Università di Noth Carolina Wilmington – UNCW e con il patrocinio del Comune di Verona, è stata presentata oggi dall’assessore alla Cultura Francesca Briani.


“Un nuovo appuntamento proposto dall’associazione ACIS – spiega l’assessore Briani –, per accrescere tra i veronesi la conoscenza della cultura spagnola e, nel particolare di questa iniziativa, delle antiche tradizioni e sonorità medievali di questo Paese”.


Presenti alla conferenza di presentazione, la presidente dell’ACIS Anna Altarriba Cabré, il presidente della Comunità Ebraica di Verona Bruno Carmi, la ricercatrice di Letteratura spagnola dell’Università di Verona Paola Bellomi, il professore di letteratura spagnola all’Università Noth Carolina Wilmington – UNCW Michael Gordon e il giullare Crispìn d’Olot.

Email inviata con successo

La mostra degli aiuti umanitari

18/03/2018 19:14

Un’istallazione di 13 ore, a flusso continuo, per raccontare 2 anni di aiuti umanitari che l’associazione “One Bridge to Idomeni” ha portato sulla rotta balcanica, al confine greco-macedone.

La mostra “21.03.2016 Tornare Partire Tornare 21.03.2018” si terrà in Gran Guardia mercoledì prossimo, appunto il 21 marzo, dalle 10 alle 23. Durante la giornata un flusso continuo di foto, immagini e testi, testimonieranno quanto fatto dall’associazione, dalla sua prima missione ad oggi. Nel 2016, infatti, da Verona partirono i primi 5 volontari diretti a Idomeni, nel più grande campo profughi della Grecia. Oggi sono oltre 200 le persone iscritte all’associazione e impegnate a Verona, ma anche nei progetti attivi in Serbia e Grecia.


Nel corso della serata di mercoledì, alle 21.30, è previsto un breve momento teatrale, durante il quale gli attori Simonetta Giacon e Walter Peraro interpreteranno alcune delle testimonianze scritte dai volontari.

L’esposizione sarà affiancata dal progetto editoriale “Tracce”, un diario dei primi due anni di aiuti, arricchito da una raccolta di scatti donati da fotoreporter di fama nazionale. La prima edizione del volume ha una tiratura limitata di 200 copie, che potranno essere acquistate tramite una donazione che finanzierà l’associazione.


L’iniziativa è stata presentata in sala Arazzi dall’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco, insieme al presidente di “One Bridge to Idomeni” Giulio Saturni e al curatore della mostra Edoardo Garonzi.

“Questo progetto – ha spiegato Bertacco – affronta il fenomeno dell’immigrazione mettendo al centro l’uomo, con i suoi bisogni, diritti e doveri. Ringrazio tutti i volontari che in questi anni tanto hanno fatto non solo per portare degli aiuti là dove servivano, ma anche per creare un ponte tra Verona e le città coinvolte nei progetti umanitari”.

Email inviata con successo

Una serata di musica in dialetto veronese

18/03/2018 19:12

Dimostrare che i dialetti sono lingue vive, oltre che strumenti di espressione creativa e artistica. Questo l’obiettivo dello spettacolo “L’espressione musicale moderna e l’attualità delle vocalità dialettali friulano e veneto: linguaggi vitali nelle composizioni musicali odierne”, in programma sabato 24 marzo alle 20.45, al Teatro Stimate.


L’iniziativa prevede il confronto sul palco tra due gruppi musicali, la “Doro Gjat & Live Band” e i “Veronesi tuti mati”, che canteranno ciascuno nella propria lingua d’origine, rispettivamente il friulano e il veneto, utilizzando linguaggi musicali moderni che vanno dal rap/hiphop al jazz/swing.

Grazie all’alternanza delle esibizioni delle due band verranno inoltre sottolineate le interrelazioni musicali e linguistiche esistenti tra i due dialetti, seppur tra espressioni musicali diverse.


L’iniziativa, promossa dall’associazione culturale “Fogolar Furlan di Verona” con il patrocinio del Comune, è ad ingresso gratuito con contributo libero a favore della Fondazione Più di un Sogno onlus, che promuove servizi per favorire l’autonomia e l’inclusione di persone con sindrome di Down.


L’evento è stato presentato questa mattina dall’assessore alla Cultura Francesca Briani, insieme al presidente dell’associazione culturale “Fogolar Furlan di Verona” Enrico Ottocento, al vicepresidente Mauro Felice, a Marco Pasetto del gruppo “Veronesi tuti mati” e a Eliana Valerio della Fondazione Più di un Sogno onlus.


“Una serata di musica che si propone di promuovere la conoscenza delle lingue dialettali – ha detto l’assessore -, componenti fondamentali non solo della storia, ma anche della tradizione e della cultura dei popoli. Visto lo scopo sociale dell’iniziativa mi auguro che la partecipazione sia numerosa”.


La “Doro Gjat & Live Band” è composta da Luca “Doro Gjat” Dorotea (voce), Elvis Fior (batteria), Sanchez (chitarra), Bad (chitarra), Guzo (basso). Il gruppo “Veronesi tuti mati” è formato da David Conati (voce, chitarra), Marco Pasetto (sax soprano, ocarina e chitarra), Giordano Bruno Tedeschi (eufonio, tromba, chitarra, fisarmonica), Tommaso“Tommo”Castiglioni (percussioni).

Email inviata con successo

Iscrizione soggiorni estivi per over 60

18/03/2018 19:06

Sono ancora aperte le iscrizioni ai soggiorni estivi per gli over 60, residenti nel comune di Verona e autosufficienti. Nel caso di coppie è necessario che almeno uno dei due abbia compiuto i 60 anni. Le proposte per l’estate 2018 prevedono soggiorni in Romagna, nelle località di Riccione, Cattolica e Milano Marittima; nelle Marche, a San Benedetto del Tronto; in Sicilia, a Cefalù; in Sardegna a San Giovanni di Posada. Infine, per le cure termali, è previsto un soggiorno a Levico Terme, in Trentino. Le quote comprendono il servizio di trasporto in pullman o aereo, il soggiorno in hotel 3 o 4 stelle, il trattamento in pensione completa, con bevande incluse, il servizio spiaggia per le località marine e l’assicurazione annullamento viaggio per motivi di salute.

Per prenotare è possibile telefonare ai numeri 0458077056 e 0458078635 o collegarsi al sito www.comune.verona.it/turismosociale. Dopodiché occorrerà presentarsi all’ufficio del Turismo Sociale in via Adigetto 10, per perfezionare l’iscrizione con il versamento della caparra di 50 euro, non rimborsabile in caso di rinuncia.

Il programma e i moduli per l’iscrizione possono essere richiesti inviando una e-mail a turismo.sociale@comune.verona.it.

Email inviata con successo

Estravagario al Camploy con Colazione da...

16/03/2018 17:51

Dopo il pienone all’Arsenale la scorsa estate, Colazione da Occhiobello (anche da asporto) torna a Verona nella tradizionale rassegna teatrale al Camploy.

Lo spettacolo dell’Estravagario sta riscuotendo molto successo in giro per l’Italia nei principali festival.

Reduce dalla trasferta a Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno, la compagnia veronese è già pronta a risalire sul palco per far divertire, ma anche riflettere il pubblico del Camploy con la storia della pasticceria gestita dai fratelli Santino e Carlina Occhiobello in un paesino di una provincia veneta, tra amori non corrisposti, eredità da spartire, tradimenti, gelosie e visite inaspettate…

Scritto Carlo Saglia, il testo è stato adattato da Silvino Gonzato con un linguaggio attuale, ricco di diverse inflessioni dialettali con momenti esilaranti e situazioni solo in apparenza assurde. In realtà le dinamiche presenti in questa storia sono purtroppo molto vicine alla vita di tutti i giorni.

Sul palco gli attori Ermanno Regattieri, Barbara Fittà, Tiziano Gelmetti, Marco Mirandola, Roberta Zocca, Michele Schenato, Loredana Bouche’ e Annalisa Avesani. La regia è di Alberto Bronzato.

Colazione da Occhiobello andrà in scena al teatro Camploy sabato 17 marzo alle ore 21 e domenica 18 con inizio alle 16:30.

Email inviata con successo

Storie rivoltanti e rivoltate a teatro

16/03/2018 16:02

Domenica 18 marzo, alle 16.30, per la rassegna Famiglie a teatro organizzata da Fondazione Aida, in collaborazione con Comune di Verona – Istruzione, Banco BPM e Abio, va in scena “Storie rivoltanti e rivoltate”, ultimo titolo della stagione 2017/2018 al Teatro Stimate, prima della grande festa di compleanno con cui il 25 marzo, il Teatro Stabile di Innovazione con sede a Verona, celebrerà i primi 35 anni di attività al servizio della promozione culturale, svolta non solo attraverso il teatro, bensì diverse espressioni di arte.


Storie rivoltanti e rivoltate è una produzione Fondazione Aida ispirata ai testi di Rohald Dahal, con narrazione musicale dal vivo. «Sono passati più di 100 anni da quando è venuto al mondo colui che è considerato da molti il più grande scrittore per ragazzi che mai sia esistito», spiega Pino Costalunga, regista e condirettore artistico della fondazione. «I suoi libri sono stati venduti in migliaia e migliaia di copie in tutto il mondo, molti bambini e adulti l'hanno amato... Ma, ahimè, correndo gravi pericoli!». Perché è un autore che «sovverte le fiabe, elogia la disobbedienza, si diverte a descrivere individui disgustosi, vecchie streghe malvagie, giganti crudeli e ripugnanti, riduce i bambini in poltiglia e fa scomparire povere nonne grazie all'aiuto di nipoti crudeli. Storie tuttavia divertentissime, con cui si esorcizzano le fobie dello sporco e le restrizioni delle buone maniere».


In scena Costalunga scherzerà dunque su quanto sia «severamente vietato leggerlo», salvo capirne davvero il senso. Che è quanto l’attore, esperto lettoree a voce alta della letteratura per l’infanzia, si divertirà a spiegare ai giovani spettatori.

Email inviata con successo

Fevoss, "Fuori tutto" al bazar solidale

16/03/2018 15:56

Ritorna l’edizione “Fuori tutto” al Bazar solidale, il progetto di riuso e di solidarietà della Fondazione Fevoss Santa Toscana realizzato con la collaborazione delle associazioni Fevoss. Sabato 17 marzo piazza Santa Toscana ospita una giornata interamente dedicata al recupero di oggetti di seconda mano con una raccolta fondi a sostegno delle iniziative della Fondazione Fevoss.

L’iniziativa, promossa con il patrocinio del Comune di Verona e con il sostegno di Amia, conclude con una grande festa a cielo aperto la positiva esperienza del bazar che, durante il periodo natalizio, ha trovato sede temporanea nei locali di via Santa Toscana che sono stati concessi con generosità dalla Fondazione Cariverona.

Dalle 10 alle 17 la piazza nel cuore di Veronetta, a pochi passi dalla sede centrale della Fevoss, si trasformerà in una fornita bancarella dell’usato con l’esposizione di abbigliamento sia invernale che estivo per uomo, donna e bambino. Sarà possibile trovare accessori come scarpe, borse, cinture, foulard; inoltre piccoli elettrodomestici e oggettistica per la casa; inoltre libri, dischi e quadri donati da generosi cittadini. Durante la giornata si potranno portare in piazza cose inutilizzate, che in questo modo potranno essere recuperate e messe a disposizione di chi ne ha necessità.

Il programma della giornata prevede canzoni con il coro alpini del Cai, sculture di palloncini, costruzione di aquiloni, tatuaggi all’hennè offerti dalle associazioni Fevoss.

Email inviata con successo

Legend cars, si arricchisce programma

16/03/2018 15:51

Si arricchisce il programma di Verona Legend Cars, la fiera delle auto storiche che torna a Verona dal 4 al 6 maggio prossimi, con un'occasione unica per i tutti i piloti, collezionisti e appassionati delle auto da corsa.


Si chiama Trofeo Verona Legend Cars, e sarà una manifestazione di velocità, patrocinata da ACI Storico, simile per tipologia ad un Formula Challenge, che si disputerà proprio sul circuito dove domenica 6 maggio si sfideranno anche alcuni dei più famosi campioni di rally di tutti i tempi. L'evento prenderà vita grazie alla collaborazione con l'Automobile Club Verona che curerà sia l'allestimento del percorso che l'organizzazione sportiva e regolamentare del Trofeo.


Il Trofeo Verona Legend Cars si svolgerà sabato 5 e sarà aperto alle vetture da corsa di qualsiasi tipologia, storiche e moderne come da regolamento sportivo Aci Sport in vigore per la Formula Challenge, compresa la possibilità di partecipazione anche alle vetture e ai piloti della regolarità sport.


Il Trofeo Verona Legend Cars si disputerà con batterie eliminatorie e vedrà i protagonisti sfidarsi sul circuito della “Sfida dei Campioni”. Le vetture saranno divise a seconda della cilindrata e della categoria di appartenenza come specificato nelle normative ACI Sport per la Formula Challenge e daranno vita ad un'intensa ed emozionante sfida lungo tutta la giornata di sabato che premierà con le migliori 12 prestazioni.


I 12 piloti così selezionati avranno quindi accesso alle finali, che si disputeranno con una Abarth 124 rally, il gioiellino che ha contribuito a riportare il brand italiano sotto i riflettori degli appassionati di rally. Questo cambiamento permetterà di azzerare la differenza prestazionale delle vetture e di premiare quindi il pilota più veloce. Il vincitore finale porterà a casa un premio davvero importante: una Abarth 595 stradale in uso gratuito per un anno. Va specificato che in caso di un alto numero di iscritti, le finali potrebbero svolgersi anche nella mattinata di domenica 6 maggio.


Diversa la sfida per le vetture della regolarità sport. Suddivise secondo le divisioni previste dalla normativa, si sfideranno contro il tempo imposto e i migliori 4 classificati accederanno alle finali che si disputeranno con vetture messe a disposizione dagli organizzatori. Qui si giocheranno un'iscrizione omaggio al prossimo 8° Due Valli Classic, appuntamento di fine stagione valido per il Trofeo Tre Regioni 2018.


Si tratta di un evento unico ed appassionante all’interno di una Fiera ricca di contenuti espositivi statici e dinamici con i tanti raduni. Il Trofeo Verona Legend Cars consentirà di sfidarsi in una location speciale come la pista della “Sfida dei Campioni” davanti ad un pubblico numeroso e permetterà ai migliori piloti di vivere un'esperienza irripetibile.


Le iscrizioni al Trofeo Verona Legend Cars apriranno il prossimo 29 marzo e chiuderanno il 29 aprile. Tutte le informazioni saranno presto disponibili sul sito www.veronalegendcars.com nella sezione dedicata al Trofeo.

Email inviata con successo

Creazioni di moda degli studenti vanno in mostra

14/03/2018 17:17

Saranno i bozzetti e le creazioni tessili degli studenti di moda i protagonisti della mostra “Kitsch & Chich”. L’esposizione, visibile dal 17 al 28 marzo in sala Birolli, è promossa dal Liceo Artistico Statale di Verona, nell’ambito di un progetto formativo di alternanza scuola – lavoro.


Lo studio effettato dai ragazzi sui differenti motivi ornamentali esposti, creati in variegate sfumature e colori su tessuti e bozzetti, mette in luce le differenze estetiche del ‘kitsch’ e dello ‘chic’, mostrando, nel confronto visivo, il sottile confine tra ciò che è degno di diventare ‘di moda’, e cosa no.


Il progetto formativo, realizzato in collaborazione con l’Istituto Europeo di Design IED Como ed il patrocinio della 1ª Circoscrizione, è stato presentato questa mattina dal presidente circoscrizionale Giuliano Occhipinti. Presenti la dirigente del Liceo Artistico Mariangela Icarelli e i docenti Graziano Stevanin, Massimo Girelli e Cristina Graziani che hanno curato e allestito la mostra con il supporto dell’Associazione genitori “Crescere con l’Arte”.


“In un tempo dove i giovani vanno sempre più stimolati, anche a livello culturale – ha detto il presidente Occhipinti –, fa piacere avere un istituto d’arte che sprona i propri studenti ad approcciarsi all’arte e al design in modo alternativo, ribaltando, in questo contesto i canoni di bellezza sociali”.


La mostra, che sarà inaugurata sabato 17 marzo alle 11.30, sarà aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 16 alle 20; sabato e domenica dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 20. L’ingresso è gratuito.

Email inviata con successo
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA