BERTUCCO DOPO INCENDIO SEV

"Verona sta diventando
la Terra dei Fuochi 2.0"

16/04/2018 16:48

"Occorrerà attendere tutte le verifiche del caso, ma non possiamo far finta di non vedere come il nostro territorio stia diventando una sorta di Terra dei Fuochi 2.0 dove, anziché nelle strade, i roghi divampano direttamente nelle aziende di trattamento dei rifiuti". Durissimo intervento di Michele Bertucco, consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune, dopo l'enorme incendio alla Sev di Povegliano.

L'ex Pd ha continuato: "La Sev di Povegliano risulta avere un’autorizzazione in scadenza al 1° aprile 2019. Attiva da almeno 10 anni nel settore dei rifiuti non pericolosi, speciali e urbani, ha fatto registrare una voltura e un cambio di denominazione il 30 novembre 2017, quindi pochi mesi fa, che l’ha trasformata in Sev 2.0 Srl. Sono passaggi che vanno approfonditi con la massima cura".

Bertucco ha concluso: "Altrettanto da approfondire è l’impatto della densa nube di fumo che ieri si è abbattuta anche sul capoluogo e sulla già critica qualità dell’aria che respiriamo ogni giorno. Proprio oggi i dati della campagna "Mal'aria" 2018 di Legambiente ci spiegano che le contromisure per il risanamento dell’aria adottate da Comuni e Regione Veneto sono state del tutto inefficaci e irrilevanti. Non sarebbe tollerabile che la ragion di stato rappresentata ieri dal Vinitaly - che ha fatto desistere dal prendere provvedimenti più drastici della semplice allerta – facesse passare in cavalleria i doversi approfondimenti sulle tonnellate di materiali nocivi immessi nell’aria".


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA