POPOLO DELLA FAMIGLIA

CASO ELTON JOHN
HA VINTO GRIGOLINI

08/03/2018 12:49

Ma Elton John sa dell'esistenza del Popolo della Famiglia? Me lo domando da ieri, quando Filippo Grigolini & C. hanno tuonato con consueto spirito liberale: “Vietategli l'Arena, è gay e padre”.

Vorrei capire cosa c'entra con l'arte e la musica un'intemerata siffatta. Vorrei cogliere il nesso tra un concerto in Arena e il serissimo e complesso (comunque la si pensi) tema dei diritti civili.

L'arte da sempre si separa dalla morale personale dell'artista, altrimenti non potremmo ammirare i quadri di grandi pittori, o leggere i romanzi di geniali scrittori. E questo perché l'artista crea con il suo talento un qualcosa di sovradimensionale, che è per gli uomini ma non è degli uomini.

Dunque è surreale l'intervento di Gianmarco Mazzi, responsabile extra-lirica della Fondazione Arena, che si è sentito in dovere di chiarire e tranquillizzare. Cosa c'era da chiarire? Il gradimento per Elton John? Serviva ribadirlo? Chi c'era da tranquillizzare? Elton John? Già lo immagino in stato d'ansia con i giornali veronesi in mano. Mazzi spegnendo una polemica irrilevante e fondata sul nulla di fatto l'ha legittimata. E trovo perlomeno singolare che uno dell'esperienza e dello spessore manageriale di Mazzi si sia sentito in dovere di intervenire.

Perciò il vero vincitore in tutta questa storia è il Popolo della Famiglia che, abile a inserirsi nel flusso di cronaca e a cavalcare l'onda dei mass media, ha ottenuto ciò che voleva: instillare pro domo sua un dubbio nell'ovvio. E a Verona, dopo le censure alla Biblioteca vivente e alla wedding planner gay-friendly, non è la prima volta. Grigolini regna. Grigolini troneggia.

Francesco Barana


 
  • Giacopuzzi Francesco

    il 10/03/2018 alle 11:22 “Per Dovere Di Cronaca”
    GRIGOLINI: “NON HO MAI DETTO NO A ELTON JOHN IN ARENA PERCHE’ GAY. FALSE LE PAROLE ATTRIBUITEMI NEL TITOLO DELL’ARTICOLO DEL CORRIERE DI VERONA. STERILE LA POLEMICA SOLLEVATA AD HOC. RESTA LA DENUNCIA PER L’UTERO IN AFFITTO CON CUI L’ARTISTA HA COMPRATO DUE BAMBINI”. Verona, 8 marzo 2018 – In riferimento all’articolo apparso sul quotidiano locale Corriere di Verona in data 7 marzo (pag. 12) circa l’opportunità o meno della tappa veronese in Arena dell’artista inglese Elton John nel 2019 (si badi bene, nel 2019!) preme precisare quanto segue: “Come già rettificato questa mattina sulle pagine del Corriere di Verona, torno ad evidenziare che le parole a me attribuite nel virgolettato del titolo: «Sposato con un uomo e padre. Avrei vietato l’Arena a Elton Jonh» – sottolinea Filippo Grigolini, presidente del Popolo della Famiglia di Verona e coordinatore Veneto del Popolo della Famiglia – non sono mai state pronunciate al giornalista che mi ha interpellato. L’artista non è in discussione né desidero entrare nel merito delle sue inclinazioni sessuali. Nel giorno della festa della donna ribadisco invece la posizione espressa: come ben evidenziato nell’articolo, la questione è lo sfruttamento dell’utero femminile che ad oggi è ancora reato in Italia: pratica disumana cui l’artista è ricorso pur di avere un figlio (anzi due) a tutti i costi. Due bambini che non avranno mai la loro madre, non perché morta o scomparsa ma perché entrambi sono stati venduti al momento del parto. Questo, a mio parere, è inaccettabile e profondamente ingiusto per i bambini e per le donne. Sì, inaccettabile anche per le femministe! Se Elton John possa o meno cantare in Arena è una scelta che spetta al Sindaco e all’Amministrazione comunale, non a me o al mio Movimento. A noi tener desta l’attenzione su alcuni temi gravissimi che anche in Italia si vorrebbero far passare come norma. Si è voluto creare ad arte una polemica sterile. Ed è singolare che questo accada a ridosso di un post voto che ha reso ingovernabile il Paese. Ma ben venga se questo serve a riportare all’attenzione pubblica temi gravissimi come l’utero in affitto, proprio nel giorno dell’8 marzo.”
     
  • Attilio Centuriono

    il 10/03/2018 alle 04:33 “Ha Vinto Grigolini”
    Luchinho a parte l'orrido nicknsme ma cosa blateri? Lo sai o no cos'è l'utero in affitto? Lo sai che questo separato criminale si è comperato ben due bambini pagando li centinaia di migliaia di sterline al solo scopo di renderli orfani di madre e di farli soffrire per farne ornamento della sua naturalmente sterile unione omosessuale? Lo sai o no che questo è un crimine in Italia? Di quali idiozie vai parlando se non delle tue? Vergogna, queste barbare pratiche devono diventare reato universale e non meritano certo di essere promosse o taciute. Il Popolo della Famiglia si pone a difesa della dignità della donna e del diritto di ogni bambino di non essere usato come merce e strappato all'affetto della mamma per sempre. Peccato per chi non ci arriva.
     
  • Gianluca Poli

    il 09/03/2018 alle 10:34 “Cerca Solo Visibilita'.....”
    NON HA VINTO NESSUNO SE NON LA MUSICA, GRIGOLINI CERCA SOLO VISIBILITA' E DOVE PUO' ( QUANDO SI PARLA DI GAY, ABORTO,DIVORZI,PROSTITUZIONE) CERCA FARCI SAPERE CHE LUI E IL POPOLO DELLA FAMIGLIA SONO IL BUON ESEMPIO, CHI LI VUOL SEGUIRE LI SEGUA E PREGHI PER LORO.
     
  • Luchinho

    il 09/03/2018 alle 10:17 “Carto Attilio”
    Prima accusi i giornalisti di leggere i titoli e basta, poi fai del mero populismo senza pari, scommetto che tutte le str@nz@te che hai scritto le hai lette su Facebook, uno che compra una donna e un bambino? Evidentemente non sai proprio di cosa stai parlando, ma è così per l'itaGliano medio, quindi perché stupirsi?
     
  • Attilio Centurioni

    il 09/03/2018 alle 09:50 “Ha Vinto Grigolini”
    E' interessante il vostro pezzo su questa vicenda perché è il simbolo della qualità del giornalismo italiano. Voi dovreste essere abbastanza scafati da andarvi a leggere non il titolo ma il contenuto della dichiarazione di Grigolini, o cadete dal pero e non sapete che il titolo serve per fare caciara? Elton John è un grande artista ma il suo problema non è affatto l'essere omosessuale, ci mancherebbe, il suo problema è essere no schiavista, uno che compra una donna (8 Marzo dove sei?) uno che compra un bambino come fosse una Rolls, uno che strappa un bambino dalle braccia di chi l'ha partorito, uno che ammette di averlo fatto soffrire per anni. E' questa bestialità, reato in Italia e che anche le femministe chiedono diventi reato universale, a fare problema. Domandiamoci onestamente: se anziché rovinare due persone per un capriccio egoistico questo signore avesse allungato le mani su una attricetta, quale sarebbe stata la reazione del main-stream? Giustamente sarebbe diventato un buon motivo per incriminarlo e metterlo alla gogna. Ecco perché non siete credibili, perché ra due porcherie avete scelto di coprire quella più grave. Ma la gente ha capito molto bene il giochetto. Ecco il vero motivo per il quale Grigolini ha vinto.
     
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA