LA DENUNCIA DELL'UGL

Aggressioni agli autisti
"Vogliamo più personale"

12/03/2018 16:19

Dopo le numerose aggressioni ai danni degli autisti nella Provincia di Verona, l'UGL, federazione nazionale autoferrotranvieri, ha chiesto al Prefetto di aumentare le misure di sicurezza per gli autisti dei bus.

"Abbiamo cercato spesso di sensibilizzare le istituzioni sulla grave situazione e i rischi che corrono i dipendenti del trasporto pubblico, ogni giorno gli autisti subiscono provocazioni - si legge in una nota -, violenze fisiche e verbali, e la situazione sembra sempre più aggravarsi, vista anche l’escalation di questi ultimi giorni. Tutti atteggiamenti che provocano stress: non bisogna dimenticare che sono sempre utenti della strada e persone responsabili di centinaia di passeggeri".

"Chiediamo fortemente - continua il comunicato UGL - che le Istituzioni Locali, ATV, e OO.SS. ”Tutte” si attivino affinchè questi episodi di violenza abbiano fine e sia tutelata la sicurezza del trasporto pubblico e dei lavoratori, suggerendo un maggiore coordinamento tra forze dell’Ordine e ATV, un maggiore impiego del personale Verificatore dei titoli di viaggio soprattutto nelle ore pomeridiane e serali e non come ad oggi prevalentemente durante il flusso degli scolari".

I vertici dell'UGL hanno concluso: "Chiediamo un incontro congiunto ai soggetti in indirizzo con l’obiettivo di pianificare e concordare le misure necessarie affinchè sia ripristinata la sicurezza dei Passeggeri e soprattutto l’incolumità dei dipendenti".


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA