LUTTO

La chitarra non suona più
Addio a Rudy Rotta

03/07/2017 22:36

Il blues italiano perde uno dei suoi principali protagonisti: Rudy Rotta. Il chitarrista è morto nel tardo pomeriggio a Verona a 66 anni, dopo aver lottato contro una malattia che non gli ha più consentito di salire su un palco.

Figlio di emigrati in Svizzera, Rudy Rotta era arrivato a Verona a 18 anni. La dua carriera musicale è ricca di collaborazioni con leggende mondiali (Brian Auger, John Mayall, Robben Ford, Peter Green per citarne alcuni), di condivisioni sui palchi dei più noti festival, a partire da Jazz Festival di Montreaux, con big quali B.B.King, Allman Brothers, Luther Allison, John Mayall, John Hammond, Taj Mahal, Larry Carlton.


Gli americani, piuttosto avari nel concedere elogi a musicisti non di casa loro - e ancor più tirati quando si tratta di blues - a Kansas City hanno definito Rotta 'Europe's Top Act'. Una consacrazione rimarcata con l'uscita, nel 2006 di 'Winds of Lousiana' registrato a New Orleans assieme a prestigiosi musicisti Usa.

La Fender, tra l'altro, l'ha omaggiato creando un modello della mitica Stratocaster "Rudy Rotta Signature". Tra gli ultimi lavori, da ricordare "Beatles vs The Rolling Stones" del 2015.


 
  • Maurizio Mitterstainer

    il 04/07/2017 alle 14:10 “Rip Rudy”
    Verona e tutti gli amanti del buon blues e dell'onestà piangono Rudy. Rudy aveva un sassolino nella scarpa: si dispiaceva di non aver mai suonato all'Arena, simbolo della sua città
     
  • Bkl

    il 04/07/2017 alle 08:46 “Una Perdita Enorme X Verona”
    visto dal vivo anni fa, un piacere sentirlo.. pura passione. non ha riscosso il successo che avrebbe meritato anche sul territorio italiano. addio RR
     
  • Monica Biroli

    il 03/07/2017 alle 23:26 “Moni”
    non ti conoscevo r.i.p. Rudy dolce angelo