ANALISI METEO

Marzo 2018 a Verona
... proprio pazzerello

04/04/2018 14:24

Marzo Pazzerello recita il proverbio e il marzo appena passato ci ha mostrato quanto sia davvero così. Era del 2013 che marzo non aveva connotati più invernali che primaverili, infatti negli ultimi "marzo" ci eravamo abituati a temperature sempre sopra media, senza (o con poca) pioggia e quindi molti sono rimasti spiazzati dal mese appena trascorso perchè non eravamo abituati ad un inizio di primavera così "strano".


Inutile che ve fassa la papardella su cosa l'è la primavera perchè ve l'ho zà scritto più volte... ma comunque per farla breve: La primavera l'è na stagion Matta.. e no de certo la "bella stagione" perchè è quel periodo dell'anno in cui i contrasti tra inverno ed estate sono più evidenti. Nei ultimi anni a marzo aveva "vinto" i connotati più "estivi", quest'anno l'inverno el se l'ha ciapà più comoda.

Comunque nel titolo avea comicià disendo che l'era dai tempi de Matìo Copo che ... un mese non l'era più freddo del normale e contemporaneamente anche più piovoso. Eh si perchè, andando ad analizzare i dati Arpav di Verona e confrontandoli con le medie trentennali quello che emerge è che:

  • Marzo è stato più freddo del normale (di quasi 3 gradi rispetto alle medie) per quanto riguarda le temperature massime, mentre ha giusto in linea con le temperature minime. Questo fa si che Marzo sia, almeno per la nostra provincia il secondo mese filato più freddo del normale... eh anche questo fatto non è che accada spesso, ma di certo non significa che stiamo andando verso l'era glaciale.... lo dico per scongiurare isterismi collettivi da parte dei caldofili che se ciapa un scago con ste notizie ma anche per evitar isterismi collettivi per le troppa euforia da parte dei freddofili che i se vede zà catapultè nel film "the day after tomorrow"... quindi NO PANIC. Ha fatto solo due mesi più freddi dopo anni e anni di temperature sempre più alte (a livello globale...)
  • Marzo è stato molto piovoso con 34 mm in più a Verona (e in molte zone addirittura 60/80 mm). La cosa interessante che va a confermare il detto "l'è a marso che se carga (de neve) le montagne", è che complessivamente nel mese di marzo sul Baldo sono caduti quasi 150 cm di neve fresca (parlo a quote superiori ai 1800 metri) e anche questo è un record se paragonato agli ultimi mesi di marzo quando el Baldo el parea en pandoro sensa el suchero a velo de sora da quanto l'era maron.

  • Ovviamente dopo un 2017 disastroso da questo punto di vista, la tanta neve e le piogge "normali" (perchè con questo "surplus di marzo andiamo a pari con i mesi scorsi un po' più sottotono anche se abbastanza in linea con le medie) fa si che questo inizio di 2018 sia di buon auspicio per scongiurare il rischio siccità che l'anno scorso appunto abbiamo toccato con mano. Infatti a meno di prossimi mesi disastrosi direi che la situazione delle falde è "buona" e che con lo scioglimento della neve vedremo anche il nostro Garda crescere di livello.


    Bon vò rotto le bale en bisogno, ve saludo

    Ciaoooo


    Nicola Bortoletto


     
    Nessun commento per questo articolo.
    INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
    ACCETTA